Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘A tavola’ Category

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

8 Ottobre 2021

Le callaroste

Le callaroste

***

Quanno d’autunno è tempo de cappotti,

si fai un giro ar centro, pe passeggio,

te do un conzijo, trovete l’ormeggio,

tra via Frattina, Corzo e via Condotti.

***

Vedrai seduto a la meno peggio,

chi te ’ncartoccia li maroni cotti

ar foco de la brace in bussolotti,

bruscati giusto p’aumentaje er preggio.

***

E pe ’na vorta lassa stà la dieta,

e nun te fà probbremi si te costa,

c’è la palestra poi pe fà l’atleta.

***

Ché la castagna pare fatta apposta,

pe fasse strofeggià da ’gni poeta,

quanno s’abbrucia e coce in callarosta.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

15 Giugno 2021

La grattachecca

La grattachecca

***

Le sere de callaccia che te secca,

nun tira un soffio d’aria manco a spinta,

c’è ’na sarvezza che nun è ’na finta:

è la mejo gelata grattachecca.

***

Cerca un chioschetto, fino a che l’hai vinta,

come in Arabia se cerca la Mecca,

e magna tutto, bevi, succhia e lecca,

prima, seconna, terza, quarta e quinta.

***

Pòi colorà quer ghiaccio co ’gni gusto,

dar cocco a l’amarena o cor melone,

seconno ch’er palato è quello giusto.

***

Orzata, menta, ananas, limone,

smorza la sete e riarza er busto,

la grattachecca nun cià paragone.

***

Stefano Agostino

____________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

9 Giugno 2021

La pizza

La pizza

***

Servita ar piatto, mejo cotta a legna,

ma pure ar forno elettrico che sia,

presa d’asporto da la pizzeria,

lei de l’Italia a tavola è l’inzegna.

***

E nun ce vò chissà che archimia,

nemmanco un bravo coco che l’ingegna,

ma l’ojo bono, ’na farina degna,

p’er resto abbasta un po’ de fantasia.

***

Focaccia, margherita, co sarciccia,

fiori de zucca, bufala e pachino,

quattro staggioni, si più te scapriccia.

***

Quanno la gusti, nun fà er damerino,

e lassa ’gni posata ché te ’mpiccia,

usa le mano da capitolino.

***

Stefano Agostino

______________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

27 Maggio 2021

Cucina romanesca

Cucina romanesca

***

Esempi de cucina romanesca:

’na carbonara fatta co li fiocchi,

la gricia, un cacio e pepe o ’sti du’ gnocchi,

l’amatriciana o ’na puttanesca.

***

Frammezzi a cazzimpero de finocchi,

poi vòi la carne? Tiè, guarda che pesca:

pajata, trippa, abbacchio o, si te ’ntresca,

’na coda, un sartimbocca a rifà l’occhi.

***

Carciofi a la giudìa e coratella,

facioli, broccoletti e misticanza,

cicoria, fiore, fava e puntarella.

***

Sia che se cena, qui, sia che se pranza,

la tavola romana t’affratella,

nun serve solo pe riempì la panza.

 ***

Stefano Agostino

_____________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

6 Maggio 2021

La Panzanella

La Panzanella

***

’Na fetta de ber pane de Lariano,

un sorzo d’ojo, un pizzico de sale,

’na foja de basilico reale,

un pommidoro fresco sammarzano …

***

… da sfragne, strofinato pure male,

sur pane unto e er resto co le mano,

’no spicchio d’ajo piccolo nostrano,

er piatto è pronto, fresco e naturale.

***

E te la pòi gustà pur’a merenda,

ar secolo se chiama “Panzanella”,

tarmente bona che sa de leggenda.

***

Nun se ’nforchetta mai, né s’accortella,

m’ariccomanno: segnelo in aggenda,

se magna co le mano, sbrodorella.

***

Stefano Agostino

______________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

4 Febbraio 2021

La Carbonara

La Carbonara

***

È er sommo amplesso tra guanciale e ova,

co pepe e cacio sposi grattuggiati,

è er “nunpiusurtra” pe lingue e palati,

da ’ngolosì co un’emozzione nova.

***

E ce lo sanno scapoli e ammojati,

che mejo piatto ar monno nun se trova

e che magnà la “carbonara” giova,

a bocca, gola e stommico sazziati.

***

Pòi sceje er tonnarello o li spaghetti,

nun so da disdegnà li rigatoni,

basta ch’abbonni, quanno che li metti.

***

Nun fà che la cottura s’appapponi,

ché de la pasta scotta, a denti stretti,

è mejo un carcio in mezz’a li cojoni!

***

Stefano Agostino

________________________

***

A tavola,I sonetti romani

27 Agosto 2020

La Carbonara

La Carbonara

***

Er sommo amplesso tra er guanciale e l’ova,

mist’ar formaggio e ar pepe grattuggiati,

è er “nunprusurtra” pe gole e palati,

da ’ngolosì co un’emozzione nova.

 ***

Lo sanno pure scapoli e ammojati,

che mejo piatto ar monno nun se trova

e che magnà la “carbonara” giova,

a lingua, bocca e stommico allignati.

 ***

Usa le penne oppure li spaghetti,

nun sò da disdegnà li rigatoni,

basta ch’abbonni, quanno che li metti.

 ***

Nun fà che la cottura s’appapponi!

Ché de la pasta scotta, a denti stretti,

è mejo un carcio in mezzo a li cojoni…

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Per il videosonetto cliccate quiLa Carbonara

***