Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Guestbook,I sonetti romani

23 Aprile 2020

Riapertura

Riapertura

***

Tocca riaprì, se sa, lo dicon tutti,

ma nun se pò fà senza cautela,

è troppo arto er rischio che se cela

dentr’a ‘sto virus che coje li frutti …

***

… de mosse troppo in là e che la sua tela

continui a tesse e faccia ancora lutti,

pe questo ripartì, ma che se sfrutti

massimo ingegno e massima tutela.

***

Vanificà li sforzi fatti adesso,

je tojerebbe er senzo e la misura,

si poi ar virus je se dà l’accesso.

***

Ce vò criterio e ‘qui gni scerta è dura,

su come, quanno e a chi daje er permesso

d’uscì e a chi  allungaje la chiusura.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Tocca riaprì, se sa, lo dicon tutti,
    ma nun se pò fà senza cautela,
    è troppo arto er rischio che se cela
    dentr’a ‘sto virus che coje li frutti …

    Comment by Stefano — 23 Aprile 2020 @ 00:09
  2. Chissà quando tutti potranno riaprire per tornare al solito lavoro! Ma bisogna sempre usare molta attenzione, perchè questo virus è veramente subdolo.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 23 Aprile 2020 @ 10:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>