Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

12 settembre 2018

Amor Roma

amor roma

Amor Roma

***

‘Gni vorta che ce penzo lì m’appago,

ringrazzio Dio d’avemme dato tanto,

poté co st’occhi arimirà ‘st’incanto,

‘st’opera magna fatta da quer Mago.

***

De fronte a me c’è Roma, ch’è er mio vanto,

sbrillucica de luci come un lago

a fà da bussola ‘ndove c’è un ago

che segna er punto esatto de ‘sto canto.

***

Io così piccolo che avrò mai fatto

pe guadagnamme er titolo e l’onore

d’èsse romano e viveje a contatto?

***

Già solo ‘sto penziero m’apre er core

me fa felice ar punto che de un tratto,

scancella ‘gni tristezza e malumore.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. ‘Gni vorta che ce penzo lì m’appago,
    ringrazzio Dio d’avemme dato tanto,
    poté co st’occhi arimirà ‘st’incanto,
    ‘st’opera magna fatta da quer Mago. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 settembre 2018 @ 05:53
  2. Credo che, insieme a “A Roma mia”, questo sia il sonetto icona, simbolo, emblema di questo blog. Una composizione magistrale!

    Comment by Silvio — 12 settembre 2018 @ 11:01
  3. Ogni giorno ringrazio il Signore di avermi fatto nascere a Roma! La mia città, la più bella del mondo (nonostante tutto)! Per il resto, concordo pienamente con Silvio!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 settembre 2018 @ 11:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>