Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘A tavola’ Category

A tavola,I sonetti romani

7 Maggio 2024

Ajo ojo e peperoncino

Ajo ojo e peperoncino

***

Ne l’ajo e ojo cor peperoncino,

ché si nun picca e picca ar punto giusto,

che ce l’hai a fà er senzo tuo der gusto,

che pare più quello de un manichino?

***

Se useno li spaghi e un ber combusto

tra l’ojo ch’è extravergine e er più fino,

l’ajo in spicchietti, a rosolà e un pelino

de foje de prezzemolo d’aggiusto.

**

C’è chi ce aggiunge poi un filo d’alici

pe daje quer sapore più deciso,

d’annacquolì er palato e le narici.

***

È er piatto che te fa tornà er soriso,

ch’è mejo si magnato co l’amici,

venuti a mezzanotte o a l’improviso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

A tavola,I sonetti romani

21 Novembre 2023

Er sugo a l’incazzata

Er sugo a l’incazzata

***

Pur nun essenno tipico romano,

qui sto a parlà der sugo a l’arabbiata,

a Roma cià la forma più “incazzata”,

ch’è ‘na variante ar piatto italiano.

***

A Roma, co de l’ajo e spennellata

de ojo d’agro tipico nostrano,

ricetta vò ch’er sugo, piano piano,  

  sia cotto ner piccante da imbarcata.

***

No che se sente un po’ er peperoncino,

come se fa ner resto der Paese,

che nun lo sente manco un regazzino.

***

“A l’incazzata” nun beffa l’attese,

quanno lo metti in bocca e abbrucia fino

a l’artro bucio sotto, men cortese. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

8 Novembre 2023

Le callaroste

Le callaroste

***

Quanno d’autunno è tempo de cappotti,

si fai un giro ar centro, pe passeggio,

te do un conzijo, trovete l’ormeggio,

tra via Frattina, Corzo e via Condotti.

***

Vedrai seduto a la meno peggio,

chi te ’ncartoccia li maroni cotti

ar foco de la brace in bussolotti,

bruscati giusto p’aumentaje er preggio.

***

E pe ’na vorta lassa stà la dieta,

e nun te fà probbremi si te costa,

c’è la palestra poi pe fà l’atleta.

***

Ché la castagna pare fatta apposta,

pe fasse strofeggià da ’gni poeta,

quanno s’abbrucia e coce in callarosta.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

A tavola,I sonetti romani

7 Novembre 2023

Er novello

Er novello

***

Novembre mette in tavola er novello,

ch’è er primo vino, fresco de zampillo,

co quer sapore che nun riesci a dillo,

sì, sa de mosto, ma un tinticarello.

 ***

Der vino rosso, ce pò avé er siggillo,

ma qui er rubbino è come un acquerello,

famo a capisse, è vino, no vinello,

ma è meno forte e nun te lassa brillo.

 ***

Solo ch’è un po’ come er canto der gallo,

che “chi-chi-ri-cchi” strilla pe trastullo,

poi esce er Sole e smette de cantallo…

 ***

…così er novello tira presto er collo,

che a metà dicembre ormai è già da frullo,

bevilo prima e fattece satollo!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

A tavola,I sonetti romani

5 Ottobre 2023

Er castagnaccio

Er castagnaccio

***

Quanto pò èsse bono er castagnaccio!

Dorce cucina povera, ‘na vorta,

ché mó che la natura s’è sconvorta,

pe un etto de castagne c’è lo spaccio.

***

Ar gusto t’apre subbito la porta

quarche ricordo quanno stavi in braccio

che c’era nonna … quarche strofinaccio,

a cucinà che tutto era ‘na torta.

***

Farina de castagne, tanta uvetta,

co li pinoli e un po’ de rosmarino,

e se pò dì ch’è pronta ‘sta ricetta.

***

Co un sapore, reso sopraffino,

da quer ricordo dentro a de ‘gni fetta,

e t’aritrovi in braccio regazzino.

***

Stefano Agostino

________________________

***

A tavola,I sonetti romani

12 Agosto 2023

‘Na magnata in compagnia

‘Na magnata in compagnia

***

Nun c’è ’na cosa più subblime ar monno

de fasse ’na magnata in compagnia,

raddoppia er gusto e aumenta l’alegria,

affossa li penzieri in fonno, in fonno..

***

A casa, ar ristorante o a l’osteria,

nun conta tanto er posto a fà da sfonno,

quello che serve è che tutti vonno

aritrovasse uniti in armonia.

***

A tavola, c’è er detto, nun se ’nvecchia,

e a fallo inzieme s’aringiovanisce

quest’è un’aggiunta mia, apri le recchia:

***

 “Mettese a tavolino inorgojisce

guardannose l’un l’artro ce se specchia,

cin-cin … bon appetito … che gradisce?”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

19 Luglio 2023

La grattachecca

La grattachecca

***

Le sere de callaccia che te secca,

nun tira un soffio d’aria manco a spinta,

c’è ’na sarvezza che nun è ’na finta:

è la mejo gelata grattachecca.

***

Cerca un chioschetto, fino a che l’hai vinta,

come in Arabia se cerca la Mecca,

e magna tutto, bevi, succhia e lecca,

prima, seconna, terza, quarta e quinta.

***

Pòi colorà quer ghiaccio co ’gni gusto,

dar cocco a l’amarena o cor melone,

seconno ch’er palato è quello giusto.

***

Orzata, menta, ananas, limone,

smorza la sete e riarza er busto,

la grattachecca nun cià paragone.

***

Stefano Agostino

____________________

***