Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Gennaio 2019

Ascortanno se ‘mpara

ascortando se 'mpara

Ascortanno se ‘mpara

***

Chi me conosce sa che parlo poco,

er fatto è che me piace più l’ascorto,

sapé er perché, er per chi, che je s’è sciorto,

a questo o quello, in tutto o pressappoco.

***

E nun lo faccio pe dà un quarche torto

o chissà mai pe quale strano gioco,

ma perché ‘gnuno dentro cià un suo foco

che pò scallà ‘gni artro se n’è accorto.

***

Quer che ciò da dì io lo metto in rima,

me viè più naturale e più diretto,

guasi che a fà così me sbrigo prima.

***

Che ascortanno un artro, nun è detto, 

che me convinco che sto a mette in cima, 

quer che va messo invece ar gabbinetto.

***

 Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2019

Er freddo a Roma

Er freddo a Roma

***

Er freddo a Roma è ummido e se sente,

fin dentro l’ossa pe scrocchialle ognuna,

e pe rabbrividille e le raduna,

in un concerto tremulo de gente.

***

Ché vive a Roma è sempre ‘na fortuna,

su questo nun ce piove veramente,

ma quann’è freddo qui gela pungente,

ner mentre artrove manco te ‘mportuna.

***

Quanno che a Roma la temperatura,

ner sueggiù se ferma intorno a zero,

tarmente c’è l’ummidità che attura …

***

… che pare de stà dentro a un frigo vero,

a congelà p’er tempo che perdura

tutt’er trimestre de l’inverno intero.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

6 Gennaio 2019

Lunedì 7 gennaio

Lunedì 7 gennaio

***

Er lunedì, se sa, nun lo sopporto,

l’ho detto e l’ho aridetto tante vorte,

tarmente s’è capita la sua sorte

che ormai a rimallo ancora c’esco storto.

***

Ma questo d’oggi è peggio, perché forte

de èsse lunedì, e già è contorto,

ma aumenta la tristezza e lo sconforto,

“tant’è amaro che poco più è morte”…

***

… direbbe certo si ce fusse Dante,

ché a suggellà er suo già grosso guaio

de èsse er giorno certo più distante …

***

… da un fine settimana e da ‘gni sdraio,

questo cià in più er fatto massacrante

de èsse lunedì 7 gennaio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Gennaio 2019

Epifania

Epifania

***

Epifania, ch’è manisfestazzione,

pe un Dio che assume la nostra natura,

inzieme a la divina, e che matura

man mano che je viè ‘sta percezzione …

***

… de èsse Cristo, Lui, e de com’è dura

ner mentre se fa Omo, la Missione

a cui Dio Padre, pe Sua Vocazzione,

l’ha arichiamato tra la gente impura.

***

Epifania, così, tra li pastori,

e tra li Maggi, ar chiaro de ‘na stella,

poi a tutto er monno, quann’è ito fòri.

***

Portà a chiunque la Bona Novella,

spèce si a pubbricani e peccatori,

pe la sarvezza e che tutti affratella.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

La Befana viè de notte

La Befana viè de notte

***

Se sa che la Befana viè de notte,

er sei gennaio e porta ar regazzino,

‘na carza che poi appenne sur camino,

volanno via su scopa, a cioce rotte.

***

E quello che ce mette in quer carzino,

nun viè da scerte impari o corotte:

lei dà er carbone a chi merita bòtte,

p’er bimbo bono, invece, cià er dorcino.

***

Usanza de noantri è la Befana,

che artrimenti è detta Epifania,

co quer cappello, giusto, a la romana.

***

Ma un fonnamento c’è ne la maggìa:

li tre Re Maggi sò vita cristiana,

Babbo Natale è tutta fantasia. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

4 Gennaio 2019

Amatriciana

Amatriciana

***

Nun vojo stà a parlà de la ricetta,

che pasta ciài da usà, pecora o grana,

quer che ce va in de un’amatriciana

si ar posto der guanciale, la pancetta.

***

La tradizzione certa, più romana,

sa già qual è l’unione più perfetta,

co quale sugo e come se ‘nforchetta,

‘sto primo de la storia più nostrana.

***

Quer che vojo rimà, co ‘sti du’ verzi,

è er nome propio de ‘sto granne piatto,

chiamato ne li modi più diverzi.

***

Sortanto uno è giusto, pe contratto,

è Amatriciana co la A, che scherzi?

Si è “matriciana”, la magnasse er ratto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Gennaio 2019

Er Santissimo Nome de Gesù

Er Santissimo Nome de Gesù

***

Er Nome de Gesù, sopr’a ‘gni nome,

ch’è “Dio che sarva”, Cristo Sarvatore,

è er Nome, è er Verbo, è er Fìo de Dio, Signore,

già spiega, quinni, e er perché e er percome.

***

Lui ch’ha sarvato er popolo pe Amore,

la sofferenza che subbì, eccome,

morenno in Croce, che patì siccome

venuto a cancellà ‘gni macchia e autore.

***

Un Re che se fa servo, er più obbediente,

pe donà ar monno la Parola Vera,

e riscattà ‘gni popolo e ‘gni gente.

***

E ar Nome de Gesù, matina e sera,

pieghi er ginocchio ‘gnuno, immantinente,

chi è in Cèlo, chi sta in Tera o sotto tera.

***

Stefano Agostino

__________________________

***