Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘A tavola’ Category

A tavola,I sonetti romani

13 Novembre 2019

Li fritti romani

Li fritti romani

***

Carciofi fritti, cotti a la giudia,

de baccalà er filetto pastellato,

c’è er fiore, si è de zucca, e va sposato

co un’alicetta a faje compagnia.

***

C’è poi er supplì che viè telefonato

co un fir de mozzarella a tirà via,

c’è la crocchetta, a dì ‘na poesia,

quanno se scioje lenta in der palato.

***

L’emporio in bella mostra de li fritti

suggello de ‘na tavola imbandita,

a aprì la panza de chi ne approfitti …

***

… prima de la pietanza più gradita,

pe nun magnà a diggiuno e fà stà zitti,

li crampi de ‘na fame mai sopita.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

A tavola,I sonetti romani

17 Luglio 2019

Er Cocommeraro

cocomero

Er Cocommeraro

***

D’estate, quann’è afoso e se fa sera,

si esci in cerca de un fresco riparo,

fionnete dritto dar cocommeraro

e pìa ‘na fetta, ch’è ‘na bombognera.

***

Nun riesce mejo manco er gelataro,

succosa, forte e morbida chimera,

è come un sogno e quanno che s’avvera,

e costa poco pure pe l’avaro.

***

‘Na tinta rosa-rosso, tutto porpa,

come du’ labbra, co li brillantini,

da inghiottilla a morzi, senza corpa.

***

E ar criticone e perzonaggi affini

je se pò dì, puranche pe discorpa,

de fà la collezzione de semini.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

A tavola,I sonetti romani

2 Luglio 2019

Spunto pe ‘no spuntino

Spunto pe ‘no spuntino 

***

Pizza e mortazza, rosa cor salame

e, perché no, ciriola cor preciutto,

abbasta nominalli e hai detto tutto,

nun serve pe magnalli avecce fame.

***

Ché quella già te viè quanno l’asciutto,

in bocca s’acquolina pe le brame,

de addentà l’inzieme da reame,

de ‘gnuna de ‘ste coppie da gran frutto.

***

Ma quale bocconcino o apericena,

ma quale merendina riscallata,

ma quali “veganate” da fà pena.

***

Mortazza, cor salame o ‘na cartata

de ber preciutto sò la gioia piena,

de chi sta a dieta pe mezza giornata.

***

Stefano Agostino

______________________

***

A tavola,I sonetti romani

18 Gennaio 2019

Er caffè

Er caffè

***

Er gusto sopraffino e quer sapore

de quelli che ’ngongoleno narici,

che t’apreno pormoni e benedici

chi l’ha inventato ch’è un benefattore.

 ***

La machinetta, in meno che lo dici,

borbotta a un tratto e sbuffa de vapore,

dopo un seconno, pieno de calore,

spanne l’aroma in mille direttrici.

 ***

Macchiato, ar vetro, corto o, ar più, ristretto,

espresso, lungo, freddo, in tazza granne,

o co un goccetto d’arcol, si è coretto.

 ***

So solo che si m’arzo che sto in panne,

appena sletargato ’ngiù dar letto,

senza er caffè, io arimarei in mutanne…

***

Stefano Agostino

___________________________

***

A tavola,I sonetti romani

29 Novembre 2018

Ajo ojo e peperoncino

Ajo ojo e peperoncino

***

Ne l’ajo e ojo cor peperoncino,

ché si nun picca e picca ar punto giusto,

che ce l’hai a fà er senzo tuo der gusto,

che pare più quello de un manichino?

***

Se useno li spaghi e un ber combusto

tra l’ojo ch’è extravergine e er più fino,

l’ajo in spicchietti, a rosolà e un pelino

de foje de prezzemolo d’aggiusto.

**

C’è chi ce aggiunge poi un filo d’alici

pe daje quer sapore più deciso,

d’annacquolì er palato e le narici.

***

È er piatto che te fa tornà er soriso,

ch’è mejo si magnato co l’amici,

venuti a mezzanotte o a l’improviso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

A tavola,I sonetti romani

18 Ottobre 2018

‘Na magnata in compagnia

‘Na magnata in compagnia

***

Nun c’è ’na cosa più subblime ar monno

de fasse ’na magnata in compagnia,

raddoppia er gusto e aumenta l’alegria,

affossa li penzieri in fonno, in fonno..

***

A casa, ar ristorante o a l’osteria,

nun conta tanto er posto a fà da sfonno,

quello che serve è che tutti vonno

aritrovasse uniti in armonia.

***

A tavola, c’è er detto, nun se ’nvecchia,

e a fallo inzieme s’aringiovanisce

quest’è un’aggiunta mia, apri le recchia:

***

 “Mettese a tavolino inorgojisce

guardannose l’un l’artro ce se specchia,

cin-cin … bon appetito … che gradisce?”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

A tavola,I sonetti romani

9 Ottobre 2018

La Carbonara

La Carbonara

***

Er sommo amplesso tra er guanciale e l’ova,

mist’ar formaggio e ar pepe grattuggiati,

è er “nunprusurtra” pe gole e palati,

da ’ngolosì co un’emozzione nova.

 ***

Lo sanno pure scapoli e ammojati,

che mejo piatto ar monno nun se trova

e che magnà la “carbonara” giova,

a lingua, bocca e stommico allignati.

 ***

Usa le penne oppure li spaghetti,

nun sò da disdegnà li rigatoni,

basta ch’abbonni, quanno che li metti.

 ***

Nun fà che la cottura s’appapponi!

Ché de la pasta scotta, a denti stretti,

è mejo un carcio in mezzo a li cojoni…

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Per il videosonetto cliccate quiLa Carbonara

***