Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

29 Luglio 2021

Er Ponentino

Er Ponentino

***

Chi s’aricorda er caro Ponentino?

Er vento che soffiava a tarda sera,

l’arietta alegra, frivola, leggera,

ch’arinfrescava Roma de marino.

***

Co l’afa che l’ha fatta priggiognera,

a ’sta città der Belli e der Pasquino,

de ’st’alito freschetto, frizzantino,

più der ricordo, resta la chimera.

***

Un’artra sciagurata conzeguenza,

de li stravorgimenti de ’sto clima,

dovuti a l’omo che nun cià coscenza.

***

Magara se tornasse come allora,

cor tempo e le staggioni come prima,

er Ponentino s’arzerebbe ancora.

***

Stefano Agostino

______________________

***

 

  1. Chi s’aricorda er caro Ponentino?
    Er vento che soffiava a tarda sera,
    l’arietta alegra, frivola, leggera,
    ch’arinfrescava Roma de marino. …

    Comment by Stefano — 29 Luglio 2021 @ 18:34
  2. Hai detto bene Stefano: Quello che era buono non c’è più, quello che era discreto è peggiorato! Meno male che ormai sto più di là che di qua!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 30 Luglio 2021 @ 11:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>