Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani

14 agosto 2018

L’ottavo colle

ottavo colle

L’ottavo colle

***

Lassù in cima a piazzale Garibardi,

sur pizzo da ‘ndó Roma se riassume,

pòi buttà un occhio ovunque a passà er fiume,

da quanno arbeggia fino a sera tardi.

 ***

E si ce vai de notte se presume,

ch’è pe scambià parole dorci e sguardi,

carezze e baci accesi da mijardi,

de stelle pitturate a fà da lume.

 ***

Su in pizzo ce sta er Faro, dov’è rito,

che un cannone a mezzoggiorno esatto,

fa un botto a ricordà er pranzo è servito.

 ***

Più in basso er Fontanone che de un tratto,

pare che da un giardino è aricucito,

“Gianicolo” se chiama ‘sto ritratto.

***

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

11 agosto 2018

Er milite ignoto

milite ignoto

Er milite ignoto

***

Lo so che stai a penzà tu da là dentro,

de tutto quer via-vai che ciài de sotto,

da che se va in costume ar cappotto,

è sempre ‘na fiumana in pieno centro.

***

Te ‘mmaggino a parlà cor polizziotto,

da quell’artare a dije: “E io che c’entro?

Sò decisioni vostre, nun m’addentro,

ma cacchio ho fatto, pe pagà ‘sto scotto?

***

Pure mazziato, ortre che cornuto,

m’hanno chiamato, e già, er milite ignoto,

so’ morto e mai più fui riconosciuto.

***

E tutto er giorno tra machine e moto,

e ‘sta Piazza Venezzia ch’è un imbuto,

riposo in pace solo ne le foto”.

*

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

9 agosto 2018

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

si me dài retta, prova la scoperta,

de fatte un giro in centro in pieno agosto.

 ***

’Gni strada, piazza o via da te prescerta,

a l’occhi tua te pare un artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lassa fisso a bocca aperta.

 ***

Io, spèce quann’è sera, me ce attardo,

pe riaffacciamme ar Tevere là in fonno

e me ce sperdo fisso in quelo sguardo.

 ***

M’ariempio de un orgojo in quer seconno,

mentre aringrazzio Dio der Suo riguardo,

p’avemme dato er mejo che c’è ar monno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

3 agosto 2018

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

***

È granne guasi quanto er Colosseo,

ma a Roma nun c’è un artro monumento,

che ha cambiato faccia a gradimento,

finenno come adesso a fà er museo.

 ***

Cosi che quanno ch’è girato er vento,

da ch’era inizziarmente un mausoleo,

fu carcere, poi loco mediceo,

reggia papale in der Rinascimento.

 ***

Ha preso er nome propio der Castello,

pe l’Angelo che osò sguainà la spada,

sarvanno Roma da un triste flaggello.

 ***

Si sali in cima, casomai t’aggrada,

fa’ in modo de aringrazziallo a quello,

prima de scenne e aritornà pe strada.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

25 luglio 2018

A Roma mia

A Roma mia

***

Adoro ’sta città de campanili,

de tetti, case, cupole e mattoni,

de strade strette, vicoli e portoni,

de monumenti, vie, piazze e cortili.

 ***

Adoro ’sta città de chiese e sòni,

negozzi enormi e fiere mercantili,

de ville, ponti, argini e pontili,

de trattorie, de sogni e de canzoni.

 ***

Adoro ’sta città, immenza, eterna,

centro der monno da li tempi antichi,

de vita sempre attiva, ’na cisterna.

 ***

Adoro ’sta città de tutti amichi,

de gente alegra, pure che je ’nverna:

“noi semo noi, ahó, no pizza e fichi”.

***

Stefano Agostino

______________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: A Roma mia

***

******

Frammenti di Roma,I sonetti romani

21 aprile 2018

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

 ***

Fu Romolo, se sa, ormai è un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

 ***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo j’entrò co un sàrto in quer tracciato.

 ***

Romolo, fino a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

qui a Roma nun se pò comannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 21 aprile 753 a.C.

***

******

Frammenti di Roma,I sonetti romani

15 marzo 2018

Idi de Marzo

Idi de Marzo

***

Er quinnici de marzo è stato er giorno,

quanno che Giulio Cesare ar Senato,

ventitré vorte venne accortellato,

da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno.

 ***

E lui che a Bruto l’aveva adottato,

nun s’aspettava certo quer ritorno,

je disse: “Pure tu, der mio dintorno,

me vieni a pugnalà, co ’st’attentato?”

 ***

“TU QUOQUE, BRUTE, FILI MI…” in latino

quanno che je s’è fatta a un tratto notte,

Bruto cor cortellaccio d’aguzzino.

 ***

Ma le parole sue se sò interotte,

e Cesare morì, ma a l’assassino

je stava a dì: BRUTE, FILI MI…GNOTTÆ !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

***