Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Aprile 2019

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

**

Gesù Risorto apparve quela sera,

a loro, li discepoli anniscosti,

je disse: “Pace a voi. Li vostri posti,

sò ar monno a divurgà la Vita Vera.

 ***

Ché lo Spirito Santo v’ha disposti

a perdonà peccati e a dà a chi spera,

Amore e pace a la Mia magnera,

mó annate senza che gnente ve sosti”.

 ***

In quela sera nun c’era Tommaso,

quanno venne a sapé de tutto er fatto,

disse: “Io nun ce credo, manco a naso.

 ***

Si nun lo vedo e nun lo tocco ar tatto,

de tutto questo nun so’ perzuaso”,

Così Gesù lo fece soddisfatto.

***

Tornò che c’era lui e nun a caso,

je disse: “Metti er dito e cor contatto

su le ferite, tocca raso raso”.

***

Tommaso lo sfiorò e disse de un tratto:

“Sei Tu Signore, credo e in Te me baso”,

Gesù arispose: “Credi. E no a contratto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Gesù Risorto apparve quela sera,
    a loro, li discepoli anniscosti,
    je disse: “Pace a voi. Li vostri posti,
    sò ar monno a divurgà la Vita Vera. … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Aprile 2015 @ 06:58
  2. Ner sonetto la prova der concetto umano di credere solo se contestato. La fede del cristiano deve, ‘nvece, essere cieca nella SS.ma Trinità e, con essa, nella resurrezione.

    Comment di 'svardo — 8 Aprile 2018 @ 11:10
  3. «Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!».
    Buona serata.

    Comment di letizia — 28 Aprile 2019 @ 19:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>