Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani

15 Marzo 2019

Idi de Marzo

Idi de Marzo

***

Er quinnici de marzo è stato er giorno,

quanno che Giulio Cesare ar Senato,

ventitré vorte venne accortellato,

da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno.

 ***

E lui che a Bruto l’aveva adottato,

nun s’aspettava certo quer ritorno,

je disse: “Pure tu, der mio dintorno,

me vieni a pugnalà, co ’st’attentato?”

 ***

“TU QUOQUE, BRUTE, FILI MI…” in latino

quanno che je s’è fatta a un tratto notte,

Bruto cor cortellaccio d’aguzzino.

 ***

Ma le parole sue se sò interotte,

e Cesare morì, ma a l’assassino

je stava a dì: BRUTE, FILI MI…GNOTTÆ !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

4 Gennaio 2019

Amatriciana

Amatriciana

***

Nun vojo stà a parlà de la ricetta,

che pasta ciài da usà, pecora o grana,

quer che ce va in de un’amatriciana

si ar posto der guanciale, la pancetta.

***

La tradizzione certa, più romana,

sa già qual è l’unione più perfetta,

co quale sugo e come se ‘nforchetta,

‘sto primo de la storia più nostrana.

***

Quer che vojo rimà, co ‘sti du’ verzi,

è er nome propio de ‘sto granne piatto,

chiamato ne li modi più diverzi.

***

Sortanto uno è giusto, pe contratto,

è Amatriciana co la A, che scherzi?

Si è “matriciana”, la magnasse er ratto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

29 Settembre 2018

Piazza der Popolo

Piazza der Popolo

***

Er Corzo, Babbuino e via Ripetta,

je chiudeno er Tridente a fà piazzale,

seguenno l’obbelisco pe puntale,

cor Pincio che da sopra fa vedetta.

 ***

’Sta piazza se ne sta così, centrale,

tra er sueggiù de chi se move in fretta,

e chi se gusta er tempo che je spetta,

godennoselo tutto quanto vale.

 ***

Se lucida e se lustra la matina,

quanno che ancora gira poca gente,

che ariva tutta assieme e l’incasina.

 ***

Ma è in quer momento prima, a luci spente,

che l’arba appena appena se ’ncammina,

l’eco de tutta Roma s’arisente.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

12 Settembre 2018

Amor Roma

amor roma

Amor Roma

***

‘Gni vorta che ce penzo lì m’appago,

ringrazzio Dio d’avemme dato tanto,

poté co st’occhi arimirà ‘st’incanto,

‘st’opera magna fatta da quer Mago.

***

De fronte a me c’è Roma, ch’è er mio vanto,

sbrillucica de luci come un lago

a fà da bussola ‘ndove c’è un ago

che segna er punto esatto de ‘sto canto.

***

Io così piccolo che avrò mai fatto

pe guadagnamme er titolo e l’onore

d’èsse romano e viveje a contatto?

***

Già solo ‘sto penziero m’apre er core

me fa felice ar punto che de un tratto,

scancella ‘gni tristezza e malumore.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

5 Settembre 2018

Er Pantheon

Er Pantheon

***

A Roma è un’espressione popolare:

“Ma dimme er Pantheon, no la Rotonna!”

quanno che quarche lingua parla e sfonna,

facenno crede che ’na pozza è er mare.

 ***

Er Pantheon, compresa ’gni colonna,

nasce co l’èsse forma de un artare,

da ch’è sortito più rettangolare,

j’hanno incurvato l’angoli a ’gni sponna.

 ***

Fu mausoleo, pe trasformasse in chiesa,

mill’anni poi fu l’urtima dimora,

d’artisti e perzonaggi de gran resa.

 ***

E a oggi, quanno er Sole lo trafora,

da l’arto, come fosse cinepresa,

quer griggio secolare lo colora.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

30 Agosto 2018

Piazza de Spagna

Piazza de Spagna

***

Ar fonno tra Condotti e via Frattina,

a fà li piedi a Trinità de Monti,

Piazza de Spagna aspetta li tramonti,

pe acchittasse ar mejo e stà in vetrina.

 ***

È quer momento che nun cià confronti,

quanno che s’ariposa e l’aria è fina,

lei ch’ha ospitato er monno la matina,

mó vole che quarcuno l’aricconti.

 ***

Fin ortre la fontana de Barcaccia,

da la colonna de l’Immacolata,

te strigne attorto a sé, tutta s’abbraccia.

 ***

Qualunque giorno sia, quarziasi data,

come la imbocchi e ch’arzi un po’ la faccia,

te ne innamori solo co un’occhiata.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

14 Agosto 2018

L’ottavo colle

ottavo colle

L’ottavo colle

***

Lassù in cima a piazzale Garibardi,

sur pizzo da ‘ndó Roma se riassume,

pòi buttà un occhio ovunque a passà er fiume,

da quanno arbeggia fino a sera tardi.

 ***

E si ce vai de notte se presume,

ch’è pe scambià parole dorci e sguardi,

carezze e baci accesi da mijardi,

de stelle pitturate a fà da lume.

 ***

Su in pizzo ce sta er Faro, dov’è rito,

che un cannone a mezzoggiorno esatto,

fa un botto a ricordà er pranzo è servito.

 ***

Più in basso er Fontanone che de un tratto,

pare che da un giardino è aricucito,

“Gianicolo” se chiama ‘sto ritratto.

***

Stefano Agostino

________________________

***