Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

13 Dicembre 2022

Qatar…atte der celo

Qatar…atte der celo

***

Se sta a scoprì ‘sto vaso de Pandora,

che qui fa uscì sortanto delinguenti,

come chiamalli, si nun artrimenti,

co impicci sotto da mannà in malora …

***

… tra coruzzioni, pizzi e le tangenti,

e li magheggi ch’escheno de fòra,

che ciànno ner Qatar mai come ora,

infirtrazzioni e mafie più potenti.

***

Un giro de mijardi de quatrini,

in cambio de potere e de favori,

pe conquistà mercati, piazze e affini.

***

Buttanno giù ner cesso li valori,

der bon governo e de l’onesti fini,

e guai si a ‘sti signori li s’ignori.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

19 Novembre 2022

Qatar 2022

Qatar 2022

***

Comincia l’avventura der mondiale,

che noi guardamo solo dar divano,

è già er seconno in fila e assai fa strano,

sapé l’Italia a casa tal’e quale.

***

Mondiale in Qatar, autunno sano,

già questo cià ben poco de normale,

ma è er sòrdo a regge er monno, è naturale,

er carcio in questo è sempre in primo piano.

***

Sò morti pure un sacco de operai,

pe costruì ‘sti stadi ner deserto,

co emissioni zero, quanno mai.

***

In un paese dimo poco aperto

in diritti civili e lo saprai,

rispetto pe la donna mai coperto.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

15 Novembre 2022

Missile in Polonia

Missile in Polonia

***

Nun s’è capito bene ch’è successo,

er missile in Polonia si è cascato,

pe corpa de quer russo svarvolato

o invece si è l’ucraino da se stesso …

***

che pe difenne allora er propio stato

lo ha lanciato lui senza un quar nesso,

mettenno a repentajo er monno adesso,

co la Polonia che sta ne la Nato.

***

Er rischio è un’escalation de ‘sta guera,

che va a coinvorge tutto quanto er monno,

partenno da ‘sto fatto de stasera.

***

Speramo che se fermino un seconno

guardanno ar futuro de ‘sta Tera,

pe evità davero er finimonno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Novembre 2022

Qui si nun piove

Qui si nun piove

***

Qui si nun piove e c’è poco da ride,

ma mica co du’ gocce, dico bene,

da irrigà le tere in fiumi e piene,

e da riempì cisterne, pozzi e guide …

***

… finimo in siccità e co grosse pene

ariveremo un dì a faide e sfide,

ne le guere de l’acqua fratricide,

verzanno sangue da arterie e vene.

***

Ma pare nun se ne curi nisuno,

de ‘sto probbrema e de come fà fronte

a la penuria d’acqua e si quarcuno …

***

… solleva la questione e mette in riga,

guardando ar futuro e a l’orizzonte,

pe guasi tutti quello è un portasfiga.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

13 Luglio 2022

Er vero probbrema de ‘sti giorni

Er vero probbrema de ‘sti giorni

***

Ma quale guera, quale pandemia,

ma quale siccità o l’inflazzione,

er costo de la benza e la razzione

de luce, gas e acqua in carestia.

***

Giornali, radio co televisione,

li social tutti assieme in armonia,

sò certi: probremaccio e malatia

è la separazzione der “Pupone”.

***

A parte che se chiama Capitano,

o ar più Francesco, sto a risponne ar coro,

de chi ce se fa ricco co ‘sto piano…

***

…. ve chiedo … e qui assai me ce accaloro,

de Totti e de la Blasi … caso strano …

ve viè er sospetto che … sò cazzi loro?

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Giugno 2022

Nun se famo mancà gnente

Nun se famo mancà gnente

***

Inzomma … nun se famo mancà gnente:

c’è l’inflazzione, c’è la carestia,

e stàmo ancora in piena pandemia,

la siccità è un punto assai dolente …

***

… e tocca poi da fà più economia

de luce, gas, e acqua … è avvilente,

co la benzina, d’oro veramente

e l’anzia a cresce a fà da malatia.

***

Cor clima ch’è impazzito e manco piove,

li fiumi in secca e ‘na temperatura

che da 40 scegne a trentanove.

***

E infine la minaccia de ‘na guera

che nun conosce manco ‘na misura,

sinnò quella globbale de la Tera.

***

Stefano Agostino

________________________

*****+

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

14 Giugno 2022

Nun sei ‘na madre, ma er suo “anagramma”

Nun sei ‘na madre, ma er suo “anagramma”

***

Pe te nun ciò sortanto der disprezzo,

ch’è pari a l’odio e più schifo totale,

nun t’auguro nemmeno er peggio male,

ché già ce l’hai addosso come un prezzo.

***

Ché qui qualificatte a poco vale,

anche l’inzurto più appropiato è un mezzo

che nun corpisce ar centro manco un pezzo,

de quanto te ripudio come tale.

***

Nun vojo da sperà ne la vendetta

o chissà quale urtimo giudizzio,

che ar Giudice de l’Univerzo spetta.

***

Vojo penzà, e guasi me ce sfizzio,

a quant’è bella Elena pupetta,

in braccio a Dio … a vive un novo inizzio.

***

Stefano Agostino

_____________________

***