Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

5 giugno 2018

Ramo spezzato

ramo spezzato

Ramo spezzato

***

Voleva portà un fiore a la regazza,

l’aveva visto ar centro de un’aiola,

così se disse solo ‘sta parola:

“L’arubbo” come fa ‘na ladra gazza.

******

Ma entranno ner recinto, co la sòla,

un ramo nun ha retto quela stazza,

s’è rotto come fa er biscotto in tazza,

spezzato come sotto a ‘na tajola.

***

 E mó, pe ‘sto reato ch’ha commesso,

se la deve vedé cor maggistrato,

ch’è j’ha allestito er banco der processo.

***

Così che pe quer ramo ch’ha spezzato,

pe arigalà un ber fiore ar gentir sesso,

rischia d’annà a bottega, carcerato!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

29 maggio 2018

Er paladino de l’ingiustizzia

Er paladino de l’ingiustizzia

***

Fai er paladino, sì, de la giustizzia,

er difenzore de l’istituzzioni,

de Mattarella e de le sue raggioni,

de com’è ita, tanto a te te sfizzia.

***

Ma si vincevi tu a ‘st’elezzioni

e nun potevi governà, te inizza 

o no a venì er sospetto a che notizzia

  avresti scritto e quali titoloni?

***

Invece si sò cinquestelle e lega

a protestà pe un voto sputtanato,

tu parli d’estremismo … chettefrega.

ééé

Pe un paese che si è Stato è stato

mó è un participio che ar passato piega,

e qui nun verà più “maiuscolato”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 maggio 2018

Governo Lega-M5S

Governo Lega-M5S

***

Chissà si ce se riesce ne l’intento

de tirà su un Governo verde-oro,

nun è er Brasile, so’ io che coloro

co tinta de la Lega e Movimento.

***

Chissà che dopo mesi de lavoro

conzurtazzioni lunghe a sfinimento,

nun se sia mosso tutto er Parlamento,

pe dà ar Paese un sorzo de decoro.

***

Co un’alleanza Di Maio-Salvini

che sigleno un contratto de Governo,

senza discute e senza fà casini.

***

Pe dimostrà e fàllo da l’interno

che ar di là de giochi da bambini,

vonno sarvà l’Italia da l’inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

28 aprile 2018

Parlament…accivostra

Parlament…accivostra

***

Ner mentre ce se scanna in Parlamento,

tra un questo, un quello e un quell’artro ancora,

pe importronasse er culo a la bonora,

tra un questo, un quello e un artro schieramento …

***

… intanto ‘sto Paese nun riaffiora,

ché si nun cambia (e quanno cambia) er vento,

ner mentre questi penzeno ar “per cento”,

qui se finisce tutti assai in malora.

***

“Io vojo governà e fàllo uguale, 

abbasta conzervà seggio e salario,

sai chemmefrega er dato elettorale?”.

***

De fronte a ‘st’ammucchiata e a ‘sto scenario,

c’è er popolo che come sempre vale,

fin’a che vota, dopo è un sanitario.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

8 febbraio 2018

Come ar tempo de Caino

Come ar tempo de Caino

***

Pare che l’omo nun ha fatto un metro,

a giudicà da quer che poi succede,

dar tempo de Caino e nun procede

anzi simmai a vorte torna indietro.

***

‘Sta storia ch’è difficile da crede

de ‘na violenza che se porta dietro

artra violenza come specchio e vetro

tutto in frantumi de ‘na vita a chiede …

***

… un sorzo de giustizzia in de ‘no Stato

ch’ormai è aridotto solo a un participio,

e quer ch’è peggio è ch’è pure passato …

***

… co cani a portà l’acqua a quer mulino

pe prenne voti e vince ar municipio …

un metro nun s’è fatto da Caino.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 gennaio 2018

Mostri

Mostri

***

Nun vojo ariccontà che avete fatto,

tarmente me fa schifo e nun l’ammetto,

quer che ve vojo dì co ‘sto sonetto

è che pe voi nun c’è condanna o atto …

***

… che possa rimedià a quer che s’è letto,

la casa de l’orori e de quer ratto

che solo che ce penzo ce esco matto,

nun c’è condanna che paghi l’effetto.

***

Nun posso che auguramme pe l’eterno

che annate giù a brucià senza ‘na sosta

a ustionavve tutto ne l’inferno.

***

Da li capelli zozzi, e er che v’accosta,

fin’a li piedi lerci ne l’interno,

pe poi aricomincià e rifallo apposta.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 ottobre 2017

Er ciclone a l’incontrario

Ophelia er ciclone a l’incontrario

***

E ce mancava solo che un ciclone

prennesse contromano e a l’incontrario

la strada su l’oceano, un binario,

che l’ha mannato a l’artra direzzione.

***

Fenomeno che è straordinario,

cosi ce dice la televisione,

anche l’esperti senza spiegazzione

de come e der perché va in antiorario.

***

Er clima se sconvorge e nun aspetta

che li scènziati scoprono er motivo,

ché tutto cambia e pure troppo in fretta.

***

Come ‘sto tempo d’oggi ch’è più estivo,

che tarda primavera a daje retta,

Chissà com’è? Punto interogativo.

***

Stefano Agostino

____________________________________

***