Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

29 novembre 2018

Ajo ojo e peperoncino

Ajo ojo e peperoncino

***

Ne l’ajo e ojo cor peperoncino,

ché si nun picca e picca ar punto giusto,

che ce l’hai a fà er senzo tuo der gusto,

che pare più quello de un manichino?

***

Se useno li spaghi e un ber combusto

tra l’ojo ch’è extravergine e er più fino,

l’ajo in spicchietti, a rosolà e un pelino

de foje de prezzemolo d’aggiusto.

**

C’è chi ce aggiunge poi un filo d’alici

pe daje quer sapore più deciso,

d’annacquolì er palato e le narici.

***

È er piatto che te fa tornà er soriso,

ch’è mejo si magnato co l’amici,

venuti a mezzanotte o a l’improviso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Ne l’ajo e ojo cor peperoncino,
    ché si nun picca e picca ar punto giusto,
    che ce l’hai a fà er senzo tuo der gusto,
    che pare più quello de un manichino? … (continua)

    Comment by Stefano — 6 maggio 2014 @ 07:12
  2. mmmm quanto è buona!

    Comment by letizia — 6 maggio 2014 @ 11:04
  3. Ohhh, finalmente un sonetto – ricetta culinaria: potrebbe aprirsi un ciclo???

    Comment by Silvio — 6 maggio 2014 @ 11:06
  4. E’ un piatto apparentemente semplice e banale, ma OTTIMO!!!

    Comment by principessa — 6 maggio 2014 @ 14:20
  5. Può essere una bella idea per oggi a pranzo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 29 novembre 2018 @ 09:24
  6. Bravo Stefano, noto con piacere che ti difendi ottimamente anche con le ricette gastronomiche in rima!!!
    Questo è un grande classico della nostra cucina, con la prerogativa di essere un piatto facile e rapido da preparare, e che richiede pochissimi e semplici ingredienti. Ideale per una estemporanea spaghettata tra amici.

    Comment by Silvio — 29 novembre 2018 @ 09:29
  7. Spaghetti ajo, ojo e peperoncino; parole che chiudeno er mijor convito.
    Si ce aggiungi ‘n bicchiere de rosso de li castelli romani, arimani a sede e chiacchieri fin’ar domani.

    Comment by 'svardo — 29 novembre 2018 @ 12:00
  8. E’ un grande piatto, e le ricette migliori sono quelle semplici e veloci, fatte apposta per un piatto da preparare all’ultimo momento.
    Poi si presta a mille esperimenti e varianti, io ad esempio ho scoperto che ci guadagna aggiungendo una spolverata leggera di pangrattato fine. Alla fine, l’unica regola cui non si prescinde è versare l’olio bollente direttamente sul piatto: main mantecare!
    Buon appetito

    Comment by Pablo BigHorn — 29 novembre 2018 @ 13:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>