Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Agosto 2022

Le partenze inteliggenti

Le partenze inteliggenti

***

Un anno de lavoro, comprimenti!

Le ferie nun te le toje nisuno,

e su suggerimento de quarcuno,

te dài a le partenze inteliggenti.

***

Solo che te credevi d’èsse uno,

co ’sta penzata pe viaggià contenti,

e invece sò mijoni ’sti fetenti,

partiti come te a celo bruno.

***

Così pe ’sta fantastica trovata,

in fila sotto ar sole, a coce arosto,

imbottijato, penzi a voce arzata …

***

“Partenza inteliggente?… E nun me sposto,

manco de un metro, fermo in careggiata?

Ma vattelappià tutta in quer posto!”

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Agosto 2022

Dar Vangelo der giorno: “er padrone de casa cor ladro”

Dar Vangelo der giorno:

“er padrone de casa cor ladro”

***

Gesù j’ariccontò der suo ritorno,

quanno verà ner giorno più propizzio,

p’annacce preparati da l’inizzio

e nun finì a coce indentro ar forno.

***

Quanno ritornerà, mica pe sfizzio,

c’è chi verà portato via de torno,

c’è chi verà lassato e là quer giorno,

se compirà poi er tempo der Giudizzio.

***

Je disse a li discepoli: “Vejate,

ché nun saprete er tempo der soqquadro,

quanno che tornerò e ve preparate …

***

… come potrebbe fà, pe favve un quadro,

chi cià ‘na casa e tiè l’armi puntate,

pe quanno, in piena notte, venghi er ladro”.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Agosto 2022

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor e tutto a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese a sprenne co abbiti e panni.

***

In quer momento, a quer punto esatto,

Mosè e Elia apparzero sì granni,

pe chiacchierà co Lui, seconni o anni,

’na nube l’investì e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce … era de Dio,

che disse: “In Lui, Io Me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché quest’è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparze eppoi, in quer minuto,

Gesù fece: “Finché ce sto qua Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

4 Agosto 2022

Er Presidente volante

Er Presidente volante

***

Insomma s’è capito qual è er piano:

si tocca prenne un quarche giocatore,

senza mai perde tempo e fà clamore,

abbasta accenne solo l’aeroplano.

***

Così senza fà chiacchiere e rumore,

er Presidente nostro americano,

sale sur mezzo, vola, attera e in mano,

riporta sempre er novo carciatore.

***

Così ha fatto prima co Dybala,

così ha fatto mó pe l’olandese,

je basta solo dà un córpo d’ala …

***

… parte e fa er pilota, cià er diproma,

andata co ritorno e fa sorprese

che torna cor campione pe la Roma.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Boni amichi

Boni amichi

***

Si c’è ’na frase che nun riesco a regge,

pe mette li puntini su le “i”,

che più de l’artre, sai, me fa stranì,

è una che me schifo pure a légge.

***

Quanno che intenno dì: “Nun pòi capì”

(nun sò pecore nere, è un ber gregge),

pe ariccontamme episodi o schegge,

che je sò capitati notte e dì.

***

Si “nun posso capì” come me dichi,

“che me lo dichi a fà?”, risponno io,

de che stamo a parlà? De pizza e fichi?

***

Sarò fissato, è più un probbrema mio,

ma si volemo èsse boni amichi,

nun me dì più così oppure addio!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Agosto 2022

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

tu damme retta, prova la scoperta,

de fàtte un giro in centro un dì d’agosto.

***

La strada o piazza che te sarai scerta,

te sembrerà de botto un’artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lasserà a bocca aperta.

***

Da sera a notte blu me ce attardo,

pe affacciamme ar Tevere giù in fonno

e me ce sperdo in tutto quelo sguardo.

***

Me riempio de un orgojo in un seconno,

mentre ringrazzio Dio der Suo riguardo,

d’avemme dato er mejo in tutto er monno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Agosto 2022

2 agosto: er perdono de Assisi

2 agosto: er perdono de Assisi

***

Così er Signore chiese a San Francesco:

“Te vojo fà un regalo, servo bono,

quer che me chiedi te lo faccio in dono”.

Francesco ce penzò … chissà si riesco …

***

… ma io ce provo … e disse: “Chino e prono,

io pe regalo vojo che ar Tuo desco,

quello ch’è pe li giusti, e no fiabbesco,

possa sedé chiunque cor perdono”.

***

Così er Signore pe ‘gni due d’agosto,

dispose un’indurgenza granne e piena,

a tutti e co le condizzioni apposto…

***

E a Francesco je scattò un soriso

e disse: “Anima mia, pòi stà serena,

ch’hai regalato a tutti er Paradiso!”.

***

Stefano Agostino

________________________

***