Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Romanamente

21 Gennaio 2020

La truffa der finto incidente

La truffa der finto incidente

***

Annavo in giro in auto l’artra sera,

quann’ecco, tutt’a un tratto, sento un botto,

senza vedé nissuno dar lunotto,

senza capì er rumore de che era.

***

Ner mentre seguitavo, se fa sotto

un tizzio, scooter griggio e veste nera,

me fa: “M’hai preso … guarda la lamiera …

ce sta na riga … e un pezzo me s’è rotto.

***

So’ carozziere – dice – e abbituato

a le denunce e a l’assicurazzioni,

lassamo stà cor CID, che in de ‘sto stato …

****

…aumenta er premio a te e boni boni

ce vonno anni p’èsse liquidato,

damme du’ piotte, senza pizzardoni”.

***

Che invece poi, si avessi contattato,

quello spariva, come li magoni,

e certo nun m’avrebbe cojonato.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

19 Gennaio 2020

Genoa – Roma

Genoa – Roma: 1-3

***

Se torna a vince e su un campo rognoso,

pe questo sò tre punti benedetti,

prima de du’ partite a denti stretti,

‘na gran vittoria è un iter decoroso.

***

Er primo go’ de Under cià l’aspetti

de un cross che poi va dentro favoloso,

er du’ è un’autorete, ma prezzioso

è Spinazzola, tra li più perfetti.

***

Poi segna er genoano e lo scenario

è un attimo che pò cambià de botto

ma er tre de Dzeko manna giù er sipario.

***

Annamo avanti che chi ce sta sotto,

cià da restà distante ner divario,

e c’è da magnà er “pollo” che s’è cotto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “ecco l’Agnello de Dio”

Dar Vangelo der giorno: “ecco l’Agnello de Dio”

***

Quanno Gesù s’approssimò ar Battista

e lo guardò ne l’occhi in der profonno,

in quer momento esatto e in quer seconno,

Giovanni disse a chi je stava a vista: …

***

… “Ecco Colui che viè pe destà er sonno,

de chi è addormito ner peccato e acquista

co Lui la Redenzione, Lui ch’è in pista

pe toje li peccati in tutt’er monno.

***

Io ve battezzo in acqua, ma Lui accanto

er Fìo de Dio, Gesù, Lui ch’è l’Agnello

viè e ve battezzerà in Spirito Santo.

***

Va avanti a me, pe fàcce da Fratello,

io l’ho testimognato e questo è quanto

e nun vedevo l’ora de vedello”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani

18 Gennaio 2020

Trilussa – Er barbiere e l’avventore

Er barbiere e l’avventore

***

In questo qui so’ come San Tommaso

o Sonnino o Giolitti, sia chi sia …

– Famme la barba, Pippo, tira via …”

– Er proletario ormai s’è persuaso

***

che si un governo de la borghesia

sfrutta er lavoratore, in de ‘sto caso …

– Abbada, Pippo, me ‘nsaponi er naso …

– È tanto peggio pe la monarchia.

***

– Peggio pe me, me scortichi, fa’ piano …

– Ma intanto er socialismo progredisce …

– Attento ar pedicello… – E a mano a mano …

***

– M’hai fatto du’ braciole sur barbozzo …

– Un giorno o l’antro sa come finisce?

– Finisce che me taji er gargarozzo!

***

Trilussa

___________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Gennaio 2020

Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate

***

Gennaio diciassette, oggi aricore

er giorno ch’è de Sant’Antonio Abate,

er Santo che da quanno ch’era frate

vivette da eremita tutte l’ore.

***

“Quer che ciavete voi … che lo doniate”

quest’era er suo principio, er suo motore,

ar punto che se chiuse p’er fervore

in de ‘na grotta a vive e a magnà a rate.

***

La tradizzione vole aricordallo

come ch’er protettore d’animali,

da ‘gni maiale a un cane, un gatto e un gallo.

***

Ché ancora oggi bestie e allevatori,

ner dì che in lui der Celo cià natali,

se fanno benedì anime e còri.

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

Parma – Roma C.I.

Parma – Roma: 0-2

***

Stavorta esurtamo e anche parecchio,

pe ‘sta vittoria a Parma in de ‘sta coppa,

e l’esurtanza qua nun è mai troppa,

si se guardamo fissi in de lo specchio.

***

Da troppi anni che sei uscita zoppa,

da ‘sta competizzione e sa de vecchio,

la vorta che nun è poi ita ar secchio,

come l’urtimi anni co ‘na toppa.

***

Invece qui ner gelo der Tardini,

ce sei riuscito a vince e ‘sto passaggio,

vor dì giocà poi co li juventini.

***

Ma intanto se godemo, dice er saggio,

‘sti du’ bei go’ der granne Pellegrini,

a tutt’er resto penzeremo adaggio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Gennaio 2020

Er pessimista cosmico

Er pessimista cosmico

***

De un pessimismo che nun cià confronto,

stai fisso ar due novembre e nun te smove

felicità, eppure ciài le prove,

‘gni giorno da che arbeggia ar tramonto.

***

Ché pure quann’è bello dici: “piove”,

co un’aria sconzolata ch’è ‘no smonto

de ‘gni soriso e ilarità co sconto

che ciò perzino la prova der nove.

***

Quanno te ‘ncontro, sempre rabbuiato,

te chiedo: “Come va?” – Me dichi: “Bene” –

“Si stavi male, t’eri già ammazzato?” –

***

E m’arisponni: “Si sto bene adesso,

me pò annà solo peggio” e a palle piene

penzo che più te incontro e più me stresso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***