Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Tempi d’oggi’ Category

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Dicembre 2021

Basta botti a Capodanno

Basta botti a Capodanno

***

È ‘na proposta ch’è come ‘na goccia,

ma tante gocce assieme fanno er mare,

perciò la faccio, armeno qui me pare,

de èsse franco e dì che ciò in capoccia.

***

Quest’anno da le tante cose amare,

cor Covid che ancora ce se ‘ncoccia,

venti de guera, er monno che scapoccia,

er Capodanno sia particolare.

***

Lassamo de sparà tutti ‘sti botti,

petardi, razzi, ciccioli e fischioni,

nun li schioppamo più, se semo rotti.

***

E co l’augurio de un artro domani,

e un anno che nun rompa li cojoni,

saranno più felici gatti e cani.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

1 Dicembre 2021

La Confusione Europea

La Confusione Europea

***

Se riccomanna mó la Commissione,

quella europea che cià granni teste,

ch’è mejo dì: “Auguri, bone feste”,

de “Bon Natale” e questa è la raggione.

***

Vò evità de lede o fà indiggeste,

a genti ch’hanno artra religgione,

l’usanze de la nostra tradizzione,

cristiana che oramai nun cià più veste.

***

Basta de celebbrà che Gesù Cristo

è sceso in de ‘sto monno, da Lassù,

co tutto er seguità che poi s’è visto.

***

Ma cara Commissione, pe noi vale

ancora quer che disse a noi Gesù,

perciò diremo sempre: “Bon Natale!”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

16 Novembre 2021

Contaggi loro

Contaggi loro

***

Ma penza … c’è riaumento der contaggio.

Porca miseria, chi l’avrebbe detto?

Mica sarà p’avé riaperto er getto,

libberi tutti, senza più un ostaggio?

***

Nun c’entreranno, manco pe difetto,

li mezzi pubbrici pieni da ortraggio?

Cento pe cento ovunque … che coraggio,

a dì che questo aumento è causa-effetto.

***

Come penzà che c’entri quarche cosa

lo smart-working bello e superato?

Le scòle tutte piene? Solo prosa.

***

Noi nun seguimo certo ‘sto gran coro,

ma un dubbio un po’ ce viè … nun sarà stato,

pe l’anima de li contaggi loro?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

29 Ottobre 2021

Er bullismo

Er bullismo

***

Nun ciài avuto mai uno in famija,

che t’ha gonfiato a forza de legnate,

sinnò nun le faresti ’ste cazzate,

che fanno solo che aggrottà le cija.

***

Artro che mette in rete le bravate,

da dieci contro uno in parapija,

cazzotti, sputi, lanci de bottija,

banchi distrutti, aule devastate.

***

C’è chi va in cerca de ’na spiegazzione,

de ’sto bullismo ch’è piaga sociale,

come pe daje guasi ’na raggione.

***

Allora chi subbisce invece er male?

Ce vò chi le difenne ’ste perzone!

P’er bullo ce sta er codice penale.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Ottobre 2021

Gualtieri novo sindaco de Roma

Gualtieri novo Sindaco de Roma

***

Sor Sindaco Gualtieri benvenuto,

s’è preso su de sé ‘sto granne impegno,

de governà su Roma e lassà er segno,

che nun è un gioco o robba da un minuto.

***

Da cittadino de ‘sta Roma pregno,

vojo auguralle dentro a ‘sto saluto,

de lavorà p’er bene e sur velluto,

de ‘na città cui tocca d’èsse degno.

**+

Prestanno sempre ascorto co l’orecchio,

a la voce der popolo romano,

pure de chi la guarda de sottecchio.

***

La voce de rioni e de quartieri,

che imperano sin dar tempo lontano,

in bocca ar lupo, Sindaco Gualtieri.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Pe èsse chiari e più èsse coretti,

avrei scritto lo stesso pe Michetti.

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

15 Ottobre 2021

Green … scass

Green … scass

***

Nun ho toccato ancora l’argomento,

perché me pare arquanto delicato,

de ‘sto “green pass” e quer ch’ha comportato,

in de ‘gni campo a generà lamento.

***

Nun vojo entrà in polemica de Stato

su vaccinasse o no, da sfinimento,

ché cambia poco er propio orientamento,

e s’arimane ‘gnuno ar suo steccato.

***

Me chiedo che interesse cià er Governo,

a fà salì a le stelle la tenzione,

perzino tra li membri der suo interno.

***

Bastava d’aspettà fine emergenza,

s’arisparmiava quarche discusione,

e certo tempo, sòrdi e anche violenza.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Ottobre 2021

“Ponte de fero” a foco

“Ponte de fero” a foco

***

Sei un pezzo de la storia ch’è de Roma,

ma che me tocca in modo perzonale,

essenno da Marconi er mio natale,

passà er “Ponte de fero” è un assioma.

***

Sapette anche ferito fa stà male,

a chi cià a còre Roma cor diproma,

nun solo in tradizzione e pe l’idioma,

ma tutto quer che ne fa Capitale.

***

T’hanno abbruciato ma tu sei più forte,

e tornerai ar più presto come novo,

te scorderai de tutto e de ‘sta sorte.

***

Ma adesso già me manchi e t’aritrovo

impecettato tra bariere e scorte,

e penzo a te e … gnente, me commovo.

***

Stefano Agostino

________________________

***