Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Aprile 2019

Le straggi de Pasqua

Le straggi de Pasqua

***

Vijacchi, maledetti e senza Dio,

perché de certo voi nun ce l’avete,

nun ce sta dio (minuscolo) sapete,

che pò ordinà massacri e lo schifio …

***

… de uccide gente inerme co ‘na sete

de odio che nun cià mai fine e un io

de chi ammazza a fà scontà er fio

de avecce un’artra Fede da compete.

***

Un attentato a Pasqua come segno,

der vostro fine solo de terore,

ché nun cià artra loggica a sostegno.

***

Nun certo quella che fa vince er còre,

che mette ar centro de tutto er Suo Regno,

un Dio (maiuscolo) ch’è solo Amore.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Febbraio 2019

La protesta der latte

La protesta der latte

***

Capisco la protesta e le raggioni,

nun me permetto certo de discute,

quann’è er lavoro e tocca la salute,

nun cià bisogno de motivazzioni.

***

Ce l’ho co chi lamenta sprovvedute

risorze, da le peggio occupazzioni,

a chi produce latte e a l’oppignoni

espresse, da fà invidia a quelle mute.

***

Ma nun capisco lo sprecà ‘sto latte,

co tanta gente che, pe ‘gni reame,

co la miseria nera ce combatte.

***

Fa male da vedé trattà letame,

‘sto ben de Dio che pò fà soddisfatte,

le bocche de chi se mòre de fame.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 Febbraio 2019

Attenti a le promesse

Attenti a le promesse

***

Si nun pòi mantené, tu nun promette,

ché anche dietro a ‘na vaga promessa,

ce sta chi ce pò crede, e tanto, in essa,

ché in te confida e l’occhi tua arifrette.

***

Si invece quer che dici è ‘na scommessa,

che sai che sàrta o peggio te se mette,

chi cià creduto a quele cose dette,

perde fiducia in te e ‘gni cosa espressa.

***

È mejo usà da subbito chiarezza,

ché si ‘na cosa nun la vòi o stenti,

è inutile che cerchi co scartrezza …

***

… d’annà a aggirà li tempi e modi e eventi,

quanno la verità mejo s’apprezza,

a dillo in faccia che nun te la senti.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

29 Dicembre 2018

Basta botti a Capodanno

Basta botti a Capodanno

***

È ‘na proposta ch’è come ‘na goccia,

ma tante gocce assieme fanno er mare,

perciò la faccio, armeno qui me pare,

de èsse franco a dì che ciò in capoccia.

***

Arivo ar punto, ché sinnò scompare:

co ‘st’aria che c’è ‘st’anno e che ce ‘ncoccia,

venti de guera e monno che scapoccia,

er Capodanno sia particolare.

***

Lassamo de schioppà tutti li botti,

petardi, razzi, ciccioli e fischioni,

nun li sparamo più, se semo rotti.

***

Penzamo a auguracce un ber domani,

senza guera e terore e pagà scotti,

saranno più felici gatti e cani.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

5 Giugno 2018

Ramo spezzato

ramo spezzato

Ramo spezzato

***

Voleva portà un fiore a la regazza,

l’aveva visto ar centro de un’aiola,

così se disse solo ‘sta parola:

“L’arubbo” come fa ‘na ladra gazza.

******

Ma entranno ner recinto, co la sòla,

un ramo nun ha retto quela stazza,

s’è rotto come fa er biscotto in tazza,

spezzato come sotto a ‘na tajola.

***

 E mó, pe ‘sto reato ch’ha commesso,

se la deve vedé cor maggistrato,

ch’è j’ha allestito er banco der processo.

***

Così che pe quer ramo ch’ha spezzato,

pe arigalà un ber fiore ar gentir sesso,

rischia d’annà a bottega, carcerato!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

29 Maggio 2018

Er paladino de l’ingiustizzia

Er paladino de l’ingiustizzia

***

Fai er paladino, sì, de la giustizzia,

er difenzore de l’istituzzioni,

de Mattarella e de le sue raggioni,

de com’è ita, tanto a te te sfizzia.

***

Ma si vincevi tu a ‘st’elezzioni

e nun potevi governà, te inizza 

o no a venì er sospetto a che notizzia

  avresti scritto e quali titoloni?

***

Invece si sò cinquestelle e lega

a protestà pe un voto sputtanato,

tu parli d’estremismo … chettefrega.

ééé

Pe un paese che si è Stato è stato

mó è un participio che ar passato piega,

e qui nun verà più “maiuscolato”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Maggio 2018

Governo Lega-M5S

Governo Lega-M5S

***

Chissà si ce se riesce ne l’intento

de tirà su un Governo verde-oro,

nun è er Brasile, so’ io che coloro

co tinta de la Lega e Movimento.

***

Chissà che dopo mesi de lavoro

conzurtazzioni lunghe a sfinimento,

nun se sia mosso tutto er Parlamento,

pe dà ar Paese un sorzo de decoro.

***

Co un’alleanza Di Maio-Salvini

che sigleno un contratto de Governo,

senza discute e senza fà casini.

***

Pe dimostrà e fàllo da l’interno

che ar di là de giochi da bambini,

vonno sarvà l’Italia da l’inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***