Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

7 Novembre 2015

Er novello

Er novello

***

Novembre mette in tavola er novello,

ch’è er primo vino fresco de zampillo,

co quer sapore che nun riesci a dillo,

sì, sa de mosto, ma un tinticarello.

 ***

Der vino rosso, ce pò avé er siggillo,

ma qui er rubbino è come un acquerello,

famo a capisse, è vino, no vinello,

ma è meno forte e nun te lassa brillo.

 ***

Solo ch’è un po’ come er canto der gallo,

che “chi-chi-ri-cchi” strilla pe trastullo,

poi esce er Sole e smette de cantallo…

 ***

…così er novello tira presto er collo,

che già a metà dicembre ormai è da frullo,

bevilo prima e fàttece satollo!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Novembre mette in tavola er novello,
    ch’è er primo vino fresco de zampillo,
    co quer sapore che nun riesci a dillo,
    sì, sa de mosto, ma un tinticarello. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 Novembre 2015 @ 08:55
  2. Il vino è qualcosa che non mi appartiene: sono astemia e non so se mi perdo qualcosa.
    Buone bevute e buon sabato a tutti!

    Comment by letizia — 7 Novembre 2015 @ 09:58
  3. Un vino un tantinello pel citrullo!

    Comment by Laio — 7 Novembre 2015 @ 11:50
  4. Biona domenica. Bello er sonetto de ieri sur vino novello.
    Trinca, trinca cor novello
    che c’è ancora er tempo bello

    Comment by 'svardo AsR '929 — 8 Novembre 2015 @ 08:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>