Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

18 Agosto 2022

Piazza Trilussa

Piazza Trilussa

***

Sapessi tu com’è ch’hanno ridotto,

la piazza a cui j’hai rigalato er nome,

tornassi indietro mó e vedessi come,

je arzeresti un artro quarantotto.

***

A infangà er “salustrico” cognome,

ce regneno dovunque sopra e sotto,

decine de zozzoni pisciasotto

o perdiggiorno a daje un soprannome.

***

“Toc toc!” – la porta – “Arivo. Chi è che bussa?”

Baffo, cappello, carta e calamaio,

la penna in mano, e dice:“So’ Trilussa”.

***

Me fa: “Io vengo pe cambià l’inzegna,

visto ch’ormai è un vero mignottaio,

ce faccio scrive: Piazza Cazzo e Fregna!”

***

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

22 Giugno 2022

Via de li Fori Imperiali

Via de li Fori Imperiali

***

È come fà un gran tuffo ne la storia,

er passeggià pe li Fori Imperiali,

ché a Roma nun ce sò né vie né viali,

mejo de questi pe fanne memoria.

***

Effiggi de le imprese colossali,

ch’hanno segnato er tempo de la gloria,

immaggini de fasti e de vittoria,

le gesta de li Cesari trionfali.

***

Ar centro li Mercati de Traiano,

che pareno un presepio quanno è sera,

a rimiralli fissi da lontano.

***

Chissà la vita allora poi com’era?

E arisponno tosto a l’arcano:

nun è cambiato gnente, Roma impera.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

26 Maggio 2022

Er Circo Massimo

Er Circo Massimo

***

Da quanno er Re, che fu Tarquinio Prisco,

l’ha edificato, sotto ar Palatino,

ner punto giusto der ratto sabbino,

’sto posto nun ha mai cambiato disco.

***

E sin da allora ’sto granne giardino,

prima co li sesterzi e mό cor fisco,

è sede de spettacoli e, finisco,

ritrovo ’ndó se canta e fa casino.

***

E a la mente soneno l’accordi,

e cori e fiamme accese e li concerti,

de clacson, de trombette e de bagordi.

***

Bandiere ar vento, tetti già scoperti,

e notti inzonni, quelle che nun scordi,

de sogni giallorossi a occhi aperti.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

24 Marzo 2022

Portone vista San Pietro

Portone vista San Pietro

***

Si sali a l’Aventino, quarche metro,

a Piazza Cavalieri “SMOM” de Màrta,

e vòi vedé quarcosa che t’esarta,

vai ar portone e guarda che c’è dietro…

***

… a quela seratura, ’ndó s’apparta,

chi vò spià come da dietr’a un vetro,

l’Immenzo Cuppolone de San Pietro,

da sotto a l’arco de ’na siepe arta.

***

Un fotogramma ch’è ’na cartolina,

è pace de un seconno pe la vista,

che scatta un’istantanea da vetrina.

***

Ma no come la foto da rivista,

che tanto prima o dopo se cestina,

questa s’eterna a l’occhi der turista.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

17 Marzo 2022

Er Mascherone

Er Mascherone

***

Te sgama quanno che sei a distanza,

ché già t’ha fatto ’na radiografia,

lo sfreggio in faccia te dà aritmia,

vòì tornà indietro, er passo sopravanza.

***

Barbuta e tonna, scarto d’osteria,

è pronta a bocca aperta co costanza,

a mordeje la mano a chi ha bardanza,

de appoggialla eppoi dì ’na bucìa.

***

Così che se tramanna pe memoria

la storia de ’sto caro “Mascherone”,

de un tombino che vive de gloria.

***

In fila c’è er turista d’occasione,

pronto a ’nfilà la mano, dì ’na storia,

speranno nun je resti un mozzicone.

***

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

15 Novembre 2021

Piazza der Popolo

Piazza der Popolo

***

Er Corzo, Babbuino e via Ripetta,

je chiudeno er Tridente a fà piazzale,

seguenno l’obbelisco pe puntale,

cor Pincio che da sopra fa vedetta.

***

’Sta piazza se ne sta così, centrale,

tra er sueggiù de chi se move in fretta,

e chi se gusta er tempo che je spetta,

godennoselo tutto e nun fa male.

***

Se lucida incantata la matina,

quanno che ancora gira poca gente,

più tardi, che s’ariempie, se ’ncasina.

***

In quer momento prima, a luci spente,

che l’arba appena appena se ’ncammina,

l’eco de tutta Roma s’arisente.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

3 Novembre 2021

Li ponti de Roma

Li ponti de Roma

***

A Roma venticinque sò li ponti,

a cui s’ha da sommà pefforza er “Rotto”,

e datosi che sò un gran ber filotto,

mejo nun dilungasse in racconti.

***

Er Tevere li bagna giù da sotto

e sopra je colora l’orizzonti,

rifresso de quer celo de tramonti,

che a pitturà nun basterebbe Giotto.

***

Cavour e Cestio, Mirvio co Testaccio,

Umberto I, Sisto e Garibardi,

pe fanne quarche esempio, giust’a braccio.

***

Ma ’gnuno ’ndó te fermi e t’ariguardi,

fa parte de ’no stesso canovaccio:

s’accenne quanno è sera e te ce attardi!

***

Stefano Agostino

_______________________

***