Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Novembre 2019

Com’è triste Venezzia

Com’è triste Venezzia

***

Venezzia de ‘sti giorni è er lacrimone

che scegne giù da quele mascherine,

che vedi tutto l’anno a le vetrine,

e a Carnevale ar viso a le perzone.

***

Solo che nun ce sò le porporine,

né danze e balli manco d’occasione,

ma l’acqua arta a fà salì er magone,

e calle e piazze a sembrà piscine.

***

Er Mose messo lì giusto a difenne,

Venezzia e tutta quanta la laguna,

nun è servito artro che a fa spenne …

***

… a l’italiani tutti ‘na fortuna,

pe cercà mai er corpevole da offenne

ch’è guardà er dito, invece de la Luna.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Settembre 2019

Minestra concallata

Minestra concallata

***

Ciànno ‘mbottito ancora de promesse,

“faremo questo noi e anche quello,

ve sarveremo noi da ‘sto macello,

noi novi der PD e de cinque esse”.

***

Me sbajo io però o sò le stesse

perzone che, dopo lo scampanello,

già ciànno governato e co un girello,

le votazzioni l’hanno fatte fesse?

***

Ma come sempre er popolo che conta?

Er due de coppe si regna bastoni,

e un’artra vorta ‘sta nazzione è pronta …

***

… a strigne cinghie a li pantaloni,

fin quanno rimarà solo l’impronta,

ben evidente de li du’ cojoni.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 Settembre 2019

Nun m’avveleno più

Nun m’avveleno più

***

Nun m’avveleno più, me so’ stufato,

me metto già affacciato a la finestra,

curioso de vedé che ‘sta minestra,

saprà mai fà, ner tempo der mannato.

**+

Che ciò le palle gonfie … taja extra,

de quello ch’hanno tutti combinato,

inciucio, tradimentento, cojonato

l’elettorato da sinistra a destra.

***

Nun vojo più discute co nessuno,

ché tanto coerenza co coraggio,

sò doti rare da trovà in quarcuno.

***

De certo da ‘sto sito quanno assaggio

quarcosa che fa schifo, sarvognuno,

la rimerò rischianno arch’er linciaggio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

5 Settembre 2019

Conte 2.0

Conte 2.0

***

Ce sò riusciti a ‘mpecettà un Governo,

presi de qua e de là, ministri in lista,

quarcuno sconosciuto, artri in vista,

da presentà, giuranno amore eterno …

***

… ar Capo de lo Stato e, pe reggista,

Giuseppe Conte “bis” a fà da perno,

Giustizzia, Sanità, Esteri, Interno,

Finanze, Istruzzione e su ‘sta pista …

***

… man mano tutti quanti l’artri in coro,

eppoi via-via li sottosegretari,

p’er bene der Paese, ch’è er tesoro.

***

Co la fiducia de parlamentari,

potranno comincià pe bontà loro,

a lavorà … e lì sò c…. amari!

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Settembre 2019

Governo giallo e Rousseau

Governo giallo e Rousseau

***

Ma come? Eravate er cambiamento,

pe spazzà via er marciume e fà un governo,

senza più  tracce de quer monno interno,

de parucconi de ‘gni schieramento.

***

Mai cor PD … manco un appoggio esterno,

e co ‘sti strilli intanto er Parlamento,

man mano se l’è preso er Movimento,

pe cancellà er passato in eterno.

***

Solo che poi provata la portrona,

v’è assai piaciuto arimanecce sopra,

ar punto poi che ‘gni alleanza è bona.

***

Abbasta che ve lassi in der Palazzo,

co un voto preso allora che ve copra,

chi v’ha votato … che s’attacchi ar c…. !!!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

27 Agosto 2019

Incollati a la portrona

Incollati a la portrona

***

È tutto un giro de conzurtazzioni,

tra inciuci e accordi pe rifà er Governo,

co tutti a cercà aiuti da l’esterno,

pe scongiurà possibbili elezzioni.

***

‘Gni piccolo partito fa da perno,

a regge er novo assetto tra fazzioni,

abbasta da evità le votazzioni,

che vanno a mette a rischio er sempiterno …

***

… e unico obbiettivo der potere,

ch’è quello de nun perde la portrona,

ariscallata grazzie a quer sedere …

***

… cui s’è incollata, pe restà ar Palazzo,

così che allora poi ‘gni scusa è bona,

pe nun scrollasse mai da sopr’ar c….

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Agosto 2019

Amazzonia in fumo

Amazzonia in fumo

***

E prima la Sibberia, eppoi l’Alaska,

adesso anche un ber pezzo de Amazzonia,

chissà si quarchiduno ce lo conia,

er termine p’er foco a chi je casca.

***

Fuss’anche er posto che sta più in culonia,

c’è che ‘sta Tera cià piena ‘gni tasca,

de l’omo che j’ha tòrto fauna e frasca,

o che cià fatto ‘na gran macedonia.

***

E mó s’aritrovamo co le pezze,

cor clima ch’è ammattito tutt’a un botto,

e abbrucieno ‘ste fonti de ricchezze.

***

Ma guai a dì, pe nun pagà ‘sto scotto,

da smette co emissioni de schifezze,

ché chi commanna dice: “Me ne fotto”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***