Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani

26 Novembre 2019

Er mio vanto

Er mio vanto

***

Pure si è piena de sporco e monnezza

e cià li mezzi pubbrici scassati,

co li lampioni spenti o furminati,

e ‘ndó te giri vedi ‘na schifezza …

**+

Anche si pare ciànno bombardati,

a giudicà da buche de grannezza

pari a profonnità e pure artezza,

co l’arberi ormai tutti ciancicati …

***

Pure si è un gran casino fà ‘gni cosa,

dar parcheggià o uscì pe fasse un giro,

ché resti fermo manco fussi in posa …

***

… nun posso nun amalla, anche si è in coma,

e l’amerò fin quanno che respiro,

ché resta er vanto mio: èsse de ROMA !!!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

 

Frammenti di Roma,I sonetti romani

5 Agosto 2019

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

***

Pe dà un accenno storico, pur breve,

intorno a l’anno quattrocentotrenta,

Libborio, er Papa, volle fà contenta

la Vergine Maria, come se deve…

***

… Lei er cinque agosto fece scegne lenta,

soffice, bianca, lucida e più lieve,

su l’Esquilino, er colle, fitta neve,

lui ce gettò de suo le fonnamenta…

***

… pe costruì Santa Maria Maggiore,

lì in su quer ber perimetro innevato,

miracolo vestito de candore.

***

‘Sto fatto viè ‘gni anno aricordato,

co petali de rosa bianca e er fiore

che scegne a neve dar tetto ar sagrato.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

3 Agosto 2019

Via de li Fori Imperiali

Via de li Fori Imperiali

***

È come fà un ber tuffo ne la storia,

er passeggià pe li Fori Imperiali,

ché Roma nun ce n’ha de vie uguali,

in grado d’eternaje la memoria.

 ***

Effiggi de l’imprese colossali,

ch’hanno segnato er tempo de la gloria,

immaggini de fasti e de vittoria,

le gesta de li Cesari trionfali.

 ***

Ar centro li Mercati de Trajano,

che pareno un presepio quann’è sera,

a arimiralli fissi da lontano.

 ***

Chissà la vita allora poi com’era?

E m’arisponno subbito a ’st’arcano:

nun è cambiato gnente, Roma impera.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

2 Agosto 2019

Trinità de Monti

Trinità de Monti

***

Quale città der monno pò dà in mostra

la scalinata a Trinità de Monti,

metteteve a sedé, fate du’ conti,

che tanto v’esce solo Roma nostra.

 ***

Da sopra inzù se vedeno tramonti,

che manco a stà sur pizzo de ’na giostra,

scorci e passaggi che, co bontà vostra,

s’abbraccicano inzieme a l’orizzonti.

 ***

Se ’mpediluvia giù a Piazza de Spagna,

’ndó sboccheno Condotti e via Frattina,

co la Barcaccia ar centro che la bagna.

 ***

Ma lo pò fà sortanto la matina,

fino a che arbeggia, dopo è ’na cuccagna

pe chi ce appoggia er culo a portroncina.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

30 Luglio 2019

San Pietro

San Pietro

***

Già in fonno a via de la Conciliazzione,

prima ch’er Colonnato te s’abbraccia,

senti più dorce l’aria su la faccia,

arzi lo sguardo e vedi er Cuppolone.

 ***

Mentre che spigni avanti gambe e braccia,

e sei arivorto in quela direzzione

er còre te s’ariempie d’emozzione,

che toje er fiato, come stà in bonaccia.

 ***

Arivi giusto ar centro de la piazza,

più guardi avanti e t’ariggiri indietro,

più vedi gente e vita de ’gni razza.

 ***

Ma si cammini ancora quarche metro,

a un tratto quela vista te la spiazza

la santità vivente de San Pietro.

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

29 Luglio 2019

Piazza de Spagna

Piazza de Spagna

***

Ar fonno tra Condotti e via Frattina,

a fà li piedi a Trinità de Monti,

Piazza de Spagna aspetta li tramonti,

pe acchittasse ar mejo e stà in vetrina.

 ***

È quer momento che nun cià confronti,

quanno che s’ariposa e l’aria è fina,

lei ch’ha ospitato er monno la matina,

mó vole che quarcuno l’aricconti.

 ***

Fin ortre la fontana de Barcaccia,

da la colonna de l’Immacolata,

te strigne attorto a sé, tutta s’abbraccia.

 ***

Qualunque giorno sia, quarziasi data,

come la imbocchi e ch’arzi un po’ la faccia,

te ne innamori solo co un’occhiata.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

27 Luglio 2019

Er Colosseo

Er Colosseo

***

Pe quanto pòi annà in giro p’er pianeta,

nun sbatterai quer grugno da babbeo

mai in fronte a un artro istesso Colosseo,

si nun ce credi, va … chi te lo vieta ?!?

 ***

Io so’ romano, me ne picco e beo,

e de ’sto monumento so’ un esteta:

è er simbolo de Roma, eterna meta

der monno intero, massimo apoggeo.

 ***

E a riguardallo l’eco sento ancora

de le battaje tra li gradiatori

e d’un impero che regna tuttora.

 ***

Quann’ecco sale in petto a venì in fòri,

tutto l’orgojo che me ce dimora:

io fìo a re, cónzoli e imperatori.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***