Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

La Roma in rima,Poesie romaniste

14 Maggio 2019

James Pa(r)lotta

James Pa(r)lotta

***

Finora solo chiacchiere e promesse,

ma in bacheca nun ciài messo gnente,

ce dici “forza Roma” solamente,

ma pe vedette ce vò er GPS.

***

E dì che ce credevo, presidente,

ero convinto che potevi èsse,

un po’ tifoso, ma è solo interesse,

tant’è che tu arisurti sempre assente.

***

E tifi solo pe quer dio quatrino,

penzi a lo stadio, e quanto pò dà grano,

ma de la Roma schifi poi er destino.

***

Che ne sai tu, che te ne stai lontano,

cos’è tifà la Roma da bambino,

 dillo a DE ROSSI e dillo a chi è romano!

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Poesie romaniste

FLORENZI e ronaldo

FLORENZI e ronaldo

***

Te sei permesso de stà a fà er bulletto,

ché tanto ‘ndó stai tu tutt’è concesso,

co quela maja addosso ciài er permesso,

de fà quer che te pare, senza effetto.

***

Ché poi tu sei Ronaldo, boni adesso,

davanti a te ‘gni artro omo è ometto,

perciò t’atteggi e sei pure scoretto,

nessuno te viè a dì che sbaji e spesso.

***

Ma peffortuna cià penzato er campo

a fà giustizzia piena de consenzi,

arovescianno er monno e senza scampo …

***

… quanno che t’ha segnato lui, Florenzi,

t’ha arintorzato, in meno che de un lampo,

quele stronzate che j’hai detto e penzi.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 Maggio 2019

Roma – Juventus

Roma – Juventus: 2-0

***

Come che finirà ‘sto campionato,

conta de certo, ma pe adesso poco,

quello che importa, e manco pressappoco,

e avé battuto er gobbo patentato.

***

Ché vince contro questi anche ner gioco

è certo tutto tranne che scontato,

invece parla chiaro er risurtato,

due a zero … tutti a casa o in artro loco.

***

La Roma soffre un tempo, poi ar seconno

vié fòri e vince bene la partita

co ‘sto punteggio ch’è bello rotonno.

***

Florenzi e Dzeko a segnà le dita,

che pe ‘na sera fa stà in cima ar monno,

batte la juve dà gioia infinita.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

***

Gesù poi je parlò de pecorelle,

che passeno la porta der recinto,

ne l’ascortà la voce che l’istinto

je fa conosce a tutte quante quelle.

***

La voce der pastore, er quale ha spinto

de fòri a pasce er gregge, mai ribbelle,

ché sa chi è e che da artre favelle,

nun viè mai commannato e manco avvinto.

***

Poi spiegò tutto a chi nun lo comprese:

Gesù è la porta ar gregge e quer pastore,

le pecore sò er popolo che attese …

***

… e nun seguì er richiamo truffatore

de ladri e de briganti, ma che intese

la voce de Sarvezza der Signore.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani

11 Maggio 2019

Trilussa – Le notizzie allarmiste

Le notizzie allarmiste

***

Ner vedello sortì, je corzi appresso.

Dico: “Sor conte, penzi ar pagamento”.

“Oh, – dice – questo qui nun è er momento,

eppoi pe strada nun ho mai permesso”.

***

“Ma io ciavevo fatto assegnamento,

– dico – me paghi come m’ha promesso.

Nun sa che co ‘sta guera ciò rimesso,

armeno un quattromila e cinquecento?”

***

“Lei sparge le notizzie esaggerate”,

m’ha detto er conte e ne l’uscì dar vicolo

ha visto quattro guardie e l’ha chiamate.

***

Quelle sò corze e, assieme a un ufficiale,

m’hanno arestato a norma de l’articolo

trecentotré der Codice Penale.

***

Trilussa

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Maggio 2019

Sei unico

sei unico

Sei unico

***

Quanno sei a tera e nun riesci a riarzatte,

co tutto er monno che t’acciacca sotto

e manca poco pe fatte fà er botto,

ché ciai er morale sotto a le ciavatte …

***

… prova a penzà che pure che sei rotto

e nun ciai più la forza de combatte,

ar monno nun ce sta chi pò imitatte,

nemmanco si fa bingo o sbanca er lotto.

***

Ché su ‘sta tera ‘gnuno è er più speciale,

e, come te, è un unico, comunque,

senza le copie de l’origginale.

***

Quann’eri ‘no spermatozoo, ar dunque,

ricorda d’èsse stato eccezzionale,

sei stato er primo tu, no uno qualunque.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani

9 Maggio 2019

Caccia ar tesoro

Caccia ar tesoro

 ***

Lo cerco sempre, ma lui s’annisconne,

lo vedo da lontano, ma è un miraggio,

e più lo cerco e più m’allunga er viaggio,

e fugge via che manco mai risponne.

***

De che ve sto a parlà co ‘sto messaggio?

Der più mejo sonetto che fa inzonne

ner ricercallo, qua e là, tra sponne

che appena tocchi chiudeno er passaggio.

***

Ne trovi uno sì pe ‘gni occasione,

ma quello mejo nun lo trovi mai,

te n’hai da fà de certo ‘na raggione.

***

Così che n’hai da scrive ancora e assai,

fin quanno apparirà, ma l’emozzione

te tojerà la rima, già lo sai!

***

Stefano Agostino

__________________________

***