Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

28 Settembre 2021

Er caffè de Sant’Eustacchio

Er caffè de Sant’Eustacchio

***

Che bono ch’è er caffè de Sant’Eustacchio!

Miscela de un artista a fà tazzina,

ch’è da gustà nun solo la matina,

quanno che dentro ar còre fa sbatacchio.

***

Ma nun lo straformà in medicina,

mettennoce der latte: è tutto un cacchio.

E si er barista chiede: “Je lo macchio?”

risponni si vò in faccia ’na cinquina!

***

Sgoccettatelo càllo, lentamente,

mentre ’mprofuma er naso co l’aroma

che più lo bevi, più se fa presente.

***

Quer sorzo de miscela cià er diproma,

ch’è stato conzegnato da la gente,

der più mejo caffè che ce sta a Roma.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

9 Settembre 2021

Piazza de Spagna

Piazza de Spagna

***

In fonno a via Condotti e via Frattina,

a fà li piedi a Trinità de’ Monti,

Piazza de Spagna attenne li tramonti,

pe acchittasse ar mejo e stà in vetrina.

***

In quer momento, che nun cià confronti,

quanno che s’ariposa a l’aria fina,

lei ch’ha ospitato er monno la matina,

se sdraja pe godesse l’orizzonti.

***

Fin ortre la fontan de la Barcaccia,

da la colonna de l’Immacolata,

te strigne attorno a sé e nun se slaccia.

***

Quale che giorno sia, come l’amata,

quanno la ’ncontri, che arzi un po’ la faccia,

te ne innamori solo co un’occhiata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

31 Agosto 2021

L’ottavo colle

L’ottavo colle

***

In cima sur piazzale Garibardi,

da ’ndove tutta Roma se riassume,

pòi buttà l’occhio ovunque ortr’er fiume,

da quanno arbeggia fino a sera tardi.

***

E si ce vai de notte, se presume,

ch’è pe scambià parole dorci e sguardi,

co baci e tenerezze da mijardi

de stelle strapuntate a fà da lume.

***

Da sotto ar Faro puntuale er rito,

der gran cannone, a mezzoggiorno esatto,

avverte tutti ch’er pranzo è servito.

***

C’è poi er Fontanone ch’è da scatto,

l’affaccio der terazzo a l’infinito:

“Gianicolo” se chiama ’sto ritratto.

***

Stefano Agostino

____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

19 Agosto 2021

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

***

È granne guasi quanto er Colosseo,

a Roma nun c’è artro monumento,

che ha cambiato faccia a gradimento,

prima de fà l’odierno gran museo.

***

Veloce come ch’è girato er vento,

da ch’era nato un dì mausoleo,

fu carcere, poi loco mediceo,

reggia papale in der Rinascimento.

***

Ha preso er nome propio de Castello,

pe l’Angelo che sfoderò la spada,

sarvanno Roma da peste e macello.

***

Perciò, quanno l’incontri e sei pe strada,

ricorda de tiratte giù er cappello

e dije “grazzie” che Roma ce bada!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

4 Agosto 2021

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

***

Pe dà un accenno storico, pur breve,

intorno a l’anno quattrocentotrenta,

Libborio, er Papa, vorze fà contenta

la Vergine Maria, come se deve…

***

… Lei fece scegne er 5 agosto lenta,

soffice, bianca, lucida. più lieve,

su l’Esquilino, er colle, fitta neve,

e lui ce gettò su le fonnamenta…

***

… pe costruì Santa Maria Maggiore,

lì su quer ber perimetro innevato,

miracolo vestito de candore.

***

‘Sto fatto viè ‘gni anno aricordato,

co petali de rosa bianca e er fiore

a sfiocchettà dar tetto sur sagrato.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

29 Luglio 2021

Er Ponentino

Er Ponentino

***

Chi s’aricorda er caro Ponentino?

Er vento che soffiava a tarda sera,

l’arietta alegra, frivola, leggera,

ch’arinfrescava Roma de marino.

***

Co l’afa che l’ha fatta priggiognera,

a ’sta città der Belli e der Pasquino,

de ’st’alito freschetto, frizzantino,

più der ricordo, resta la chimera.

***

Un’artra sciagurata conzeguenza,

de li stravorgimenti de ’sto clima,

dovuti a l’omo che nun cià coscenza.

***

Magara se tornasse come allora,

cor tempo e le staggioni come prima,

er Ponentino s’arzerebbe ancora.

***

Stefano Agostino

______________________

***

 

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

18 Luglio 2021

Li sette re de Roma

Li sette re de Roma

***

Er primo re de Roma, er fonnatore,

fu Romolo, che j’ha trasmesso er nome,

scrutò l’ucelli in volo e senza un come,

uccise Remo, zotico invasore.

***

Seguì Numa Pompilio, er portanome,

fu sacerdote e gran carcolatore,

poi Tullo Ostilio, er conquistatore,

che allargò le fronne de ’ste chiome.

***

Fu quarto Anco Marzio, spinto ar Lido,

cià costruito ponti, strade e mura,

Tarquinio Prisco, quinto, senza un grido.

***

Poi Servio Tullio, er cenzo e la misura,

prima de chiude male e dà l’affido,

a Tarquinio er Superbo e fu jattura!

**+

Stefano Agostino

_____________________

***