Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Marzo 2018

Sabbato Santo

Sabbato Santo

***

È un giorno de silenzio e de preghiera

e in generale de raccojimento,

pe fà ariflette, anche pe un momento,

su ch’è successo fino a jeri sera.

 ***

Pure ’gni campanile resta spento,

in segno de rispetto e de sincera

voja de pace, dorce e più leggera,

che sta in attesa de quer lieto evento.

 ***

È er giorno, fórze l’unico sortanto,

ch’è come profumato de un aroma

che nun se pò spiegà, ma lo fa Santo.

***

Se chiude co la Veja che prodroma

a la più granne Festa e ar più ber canto:

er coro de campane, è Pasqua, è Roma.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. È un giorno de silenzio e de preghiera
    e in generale de raccojimento,
    pe fà ariflette, anche pe un momento,
    su ch’è successo fino a jeri sera. … (continua)

    Comment by Stefano — 4 Aprile 2015 @ 06:52
  2. Un Sonetto con la S maiuscola. Ispirato e calibrato, se lo leggi sottovoce è ancor più bello. Grazie Stefano.

    Comment by Pablo BigHorn — 4 Aprile 2015 @ 10:14
  3. “…er coro de campane, è Pasqua, è Roma”: mi riporta indietro in un tempo che non c’è più!
    Buon Sabato Santo!

    Comment by letizia — 26 Marzo 2016 @ 10:07
  4. Buon Sabato Santo a tutti!

    Comment by maria letizia — 31 Marzo 2018 @ 09:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>