Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

25 Settembre 2021

Ritorno ar medioevo

Ritorno ar medioevo

***

Dar quinnici de ottobbre tutti indietro,

ritorno in ufficio ar naturale,

lo smart-working sopra ar capezzale,

finisce giù in cantina, dietro a un vetro.

***

‘Na mossa che cià più der medievale,

che fa tornà a tanto tempo addietro,

serve a riempì li autobus, le metro,

e tutti assieme in centro … sì… geniale.

***

Perché nun ritornà ar manicotto,

ar timbro, a pennino e ceralacca,

co la carta carbone a passà sotto?

***

Co clima e ecologgia che vanno in vacca,

co li “mijori” che mó ciànno rotto,

e ‘sto Paese affonna ne la cacca.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

25 Agosto 2021

Talebani tal’e quali

Talebani tal’e quali

***

Ma quali conferenze e interviste?

Quale dipromazzia e che parole?

Nun c’è da crede a ‘sti tajagole,

né daje spazzio in TV e riviste.

***

Che dialogo vòi fà co ‘ste gran sòle?

Pe rivedé così scene già viste,

de come sò le menti qui reggiste,

de stampo talebano e de che prole.

***

Sò quelli che sgozzaveno bambini,

artro che sò cambiati e che sò boni,

si tratteno le donne da zerbini.

***

Nun c’è da dialogà co ‘sti zozzoni,

ma da caccialli presto ‘st’assassini,

levannoseli già da li cojoni.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

17 Agosto 2021

Er piromane

Er piromane

***

Che pò succede indentro a ’na capoccia,

pe incendià e dà foco a ’na foresta?

Nun ce lo so, ma so che quela testa,

nun riesco a piagne mica si se scoccia.

***

Te credi, che ne so, de fà ’na festa?

La benza su li tronchi a mo’ de doccia,

sfregà un cerino che ciài in saccoccia,

pe poi sfruttà quer vento de tempesta.

***

Chissà si mosso da ’sto strano gusto,

te sentirai potente o pressappoco

e penzerai de stà pure ner giusto.

***

Magara prima o poi pe fà ’sto gioco,

quarcosa te va storto e ner trambusto,

co ’na fiammata addosso te dài foco!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

9 Agosto 2021

Olimpiade de Tokyo

Olimpiade de Tokyo

***

A Tokyo se fa er pieno de medaje,

cor record mai toccato de quaranta,

soddisfazzione azzura che se vanta

tutt’er Paese tra sfide e battaje.

***

Se chiude ‘st’esperienza che ce ‘ncanta,

p’er vero sport espresso e tocca daje

er giusto peso a chi, co nostre maje,

è ito a vince e l’inno ce lo canta.

***

10 oro e argento e 20 bronzo,

successo che nun era mai successo,

ch’è da stappà bottije e d’uscì sbronzo.

***

40 vorte a salì sur podio,

te renni conto de quanto sia fesso,

tifà sortanto chi fomenta l’odio.

***

Stefano Agostino

__________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

28 Luglio 2021

La scerta der vaccino

La scerta der vaccino

***

Nun vòi vaccinatte? È ‘na tua scerta,

che io nun condivido, ma rispetto,

arivo presto ar punto der sonetto,

ciài da seguì però la strada offerta.

***

Nun è ‘na dittatura si prometto

sortanto cor vaccino porta aperta,

che nego a te che, guarda che scoperta,

rischi eccome ancora d’èsse infetto.

**

Nun hai voluto inoculà er vaccino,

pe le raggioni tue che nun commento,

ma nun pòi rompe e manco fà casino …

***

… si mó sortanto chi cià er documento

da immunizzato pò fà quer cammino,

che hai schifato dar primo momento.

***

Stefano Agostino

______________________

******

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Marzo 2021

Un anno da quer giorno

Un anno da quer giorno

***

Un anno da quer giorno, e pare stretto,

da la sfirza de camion militari,

a portà via le bare e da li cari,

li morti pe ‘sto virus maledetto.

***

Come scordà er silenzio tra li fari

de quela coda lunga e l’interdetto

popolo in casa a capì l’effetto,

che dà la pandemia e giorni amari.

***

Passato un anno, ma la situazzione

de li contaggi e morti de ‘gni giorno.

pare nun sia cambiata e a raggione.

***

Stamo in lockdown, varianti de ritorno,

ricoveri e terapie in azzione,

e ‘sto silenzio ancora tutt’attorno.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

13 Marzo 2021

Gioco der lockdown

Gioco der lockdown

***

E ciarisemo: in tempo marzolino,

se torna un’artra vorta in zona rossa,

ner tempo in cui l’epidemia se ‘ngrossa,

co le varianti che fanno casino.

***

Se spera che ‘sto tempo dia ‘na scossa

pe seguità a la granne cor vaccino,

ma intanto er passo, quello der destino,

pe un sacco de poracci sa de fossa.

***

Un anno de chiusure e restrizzioni,

de scerte de politici e de scenza,

tra esami sierologgici e tamponi.

***

Distanze e mascherine stà mai senza,

e poi de botto strane senzazzioni:

d’èsse tornati ar punto de partenza.

***

Stefano Agostino

______________________

***