Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Febbraio 2021

Veri eroi

Veri eroi

***

Du’ granni servitori de lo Stato,

du’ ommini e du’ fìi de ‘sto Paese,

che pagheno er costo de le spese

ar prezzo ch’è er più arto concordato.

***

Nati pe fà der bene era palese,

anche ner giorno der loro attentato,

ché staveno sur mezzo nun blindato

pe ‘na missione umaniaria ar mese.

***

Luca, ner Congo, era ambasciatore,

Vittorio, je faceva lui da scorta,

carabbiniere de granne valore.

***

Qui er probbrema è de spartì la torta,

ner mentre chi cià a còre er tricolore,

mó sta ‘ndó nun c’è più la gente morta.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

9 Febbraio 2021

Tutti co Draghi

Tutti co Draghi

***

È modo tutto italico nostrano

d’aribbartà er senzo a le parole:

“er Sole”, “stà da sole” e “dà le sòle”,

sò esempi de ‘sto tipo in romano.

***

Me preme qui, però, e più me dole,

parlà der cambiamento in artro piano,

che ‘gni partito sur sòlo italiano,

mó ch’è arivato Draghi, dice e vole.

***

La chiameno così: “raggion de stato”,

‘sta macedonia de Governo bona,

pe chi fin solo a ieri s’è inzurtato.

***

“Er bene de l’Italia” condizziona,

ma un dubbio che me viè … sarò ingrato,

ch’er bene sia “scallà quarche portrona”. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

3 Febbraio 2021

Italia … morta

Italia … morta

***

Ce sò riusciti anche pe ‘sta vorta,

saranno tutti in pace e tutti paghi,

‘sti sartimbanchi, mimi, nani e maghi,

je s’è aperta a tutti ‘st’artra porta.

***

Via Conte … certo … venghi Mario Draghi,

grazzie a le scerte de un’Italia … morta,

de gente tutta da memoria corta,

da pesciolini rossi de li laghi.

***

Ce scusi, caro Presidente Conte,

d’avé gettato ne la spazzatura,

chi ha combattuto er male su dar fronte.

***

Che a ‘sto Paese stava a dà ‘na cura,

mó è paese co un solo orizzonte,

no de democrazzia, ma dittatura.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Gennaio 2021

Tutti CONTEnti

Tutti CONTEnti

***

Come si fusse stato ch’un giochetto,

gestì er Paese ne la pandemia,

combatte co ‘sta granne epidemia,

co poche armi eppoi tutto de getto.

***

O semprice sarvà l’economia,

in piena crisi come primo effetto,

ch’ha riguardato er monno, un aspetto

che nun è certo pura fantasia.

***

Sò stati fatti sbaji … è naturale,

ma intanto prese pure decisioni,

che artri han seguito, ben’ o male.

***

Ma pe pastette de portrone a molle,

qui oggi, pe ‘na massa de cojoni,

è un dì de festa: Conte sale ar colle!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Gennaio 2021

Trump…o’ è finita

Trump…o’ è finita

***

Co oggi finarmente se ne smamma,

ché se levamo tutti ‘sto tormento,

nasce l’era de Biden e in un momento,

er monno pare accenne un’artra fiamma …

***

… ch’è de speranza che mó cambi er vento,

che certo passi presto ‘sto ber dramma,

ma sia rivisto poi tutt’er programma,

da oggi stesso co l’inzediamento.

***

Finisce, grazzie a Dio, ‘sta presidenza,

tra le più brutte de li Stati Uniti,

de cui avremmo fatto tutti senza.

***

Nun ciaspettamo un’artra età de l’oro,

ma certamente meno boria e liti,

auguri Mr. Biden, bon lavoro!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Gennaio 2021

InterfeRENZI

InterfeRENZI

***

Lui ner ber mezzo de ‘na pandemia,

e cor Paese a l’orlo der collasso,

se n’esce co ‘sta mossa da gradasso,

che mó mette er governo in balìa …

***

… de chi cià già l’appoggio giù dar basso,

pe sfruttà presto ‘sta ghiottoneria,

d’annà ar potere quale ch’esso sia,

purché je faccia dì … “avanti …passo!”

***

Lettore mio nun so come la penzi,

ma tutto questo cià ‘na sola fonte,

che corisponne a lui Matteo Renzi.

***

Ner mentre s’annerisce l’orizzonte,

li dubbi sur futuro sò più intenzi …

de ‘ste manfrine pe buttà giù Conte.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Dicembre 2020

Basta botti a Capodanno

Basta botti a Capodanno

***

È ‘na proposta ch’è come ‘na goccia,

ma tante gocce assieme fanno er mare,

perciò la faccio, armeno qui me pare,

de èsse franco e dì che ciò in capoccia.

***

Quest’anno da le tante cose amare,

cor Covid che ancora ce se ‘ncoccia,

venti de guera e er monno che scapoccia,

er Capodanno sia particolare.

***

Lassamo de sparà tutti ‘sti botti,

petardi, razzi, ciccioli e fischioni,

nun li schioppamo più, se semo rotti.

***

E co l’augurio de un artro domani,

e un anno che nun rompa li cojoni,

saranno più felici gatti e cani.

***

Stefano Agostino

__________________________

***