Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2020

Santa Rita

Santa Rita

***

Se aricconta che un Venerdì Santo,

co lei inginocchioni ar Crocifisso,

ner mentre Lo pregava a còre fisso,

avvenne er fatto tramandato in canto.

***

‘Na spina de quela Corona, abbisso

der Re che de la Croce porta er vanto,

se conficcò a la fronte sua ner pianto,

e lì arimase a daje un segno infisso.

***

La Santa ch’era nata co la scorta,

de api bianche dar color de sposa,

che l’hanno salutata, quann’è morta, …

***

… cambianno er manto in nero, e quela rosa,

ner pieno de un gennaio, a un tratto è sorta,

sboccianno ar punto esatto in cui ariposa.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Maggio 2020

Graminacee e parietarie

Graminacee e parietarie

***

Le graminacee co le parietarie

fiorischeno intorno a metà maggio,

ma in genere è solo che un assaggio

de quer che fanno a giugno: le più varie…

***

… spruzzate in aria a pollini da viaggio,

che pe narici allergiche contrarie,

come li dorci a denti fanno carie,

sò fonti de stranuti da ortraggio.

***

A maggio e giugno infatti nun a caso,

che m’aritrovo fisso er fazzoletto,

a mo’ de mascherina sopr’ar naso.

***

La notte m’accompagna spesso a letto,

così che dormo er tempo che l’evaso

cià pe fuggì, calannose dar tetto.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Maggio 2020

Che fine ha fatto er congiuntivo?

Che fine ha fatto er congiuntivo?

***

Vojo parlà de un modo trapassato,

remoto ner presente e indicativo,

passato già da qui: er congiuntivo.

Non è infinito e cià futuro ingrato.

***

Condizzionale a ‘gni artro sostantivo,

de un anteriore e participio stato,

ormai imperfetto, nun viè manco usato

pe fà un gerundio in tono imperativo.

***

Credevo fusse malatia de l’occhio,

come p’er naso esiste la rinite,

o de la lavannara e er suo ginocchio.

***

Invece de ‘na spece de borzite,

è pure peggio e viè un ber pastrocchio,

si er congiuntivo va in congiuntivite!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Maggio 2020

A le tre de … botte

A le tre de … botte

***

Ero accucciato e stavo a fà un ber sogno,

quann’ecco un botto … a le 3 de notte,

me svejo, un soprassarto me se inghiotte,

ma ch’è successo? M’arzo … Ciò bisogno …

***

… vojo capì ch’è stato, ma me fotte 

er sonno … giro casa e me sbologno

bagno e cucina … e dico … me vergogno,

famme vedé si fusse mai la botte?

***

Ché ciò ‘na botte a forma de cantina,

e vedo un tappo … a strabbuzzà le cija,

er vino tutto in tera … a schiena china

***

‘no straccio a pulì er bene de famija,

inzomma è notte, ma pe me è matina:

ché m’è schioppata la mejo bottija.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 Maggio 2020

18 maggio 2020

18 maggio 2020

***

Ce semo: è giunto ‘sto 18 maggio,

la fase tre, che poi è la ripartenza,

co carma, co attenzione, co prudenza,

ma anche co un po’ pure de coraggio.

***

Perché ce lo sta a dì tutta la scenza

che er rischio è arto ancora der contaggio,

che ‘gni apertura va qui fatta adaggio,

che nun se pò tornà … come se penza …

***

… a quela vita che ce stava prima,

e che pe arcuni … no deppiù … pe tanti

è già aricominciata, a fà ‘na stima …

***

… de quanti, senza mascherina e guanti

stanno a girà … e nun ce vò ‘na cima,

a dì che sò tutt’artro che distanti.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Maggio 2020

Dar Vangelo der giorno: “Osservate la Parola”

Dar Vangelo der giorno: “Osservate la Parola”

***

“Ché chi Me ama, osserva la Parola,

e a lui veremo er Padre Mio e Io”,

disse Gesù a l’Apostoli in avvio,

“chi nun l’osserva e nun ne fa mai scòla …

***

… è segno che nun ama invece Dio.

È er Padre che la invia e in Me se immola,

mannato come so’ da Lui, e è la sola

che va ascortata, eppoi er Padre Mio …

***

dopo ve invierà er Conzolatore,

lo Spirito che ve dirà ‘gni cosa,

perciò abbiate Fede e no timore.

***

Che torno ar Padre, quinni, nun ve lede,

perciò gioite e er còre s’ariposa,

si lo sa già, ancora più Me crede”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Maggio 2020

Ciao Ezio

Ciao Ezio

***

Se l’è aripreso, me lo sento certo,

l’ha arivoluto indietro: “Questo è Mio”,

l’avrà chiamato Lui … sicuro… Dio,

ché je sonasse er più mejo concerto.

***

Co l’angeli ner coro e er luccichio 

de tutto er Paradiso a Celo aperto,

pe un omo ch’ha portato in sè e sofferto,

tutt’er dolore … com’ha fatto er Fìo.

***

Ma com’er Fìo, lui ce l’ha inzegnato

che gnente mai pò spegne chi er soriso,

lo porta indentr’a l’anima stampato.

***

Pe questo Dio … co un soffio Suo divino,

l’ha fatto aritornà su in Paradiso,

pe un fiore così bello ar Suo Giardino.

***

Stefano Agostino

____________________________

***