Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘A tavola’ Category

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

10 Settembre 2022

Cacio e Pepe

Cacio e Pepe

***

Sempre caro mi fu quest’ermo” … piatto,

anche si nun ce sta qui quela siepe,

ma de Infinito resta Cacio e Pepe,

che più lo magno e più ce vado matto.

***

Er tonnarello, si nun vòi fà crepe,

ch’è ’no spaghetto a chitara ar tatto,

più conzistente e morbido ner tratto,

senza sbajà cottura e fà un presepe.

***

Cor cacio mantecato ch’è ’na crema,

er pepe a pioggia a ’mporverà scodelle,

c’è er pecorino a suggellà ’sto schema.

***

Piatto romano ch’è da cento stelle,

e t’arisorve pure un gran probbrema,

si ce bazzichi poco tra padelle.

***

Stefano Agostino

______________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

3 Settembre 2022

La bira artiggianale

La bira artiggianale

***

Hai mai provato er gusto sopraffino,

che cià de suo la bira artiggianale,

prodotta co la cura maniacale

e la curtura de chi ’mbrocca er vino?

***

Nun parlo, quinni, de quella industriale,

che cià un sapore bono p’er panino,

ma de la bira a stampo genuino,

ché a ’gni sgoccetto sa pe quanto vale.

***

Nun ce n’è una che nun sia d’aroma,

ciascuna cor carattere e sapore,

ch’è suo DNA e pe cromosoma.

***

È pure variopinta ner colore,

’no spettro intero tra quelli de Roma,

già solo pe ’sto fatto viè un amore.

***

Stefano Agostino

____________________

***

A tavola,I sonetti romani

7 Luglio 2022

Er cioccolato

Er cioccolato

***

Nun pò nun èsse certo celebbrato,

co ‘na giornata che nun sia mondiale,

sarebbe un po’ più giusto univerzale,

ma de che sto a parlà? Der cioccolato.

***

Pò èsse nero, bianco, ar latte, è uguale

o in qualunque modo viè spezziato,

è er re indiscusso già da ‘gni palato,

base der dorce da Pasqua a Natale.

***

È un gusto che t’ariempe l’occhi e bocca,

è pure afrodisiaco, dà spina,

e fa passà li guai, quanno se sbrocca …

***

… perché stimola la serotonina,

l’ormone che fa ride e che ce blocca,

li penzieracci in fonno a la cantina.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

26 Giugno 2022

Liturgia de ‘na tavola romana

Liturgia de ‘na tavola romana

***

Cor pesce er martedì nun ce se ’mpippa,

de venerdì, uguali sò l’abbocchi,

er giovedì, è er giorno de li gnocchi,

er sabbato, trionfo de la trippa.

***

Er lunedì, minestra e du’ finocchi,

mercoledì, più o meno stessa pippa,

domenica, de contro, ce s’attrippa,

dar primo fino ar dorce e già co l’occhi.

***

’Na settimana co l’indicazzione,

de come magna a Roma er precisino,

che vole rispettà la tradizzione.

***

Chi è de Roma DOC capitolino,

nun se cadenza mica l’occasione,

de magnà e beve assiso ar tavolino.

***

Stefano Agostino

____________________

***

A tavola,I sonetti romani

6 Aprile 2022

SUSHIta emozzioni

SUSHIta emozzioni

***

M’hanno invitato, sì, a magnà er sushi.

Abbituato a tavola romana,

‘na carbonara co un’amatriciana,

già rido come a un firm de John Belushi.

***

Io magno solo robba ch’è nostrana,

‘sti posti … nun me fermo manco a l’usci,

ma m’hanno detto: “Prova … armeno strusci,

quarcosa che nun sia solo italiana”.

***

M’hanno convinto e me so’ ricreduto,

ché ‘sta cucina a base sua de pesce,

m’ha conquistato in meno de un minuto.

***

A parte quer magnà co le bacchette,

che manco in mille anni mai me riesce,

ma peffortuna ciànno le forchette!

***

Stefano Agostino

________________________

***

A tavola,I sonetti romani

12 Novembre 2021

Er novello

Er novello

***

Novembre mette in tavola er novello,

ch’è er primo vino, fresco de zampillo,

co quer sapore che nun riesci a dillo,

sì, sa de mosto, ma un tinticarello.

 ***

Der vino rosso, ce pò avé er siggillo,

ma qui er rubbino è come un acquerello,

famo a capisse, è vino, no vinello,

ma è meno forte e nun te lassa brillo.

 ***

Solo ch’è un po’ come er canto der gallo,

che “chi-chi-ri-cchi” strilla pe trastullo,

poi esce er Sole e smette de cantallo…

 ***

…così er novello tira presto er collo,

che a metà dicembre ormai è già da frullo,

bevilo prima e fàttece satollo!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

8 Ottobre 2021

Le callaroste

Le callaroste

***

Quanno d’autunno è tempo de cappotti,

si fai un giro ar centro, pe passeggio,

te do un conzijo, trovete l’ormeggio,

tra via Frattina, Corzo e via Condotti.

***

Vedrai seduto a la meno peggio,

chi te ’ncartoccia li maroni cotti

ar foco de la brace in bussolotti,

bruscati giusto p’aumentaje er preggio.

***

E pe ’na vorta lassa stà la dieta,

e nun te fà probbremi si te costa,

c’è la palestra poi pe fà l’atleta.

***

Ché la castagna pare fatta apposta,

pe fasse strofeggià da ’gni poeta,

quanno s’abbrucia e coce in callarosta.

***

Stefano Agostino

_____________________

***