Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Guestbook,I sonetti romani

2 Maggio 2020

Famo attenzione

Famo attenzione

***

Si nun ce sta chiarezza, er grosso rischio,

quanno ch’ariva adesso er 4 maggio,

è che se esce tutti a l’arembaggio,

guasi a aspettà così er triprice fischio.

***

Sortì, e tutti assieme, è un ber miraggio,

nun se pò fà e chi dice: “Me ne infischio…

sto da du’ mesi chiuso che cincischio”,

lungi da l’èsse un omo de coraggio …

***

… rischia pe lui e nun solo, ma pe quanti

possibbirmente incontra pe la strada,

si gira senza mascherina e guanti.

***

Me auguro de certo nun accada,

ma a raggionà così sò pure in tanti,

pe questo dico a tutti quanti: “bada!”

***

Stefano Agostino

___________________________

***

 

  1. Si nun ce sta chiarezza, er grosso rischio,
    quanno ch’ariva adesso er 4 maggio,
    è che se esce tutti a l’arembaggio,
    guasi a aspettà così er triprice fischio. …

    Comment by Stefano — 2 Maggio 2020 @ 02:02
  2. E’ come se fossimo stati messi in prigione e finalmente possiamo respirare un po’ di libertà! Ma facciamolo con criterio, altrimenti abbiamo sofferto invano!
    Buon Pomeriggio!

    Comment by letizia — 2 Maggio 2020 @ 17:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>