Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Schegge di vita

13 settembre 2018

La vera scòla

La vera scòla

***

La vera scòla è quella che cià inizzio

o co l’asilo o in prima elementare,

ma co un aspetto suo particolare,

de avé un comincio, ma pe un granne sfizzio …

***

… nun mai ‘na fine, anche più der mare,

pe dilla mejo, anche ortre l’ospizzio,

fin quanno Sora Vita toje er vizzio

e lassa l’omo ch’era er suo compare.

***

Quello che cambia è solo er nome usato

da ‘gni scolaro, quanno ch’è un bimbetto,

a quanno cresce, inzino ar penzionato.

***

La vera scòla inizzia quann’è autunno,

ma dura sempre, cambia ossia de aspetto,

facenno OMO quer che prima è ALUNNO.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

12 settembre 2018

Amor Roma

amor roma

Amor Roma

***

‘Gni vorta che ce penzo lì m’appago,

ringrazzio Dio d’avemme dato tanto,

poté co st’occhi arimirà ‘st’incanto,

‘st’opera magna fatta da quer Mago.

***

De fronte a me c’è Roma, ch’è er mio vanto,

sbrillucica de luci come un lago

a fà da bussola ‘ndove c’è un ago

che segna er punto esatto de ‘sto canto.

***

Io così piccolo che avrò mai fatto

pe guadagnamme er titolo e l’onore

d’èsse romano e viveje a contatto?

***

Già solo ‘sto penziero m’apre er core

me fa felice ar punto che de un tratto,

scancella ‘gni tristezza e malumore.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 settembre 2018

11 settembre 2001: cos’è cambiato?

11 settembre 2001: cos’è cambiato?

***

Cos’è cambiato, dimme, da quer giorno?

S’è fatto quarche passo? No, nessuno.

Nun certo ne la testa de quarcuno

che cià la guera sempre pe contorno.

***

Ché ortre a quela conta de ciascuno,

che ‘gni undici settembre fa ritorno,

de li poracci morti e cari attorno,

nun se fa un mezzo passo, manco uno.

***

E si a parole se parla de pace,

de libbertà, de parità e giustizzia,

a strigne strigne è assai de più che piace …

***

… mettese belli in mostra e fà notizzia,

pe annà a commemorà un quarche “qui giace”,

  e poté dì così: “la guera inizzia”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 settembre 2018

Scolaro pe sempre

Scolaro pe sempre

***

‘Gni vorta che cominceno le scòle,

me pare de sentì la campanella,

la prima ora, er banco, la cartella,

su la lavagna schizzi de parole.

***

Lo so che ciò un’età attempatella,

ma er penziero va più ’ndove vole,

aripercore er tempo de le spole

tra casa e classe, che mai se scancella.

***

Vecchi compagni e vecchi professori

er preside e tante facce nòve,

li libbri da comprà, penne e colori.

***

La compagnuccia e le prime prove

de quanno che pe sempre te ‘nnamori,

ciò l’occhi e er viso lucidi, … ma piove?

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

***

Gesù, come fu ar mar de Galilea,

quanno se seppe de ch’era venuto,

quarcuno je portò un sordomuto,

tra tutta l’artra gente, bona o rea.

***

E Lui, lontano da la folla e er fiuto,

ché granne s’era fatta la nomea,

impose mano ar muto de contea,

disse “Effatà” così che in quer minuto …

***

… a quello je s’aperze er sordo orecchio,

la lingua je se sciorze e già parlava,

… Gesù je fece: “Nun dì gnente, vecchio”.

***

Ma intanto fra la gente che ce stava,

s’annava ariccontando, e assai parecchio,

de quer Gesù e de come che sanava.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani

8 settembre 2018

Mi’ padre me diceva – A. Fabrizi

Mi’ padre me diceva

***

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione

a chi chiacchiera troppo; a chi promette;

a chi, dop’èsse entrato, fa: “permette?”;

a chi aribbarta spesso l’oppignone.

***

E a quello co la testa da cojone,

che nu’ la cambia mai; a chi scommette;

a chi le mano nu’ le strigne strette;

a quello che pìa ar volo ‘gni occasione …

***

… pe dì de sì e offrisse come amico;

a chi te dice sempre: “so’ d’accordo”;

a chi s’atteggia com’er più ber fico.

***

A chi parla e se move sottotraccia;

ma soprattutto a quello, er più balordo,

che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

***

Aldo Fabrizi

__________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 settembre 2018

Furminato

Furminato

***

‘Na serie de rimbombi tipo guera

che mano a mano cresce e t’arintrona,

te sveja in piena notte e te sportrona

dar letto, mentre imbianca notte nera.

***

Li furmini e saette che lampiona

in successione senza pausa intera,

e trona a bomba e l’eco torna a schiera,

ché de dormì nun è la vorta bona.

***

‘No scroscio giù de pioggia a fà un quadretto

che manco Autunno riesce sì a pittallo,

e m’ariguardo triste e sfatto er letto.

***

Svejo da prima che se desti er gallo,

e co ‘na faccia stile gabbinetto,

ma er bello è che nun serve da spiegallo.

***

Stefano Agostino

___________________

***