Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Agosto 2016

Salì sur podio

Salì sur podio

***

Dietro a ‘gni sola goccia de sudore,

dentr’a ‘gni sforzo de ‘nzuppà la maja,

in de ‘gni scontro in cui ce sia battaja,

ner fonno der profonno giù der còre …

***

Ar centro de ‘gni battito a mitraja

in quer penziero e un sogno tricolore,

salì sur podio, l’inno e un gran tremore,

che nun se fa pe vince ‘na medaja…

***

Sapé d’avecce ar collo un nastro a seta

che lega un pezzo bronzo, argento o d’oro

che te fa primo atleta der pianeta …

***

… ripaga de ‘gni giorno de lavoro

e de la lotta a diventà un atleta,

ner mentre s’arza la bandiera e un coro … 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Dietro a ‘gni sola goccia de sudore,
    dentr’a ‘gni sforzo de ‘nzuppà la maja,
    in de ‘gni scontro in cui ce sia battaja,
    ner fonno der profonno giù der còre … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Agosto 2016 @ 05:41
  2. Bongiorno. E’ vero er contenuto der sonetto e nun solo ne l’ambito d’o sport, ma ‘n tutte ‘e manifestazioni d’a vita.
    ….
    ER penziero der giorno:
    “Senza l’apPORTO di tutti e il nostro supPORTO non si va in PORTO.”
    Allora cominciate a torna’ ‘n “CURVA SUD” e a SUPPORTA’ la ROMA senza fa’ inutili polemiche.

    Comment by Romamor AsR29 — 17 Agosto 2016 @ 08:04
  3. Bisogna sudare e lavorare, lavorare e sudare per una medaglia: ma quando accade, che soddisfazione!!!

    Pensiero del Giorno: SEMPRE FORZA MAGICA ROMA (speriamo bene, già sto a tremà).
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 17 Agosto 2016 @ 11:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>