Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

La Roma in rima,Stagione 2020/21

10 Gennaio 2021

Roma – Inter

Roma – Inter: 2-2

***

Er primo tempo se chiude in vantaggio,

er go’ de Pellegrini fa uno a zero,

per ner seconno tempo a dì er vero

è l’Inter a uscì fòri e dacce ostaggio.

***

Fa prima pari, eppoi er due … davero

da fà sembrà er recupero un miraggio,

ma poi la Roma cresce e co coraggio

trova ar pareggio che merita intero.

***

Lo segna co un gran go’ er sor Mancini

de testa, mejo nuca, e a l’angolino

finischeno paure e cose affini.

***

Che certo perde era un ber casino,

ma quanno metti er còre, li destini

te li vai a trovà cor lanternino.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“Te devo battezzà? Me pare strano”.

***

Gesù je fece: “Vole sì er Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allor, più nun parlò invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprirono li Celi e ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani

9 Gennaio 2021

Il mio sonetto “Cucina romanesca” letto in RAI

Ecco il link:

Il link del programma Rai dove è stato letto il mio sonetto

***

Cucina romanesca

***

Esempi de cucina romanesca:

’na carbonara fatta co li fiocchi,

la gricia, un cacio e pepe o ’sti du’ gnocchi,

l’amatriciana o ’na puttanesca.

*** 

Frammezzi a cazzimpero de finocchi,

poi vòi la carne? Tiè, guarda che pesca:

pajata, trippa, abbacchio o, si te ’ntresca,

un sartimbocca che strabbuzzi l’occhi.

 **

Carciofi a la giudìa o in coratella,

facioli, broccoletti e misticanza,

cicoria, coda e quarche puntarella.

*** 

Sia che se cena, qui, sia che se pranza,

la tavola romana t’affratella,

nun serve solo p’ariempì la panza.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima

Auguri CUCS

Auguri CUCS

***

9 gennaio der settantasette,

a Roma, in Curva Sud, nasce er Commanno,

e da quer giorno lì e da quell’anno,

ancora sta ner còr de chi se mette …

***

… ‘sti du’ colori da ch’è Capodanno

inzino a San Sirvestro, e a le strette,

tifa la Roma sempre e nun ammette

un tifo solo si va bene er quanno.

***

Commanno Urtrà e ancora basta er nome

pe ripassà a memoria le staggioni,

sempre a cantà FORZA LA ROMA e come …

***

… in Curva Sud ancora s’arza un coro

che der Commanno cià derivazzioni,

me brilla l’occhio pe li tempi d’oro.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2021

Levà l’addobbi

Levà l’addobbi

***

Quanno ch’è er tempo de levà l’addobbi,

me manno giù un boccone de tristezza,

le feste sò finite, e che amarezza,

mó tocca aritornà pure a li sgobbi.

 ***

Via l’arbero e er presepio … che schifezza!

Quanno a montalli, invece, è er mejo hobby,

mó tutto è da incartà e da fasse gobbi

a mettelo in cantina co destrezza.

***

Però si nun ce fusse er dì normale

e fusse, quinni, sempre e solo festa,

la festa che ciavrebbe de speciale?

***

E ‘sto penziero che me batte in testa,

conzola er salutà un artro Natale

e ‘sta malinconia che mó me resta.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

6 Gennaio 2021

Crotone – Roma

Crotone – Roma: 1-3

***

Se vince ancora e bene in trasferta,

battuto er Crotone pe tre a uno,

er primo tempo senza dubbio arcuno,

ne la ripresa gara un po’ più aperta.

***

Du’ go de Borja Mayoral ciascuno

de importanza e potenza scerta,

de posizzione er primo e gamba esperta

ner suo seconno … e casca già quarcuno.

***

Poi er tre è de Miki, segna su rigore,

da lì la Roma lassa a l’avverzario,

de fà er gioco e un poco de rumore.

***

Se prenne un go’ ma poi viè giù er sipario,

co ‘sta vittoria de granne valore,

si nun lo vòi vedé … er monno è vario.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Li Re Magi

Li Re Magi

***

Partiti da li tre pizzi der monno,

seguenno la gran scia de ’na cometa,

ciascuno da ’no spicchio der pianeta,

sfidanno mari, monti, freddo e sonno.

 ***

Forti de la parola der profeta,

senza fermasse mai, manco un seconno,

sò arivati tutti fino in fonno,

avenno inteso la notizzia lieta.

 ***

E ’gnuno aveva un dono stabbilito:

Gaspare l’oro, segno de corona,

Melchiorre incenzo, p’èsse riverito…

 ***

… e Baldassarre mirra che l’unziona,

pe quanno se sarebbe seppellito…

e anch’er presepio mó se perfezziona.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***