Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

22 Giugno 2022

Via de li Fori Imperiali

Via de li Fori Imperiali

***

È come fà un gran tuffo ne la storia,

er passeggià pe li Fori Imperiali,

ché a Roma nun ce sò né vie né viali,

mejo de questi pe fanne memoria.

***

Effiggi de le imprese colossali,

ch’hanno segnato er tempo de la gloria,

immaggini de fasti e de vittoria,

le gesta de li Cesari trionfali.

***

Ar centro li Mercati de Traiano,

che pareno un presepio quanno è sera,

a rimiralli fissi da lontano.

***

Chissà la vita allora poi com’era?

E arisponno tosto a l’arcano:

nun è cambiato gnente, Roma impera.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

26 Maggio 2022

Er Circo Massimo

Er Circo Massimo

***

Da quanno er Re, che fu Tarquinio Prisco,

l’ha edificato, sotto ar Palatino,

ner punto giusto der ratto sabbino,

’sto posto nun ha mai cambiato disco.

***

E sin da allora ’sto granne giardino,

prima co li sesterzi e mό cor fisco,

è sede de spettacoli e, finisco,

ritrovo ’ndó se canta e fa casino.

***

E a la mente soneno l’accordi,

e cori e fiamme accese e li concerti,

de clacson, de trombette e de bagordi.

***

Bandiere ar vento, tetti già scoperti,

e notti inzonni, quelle che nun scordi,

de sogni giallorossi a occhi aperti.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

24 Marzo 2022

Portone vista San Pietro

Portone vista San Pietro

***

Si sali a l’Aventino, quarche metro,

a Piazza Cavalieri “SMOM” de Màrta,

e vòi vedé quarcosa che t’esarta,

vai ar portone e guarda che c’è dietro…

***

… a quela seratura, ’ndó s’apparta,

chi vò spià come da dietr’a un vetro,

l’Immenzo Cuppolone de San Pietro,

da sotto a l’arco de ’na siepe arta.

***

Un fotogramma ch’è ’na cartolina,

è pace de un seconno pe la vista,

che scatta un’istantanea da vetrina.

***

Ma no come la foto da rivista,

che tanto prima o dopo se cestina,

questa s’eterna a l’occhi der turista.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

17 Marzo 2022

Er Mascherone

Er Mascherone

***

Te sgama quanno che sei a distanza,

ché già t’ha fatto ’na radiografia,

lo sfreggio in faccia te dà aritmia,

vòì tornà indietro, er passo sopravanza.

***

Barbuta e tonna, scarto d’osteria,

è pronta a bocca aperta co costanza,

a mordeje la mano a chi ha bardanza,

de appoggialla eppoi dì ’na bucìa.

***

Così che se tramanna pe memoria

la storia de ’sto caro “Mascherone”,

de un tombino che vive de gloria.

***

In fila c’è er turista d’occasione,

pronto a ’nfilà la mano, dì ’na storia,

speranno nun je resti un mozzicone.

***

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

15 Novembre 2021

Piazza der Popolo

Piazza der Popolo

***

Er Corzo, Babbuino e via Ripetta,

je chiudeno er Tridente a fà piazzale,

seguenno l’obbelisco pe puntale,

cor Pincio che da sopra fa vedetta.

***

’Sta piazza se ne sta così, centrale,

tra er sueggiù de chi se move in fretta,

e chi se gusta er tempo che je spetta,

godennoselo tutto e nun fa male.

***

Se lucida incantata la matina,

quanno che ancora gira poca gente,

più tardi, che s’ariempie, se ’ncasina.

***

In quer momento prima, a luci spente,

che l’arba appena appena se ’ncammina,

l’eco de tutta Roma s’arisente.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

3 Novembre 2021

Li ponti de Roma

Li ponti de Roma

***

A Roma venticinque sò li ponti,

a cui s’ha da sommà pefforza er “Rotto”,

e datosi che sò un gran ber filotto,

mejo nun dilungasse in racconti.

***

Er Tevere li bagna giù da sotto

e sopra je colora l’orizzonti,

rifresso de quer celo de tramonti,

che a pitturà nun basterebbe Giotto.

***

Cavour e Cestio, Mirvio co Testaccio,

Umberto I, Sisto e Garibardi,

pe fanne quarche esempio, giust’a braccio.

***

Ma ’gnuno ’ndó te fermi e t’ariguardi,

fa parte de ’no stesso canovaccio:

s’accenne quanno è sera e te ce attardi!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

26 Ottobre 2021

Er Pantheon

Er Pantheon

***

A Roma l’espressione popolare:

“E dimme er Pantheon, no la Rotonna!”,

se usa quanno quarche lingua sfonna,

de chi ’na pozza te la chiama mare.

***

Er Pantheon, compresa ’gni colonna,

è nato co la forma de un artare,

da ch’è sortito più rettangolare,

j’hanno curvato un angolo pe sponna.

***

Mausoleo, conzacrato in chiesa,

mill’anni dopo l’urtima dimora,

de artisti e perzonaggi de gran resa.

***

E oggi, quanno er Sole lo strafora,

da l’arto, come fusse cinepresa,

quer griggio secolare se colora.

***

Stefano Agostino

________________________

***