Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Dicembre 2019

6 dicembre: San Babbo Natale

6 dicembre: San Babbo Natale

***

Babbo Natale, basta la parola,

pe penzà ar sacco de rigali e strenne,

ar traino de la slitta co le renne

e a quel’attesa co un groppo a la gola.

 ***

La tradizzione vò fàllo discenne

dar Santo turco Mira, San Nicola,

(ma de verzione nun ce n’è una sola)

e er sei dicembre è er giorno suo solenne.

 ***

Fu ricco in vita, ma donò l’averi

a bimbi poverelli o a l’ospedale

e aiutò la gente co guai seri.

 ***

Er sei dicembre pe quarcuno vale

lo scambio de pacchetti e de penzieri,

come da noi la notte de Natale.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Dicembre 2019

Er tigna

er tigna

Er tigna

***

Parlà co te è un dialogo tra sordi,

ché tanto fai l’orecchie da mercante,

er muro è più disposto e accomodante,

co te impossibbil’è trovà l’accordi.

***

Si ciài un’idea è quella, è ‘na costante,

de fattela cambià o limà li bordi,

mejo si lassi perde, te lo scordi,

pure davanti a verità lampante.

***

Ma sai che c’è? Mollo ‘sta discusione.

Così nun me ce addanno più e me ‘ncoccio,

cercanno d’aggiustatte l’oppignone.

***

Ottengo un doppio effetto: nun me scoccio

e faccio crede a te che ciài raggione,

quanno la verità è che sei de coccio!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Dicembre 2019

Lillo, er Re der protocollo

Er Re der protocollo

***

Da sempre è lui er Re der protocollo,

nun serve da indicà chi è e da dillo,

pe pochi è Amerildo, pe noi è Lillo,

l’istituzzione de ‘gni marca o bollo.

***

Ch’è lui da sempre, tocca ribbadillo,

da quanno che s’usava er francobbollo,

a nummerà ‘gni plico, pacco o collo,

che ariva o manna l’Anac cor siggillo.

***

Ma adesso c’è da fàcce tutti er callo,

che ce saluta e va, co gran trastullo,

dritto in penzione a comincià lo sballo.

***

Ce mancherà ‘gni giorno er suo cappello,

e quer suo modo, pure un po’ da bullo,

ma da omo de còre e de cervello.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

3 Dicembre 2019

Celebbrà er Natale

Celebbrà er Natale

***

Me devi fà capì qual è er motivo,

pe cui te mancherebbe de rispetto,

si vojo celebbrà come un pupetto

Natale quanno viè o è in arivo.

***

Dov’è che fà un presepio benedetto

o un arbero che sluccica de vivo

o a scòla fà ‘na recita è lesivo,

de Buddha, de Confucio o Maometto?

***

La libbertà, simmai, sta propio in questo:

ner professà cor credo, riti e usanze,

ciascuno ner suo modo e cor suo testo.

***

Ma si a Natale ciài solo lagnanze,

e dichi a chi festeggia ch’è molesto,

perché nun ce arinunci a le vacanze?

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

1 Dicembre 2019

Verona – Roma

Verona – Roma: 1-3

***

‘Na gran vittoria e viè pure in trasferta,

sur campo der Verona, bello duro,

tre punti boni quinni p’er futuro,

e co ‘na gara certo assai sofferta.

***as

Er primo go’ de Kluivert, più maturo,

su assist de ‘na classe ormai certa,

de Pellegrini che azzecca la scerta,

ma er pari der Verona arza er muro.

***

Ma è un momento … fino a quer rigore,

segna Perotti e poi ne la ripresa,

è un tempo che ce dura un par de ore.

***

Fin quanno Mkhitaryan, gran sorpresa,

a tempo ormai scaduto e co valore,

inzacca er tre e chiude ‘gni contesa.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er padrone de casa cor ladro”

Dar Vangelo der giorno:

“er padrone de casa cor ladro”

***

Gesù j’ariccontò der suo ritorno,

quanno verà ner giorno più propizzio,

p’annacce preparati da l’inizzio

e nun finì a coce indentr’ar forno.

***

Quanno aritornerà, mica pe sfizzio,

c’è chi verà portato via de torno,

c’è chi verà lassato e là, in quer giorno,

se compirà poi er tempo der Giudizzio.

***

Je disse a li discepoli: “Vejate,

ché nun saprete er tempo der soqquadro,

quanno che tornerò e ve preparate …

***

… come potrebbe fà, pe favve un quadro,

chi cià ‘na casa e tiè l’armi puntate,

pe quanno, in piena notte, je viè er ladro”.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Novembre 2019

Sant’Andrea

Sant’Andrea

***

Prima lui fu discepolo ar Battista,

poi primo Apostolo, co tar nomea,

lui cor fratello Pietro, dico, Andrea,

pe annà a seguì Gesù, già solo a vista.

***

Pescaveno già er pesce in Galilea,

Gesù je cambia rete de conquista,

in pescatori d’ommini a fà lista,

pe tutta la gran tera de Giudea.

***

Lui ner subbì er martirio de la Croce,

quella de Andrea de crocifissione,

volle su legno a “X” pe nun dà voce …

***

… ar grido interno de fà imitazzione,

der sacrificio de Gesù, atroce,

quer palo messo a “T” de Redenzione.

***

Stefano Agostino

________________________

***