Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

21 Settembre 2021

Autunno

Autunno

***

È la staggione der ritorno a scòla,

der tempo che s’aggriggia e der majone,

de le giornate cor termosifone,

de quanno che accoperti le lenzola.

***

E li colori vanno dar marone,

tennente ar rosso mogano e nocciola,

le foje intappetate a fà da spola,

dar giallo paja a l’ocra più carbone.

***

Prima de la castagna e der novello,

ce sò li fichi scuri de Settembre,

ma quanno è Ottobre er sole cià er mantello.

***

Piagne li morti, er celo de Novembre,

la sciarpa è in cerca de guanti e cappello,

ch’è tempo de sgobbà, ecco Dicembre.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Settembre 2021

Santa Candida a Ventotene

Santa Candida a Ventotene

***

Pe Santa Candida la devozzione,

cià quarche cosa de particolare,

un misto de profumi e sa de mare,

e nun è solo pe la processione.

***

Tanti ricordi de perzone care,

la festa a Ventotene e l’emozzione

de quanno parte poi “uè uè, oh pallone”,

e tutta l’isola fra giochi e gare.

***

Er 20 de settembre è er dì de festa,

la banda che fanfara dar matino,

co fochi d’artificio su la testa.

***

Ché l’occhi accesi sempre a ‘gni bambino,

li manneno in memoria che je resta,

fin quanno l’aricconta ar nipotino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

19 Settembre 2021

Verona – Roma

Verona – Roma: 3-2

***

Semo tornati tutti su la tera,

la Roma ha perzo e male cor Verona,

peccato perché era ita bona

la prima parte, poi la rabbia vera.

***

L’inzidia de ‘na gara che bastona

cor cambio allenatore che j’azzera

er gran divario che da prima c’era,

ma che sur campo ha invertito zona.

***

Poco da fà tocca riarzà la testa

e fàllo presto senza fà rumore,

un passo farzo ce pò stà e assesta.

***

Guai invece a fà gran clamore,

pe ‘na sconfitta che oggi t’aresta,

ma che pò pure dà novo vigore.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje ‘gni bimbetto”

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje ‘gni bimbetto” 

***

Discepoli che staveno a discute,

su chi, tra tutti loro, era er più granne,

Gesù li prese e a quele domanne,

Lui je rispose sì da falle mute.

***

“Chi vole èsse er primo, su de spanne,

rispetto a l’artri e vò restà in salute,

sia l’urtimo fra tutti e vesta tute

da servo de ‘gni prossimo ch’è in panne”.

***

C’era un pupetto che je stava accanto,

lo mise in mezzo a loro e, abbraccicato,

je disse tra er soriso suo e l’incanto:

***

“Chi accoje ‘gni bimbetto da ch’è nato,

accoje Me. Chi accoje Me già è santo:

accoje quer Colui che M’ha mannato”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani

18 Settembre 2021

Aldo Fabrizi: Magnà e dormì

Aldo Fabrizi - Magnà e dormì

Magnà e dormì

***

Sò du’ vizzietti, me diceva nonno,

che mai nessuno te li pò levà,

perchè sò necessari pe campà,

sin dar momento che venimo ar monno.

***

Er primo vizzio provoca er seconno:

er sonno mette fame e fa magnà,

doppo magnato, t’aripija sonno,

poi t’arzi, magni e torni a riposà.

***

Insomma la magnata e la dormita,

massimamente in una certa età,

sò l’uniche du’ gioie de la vita.

***

La sola differenza è questa qui:

che pure si ciài sonno pòi magnà,

ma si ciài fame mica pòi dormì.

***

Aldo Fabrizi

____________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

16 Settembre 2021

Roma – CSKA Sofia Co.L.

Roma – CSKA Sofia: 5-1

***

La Roma vince co ‘sta gran cinquina,

la prima gara de ‘sta nova Coppa,

mettenno ben apposto quela toppa,

de prenne un go’ che puncicava a spina.

***

Ma poi la Roma che qui nun se stoppa,

ha reaggito co l’adrenalina,

in cinque go’ de serie sopraffina,

de classe e tigna che nun è mai troppa.

***

Er pari un super-go’ de Pellegrini,

er due a uno ancora er Faraone,

poi Pellegrini, e tre, quattro Mancini.

***

Poi Tammy Abraham a chiude l’azzione,

p’er quinto go’ e tutti li scarpini

se vanno a riposà da la tenzone.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 settembre 88

16 settembre 88

***

Er sedici settembre ottantotto,

me l’aricordo come fusse adesso,

nun se dimentica, io credo, spesso,

er primo giorno de lavoro e trotto.

***

Diciotto l’anni e quarche mese appresso,

un regazzino più che un giovinotto,

a guardà l’artri, granni e grossi, lotto

pe nun scappà, già solo che a l’ingresso.

***

Io che puzzavo ancora de liceo,

che ce facevo in mezzo a quer via-vai

de ommini co l’anni da museo?

***

Ma si quer giorno me n’annavo, sai

quanto me rimpiagnevo ’sto trofeo

d’avé un lavoro da decenni ormai.

***

Stefano Agostino

________________________

***