Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

29 Ottobre 2021

Er bullismo

Er bullismo

***

Nun ciài avuto mai uno in famija,

che t’ha gonfiato a forza de legnate,

sinnò nun le faresti ’ste cazzate,

che fanno solo che aggrottà le cija.

***

Artro che mette in rete le bravate,

da dieci contro uno in parapija,

cazzotti, sputi, lanci de bottija,

banchi distrutti, aule devastate.

***

C’è chi va in cerca de ’na spiegazzione,

de ’sto bullismo ch’è piaga sociale,

come pe daje guasi ’na raggione.

***

Allora chi subbisce invece er male?

Ce vò chi le difenne ’ste perzone!

P’er bullo ce sta er codice penale.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Nun ciài avuto mai uno in famija,
    che t’ha gonfiato a forza de legnate,
    sinnò nun le faresti ’ste cazzate,
    che fanno solo che aggrottà le cija. …

    Comment by Stefano — 28 Ottobre 2021 @ 17:36
  2. I “bulli” andrebbero severamente castigati e non cercare di discolparli perchè, forse, da ragazzini hanno avuto a loro volta botte da orbi in famiglia! Io li metterei in galera per un po’ a meditare le loro bravate.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 29 Ottobre 2021 @ 14:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>