Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Guestbook,I sonetti romani

30 Ottobre 2018

Roma città … allerta

Roma città … allerta

***

E ciarisemo, un artro nubbifraggio,

come pronosticato da l’allerta,

e Roma intanto è sempre città aperta,

da buche che ne onoreno er lignaggio.

***

Tombini che oramai ciànno ‘na certa,

e l’arberi che cascheno ar passaggio,

de fiumi a mo’ de strade e che coraggio

attraverzalli senza guida esperta.

***

Dar centro pieno a la periferia

è tutto un gran casino generale,

ché ‘gni seconno scapperesti via.

***

Ma è un penziero che come m’assale

lo caccio a carci co tanto de scia,

me tengo stretta ‘sta città uguale.

***

Stefano Agostino

_________________

 ***

  1. E ciarisemo, un artro nubbifraggio,
    come pronosticato da l’allerta,
    e Roma intanto è sempre città aperta,
    da buche che ne onoreno er lignaggio. … (continua)

    Comment di Stefano — 30 Ottobre 2018 @ 06:46
  2. Anche allagata Roma è la città più bella e da me amata! Comunque, è da un pezzo che ci dicono: “Il clima è cambiato”! ma nessuno ha mai fatto niente per adeguarsi al cambiamento.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 30 Ottobre 2018 @ 12:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>