Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani

16 Luglio 2020

La “Festa de Noantri”

La “Festa de Noantri”

***

Festa trasteverina ar ber ricordo

de la Madonna detta “fiumarola”,

che prese er nome, appunto, o la parola

da la statua trovata lungo un fiordo…

***

… a la foce der Tevere, da sola,

bella,  tutta dipinta fin’ ar bordo,

che, storia e tradizzione sò d’accordo,

Roma sarvò da ‘na tempesta viola.   

***

La festa de Noantri, pe dizzione,

se celebbra a Trastevere ‘gni anno

a fine lujo, come da copione.

***

Co l’abbitanti che pe giorni vanno

co ‘sta Madonna in giro, in processione,

p’er fiume e p’er quartiere … de rimanno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma

30 Giugno 2020

Intervista a Radio 21 aprile web

Intervista a Radio 21 aprile web

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

22 Giugno 2020

Amatriciana

Amatriciana

***

Nun vojo stà a parlà de la ricetta,

che pasta ciài da usà, pecora o grana,

quer che ce va in de un’amatriciana

si ar posto der guanciale, la pancetta.

***

La tradizzione certa, più romana,

sa già qual è l’unione più perfetta,

co quale sugo e come se ‘nforchetta,

‘sto primo de la storia più nostrana.

***

Quer che vojo rimà, co ‘sti du’ verzi,

è er nome propio de ‘sto granne piatto,

chiamato ne li modi più diverzi.

***

Sortanto uno è giusto, pe contratto,

è Amatriciana co la A, che scherzi?

Si è “matriciana”, la magnasse er ratto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

8 Giugno 2020

Zodiaco e Piper

Zodiaco e Piper

***

Dopo de lo Zodiaco anch’er Piper,

chiude pe sempre la saracinesca,

du’ posti de la storia romanesca,

sparischeno ner nulla senza damper.

**+

Baciasse de le coppie anche da tresca,

de fronte a la terazza, auto e camper,

la discoteca co li mejo rapper,

‘ndó vanno che a finì? Vattelappesca…

***

Corpa der Covid e de la granne crisi

che ormai ha messo tanti inginocchioni,

e ar viso ha cancellato li sorisi.

**+

Addio ar “bervedere” e ar “Tajamento”,

pezzi de Roma da decenni boni,

ricordi de ‘na vita in un momento.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

21 Aprile 2020

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

 ***

Fu Romolo, se sa, come un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

 ***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo zompò, entranno in quer tracciato.

 ***

Romolo, fin’a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

a Roma nun se pò commannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 21 aprile 753 a.C.

***

******

Frammenti di Roma,I sonetti romani

26 Novembre 2019

Er mio vanto

Er mio vanto

***

Pure si è piena de sporco e monnezza

e cià li mezzi pubbrici scassati,

co li lampioni spenti o furminati,

e ‘ndó te giri vedi ‘na schifezza …

**+

Anche si pare ciànno bombardati,

a giudicà da buche de grannezza

pari a profonnità e pure artezza,

co l’arberi ormai tutti ciancicati …

***

Pure si è un gran casino fà ‘gni cosa,

dar parcheggià o uscì pe fasse un giro,

ché resti fermo manco fussi in posa …

***

… nun posso nun amalla, anche si è in coma,

e l’amerò fin quanno che respiro,

ché resta er vanto mio: èsse de ROMA !!!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

 

Frammenti di Roma,I sonetti romani

5 Agosto 2019

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

***

Pe dà un accenno storico, pur breve,

intorno a l’anno quattrocentotrenta,

Libborio, er Papa, volle fà contenta

la Vergine Maria, come se deve…

***

… Lei er cinque agosto fece scegne lenta,

soffice, bianca, lucida e più lieve,

su l’Esquilino, er colle, fitta neve,

lui ce gettò de suo le fonnamenta…

***

… pe costruì Santa Maria Maggiore,

lì in su quer ber perimetro innevato,

miracolo vestito de candore.

***

‘Sto fatto viè ‘gni anno aricordato,

co petali de rosa bianca e er fiore

che scegne a neve dar tetto ar sagrato.

***

Stefano Agostino

________________________________

***