Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

28 Ottobre 2020

Nun va minimizzata la protesta

Nun va minimizzata la protesta

***

Nun va minimizzata la protesta,

si va stigmatizzata la violenza,

sempre sbajata e pura delinguenza,

ce sta chi civirmente va e contesta.

***

Chi der lavoro cià da stanne senza,

e nun sa più ‘nd’annà a sbatte la testa,

co ‘na chiusura come mó, funesta,

che vole dì già cede la licenza.

***

Perciò si la violenza è da estromette,

de certo nun va sottovalutato

chi vò difenne er pane e sta a le strette.

***

Ce vonno aiuti e subbito de Stato,

e no promesse d’evità bollette,

che der più carmo, fanno un incazzato!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Ottobre 2020

Misure anti-covid

Misure anti-covid

***

Nun vojo contestà, anzi so’ er primo

che riconosce che ‘sta pandemia,

è dura da gestì, tra economia

salute da difenne … e nun m’esprimo.

***

‘Na cosa vojo dilla, dì la mia,

oggetto de la cosa che ve rimo,

perché chiude chi è in regola, e lo stimo,

co leggi e norme? Nun è mai la via.

***

Perché serrà palestre e ristoranti,

ch’hanno disposto bene ‘gni misura

de iggiene, sicurezza e stà distanti?

***

Fai chiude chi se sbraca e nun se cura

de li contaggi pe contà contanti,

ma a l’artri nun je strigne la cintura.

**

Smart working pe chi pò e scòle avanti

co la didattica ben più sicura,

misure da pià, in pochi istanti.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Ottobre 2020

DPCM der 12 ottobbre

DPCM der 12 ottobbre

***

Ereno da evità l’assembramenti,

li mezzi pieni, er centro affollato,

co “smart working” generalizzato,

e scòle superiori parimenti …

***

… didattica a distanza com’è stato,

potevi da seguì ‘st’intennimenti,

ché tutti assieme in giro artrimenti,

se forma un ber casino incontrollato.

***

Ma invece che vai a fà? Toje er carcetto,

feste private e chiudi li locali,

a ‘na cert’ora, tutti dentr’ar letto.

***

Ma certo … queste sì sò idee geniali,

ch’er virus già sta a ride come effetto …

ner mentre che affolla l’ospedali.

§§§

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Ottobre 2020

Ma quale fantasia ?!?

Ma quale fantasia ?!?

***

È giusto certo nun creà terore,

parlanno sempre de ‘sta pandemia,

de morti, contaggiati e malatia,

de terapie intenzive e de dolore.

***

Ma artro è negà l’epidemia,

pe dì ch’è tutto finto e fà l’attore,

che senza mascherina, né pudore,

va pure in piazza a dì ch’è fantasia.

***

Ma quale fantasia ?!? Te sei scordato 

li camion che portaveno le bare,

ché er cimitero nun era bastato ?!?

***

E chi ha perduto le perzone care,

e chi ancora adesso sta intubbato,

… e nun le dì più ‘ste cazzate amare.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Settembre 2020

L’assasinio de Eleonora e Daniele

L’assassinio de Eleonora e Daniele

***

L’ha uccisi perché ereno felici,

co ‘sta freddezza lui l’ha dichiarato,

ner senzo che l’invidia j’ha bruciato

quer mozzo de cervello a le radici.

***

Così de botto in casa j’è ‘mboccato,

a quelli che poi ereno l’amici

la rabbia e la violenza direttrici,

nun cià più visto gnente e ha ammazzato.

***

Ce dicheno poi arcuni conoscenti,

che ‘sto soggetto è un bravo regazzo,

che nun sanno spiegasse li moventi.

***

“Vò diventà infermiere, se fa un mazzo …”

ma intanto ‘sti du’ pòri innocenti

mó nun ce stanno più … teste de ca… !!!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

21 Luglio 2020

Recovery fund

Recovery fund

***

L’Europa pare finarmente unita:

er piano de rilancio è approvato,

a la facciaccia de chi cià provato 

a mette veti e chiude la partita.

***

E invece s’è deciso che ‘gni Stato,

co ‘na gran cifra ch’è già stabbilita,

stanziata da l’Europa e garantita,

possa risollevasse dar passato.

***

Ducentonove quinni li mijardi,

l’aiuto pe l’Italia ch’è ottenuto,

pe risanà e arivà a li traguardi.

**li 

Mó nun ce sò più scuse ‘gni minuto

ce sò li sòrdi … e nun sò più buciardi,

perciò chi cià bisogno ciabbia aiuto!

**

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Maggio 2020

“Silvia” o “Aisha” che sia

“Silvia” o “Aisha” che sia

***

Quer che me dà fastidio veramente,

è che da quanno ch’è atterata in poi,

ha smesso d’èsse già una de noi,

seconno l’oppignone prevalente.

***

Come ce fusse poi un noi e un voi,

giudizzi e offese da un sacco de gente,

de chi sa tutto … io che nun so gnente,

me chiedo, ar posto suo, ma quanti eroi …

***

… rapiti da feroci assassini

e detenuti pe 18 mesi,

mó staveno a guardà nome e santini.

***

C’è tempo pe chiarì li fatti intesi,

e pe sgamà li peggio artarini,

ma giudicà così lassa indifesi.

***

Stefano Agostino

__________________________

***