Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani

9 novembre 2018

Messaggi e messaggini

Messaggi e messaggini

***

Ciài fatto caso che quanno un messaggio

se manna scritto invece che parlato,

sò spesso assai le vorte ch’è traviato,

da l’interpretazzione e dar suo raggio?

***

Nun c’è confronto tra un testo inviato

e er fatto de parlà a l’occhi e er linguaggio

de tutto er corpo e quanno che c’è l’aggio

d’avé un contraddittorio ch’è immediato.

***

Er danno de le “chat” è spesso quello

che s’arimane tutti de l’idea

che già se aveva prima der fardello …

***

… ché un messaggio scritto impicci crea

in grado de stà a combinà un macello

che scambia cioccolata pe diarea.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

7 novembre 2018

CSKA – Roma C.L.

CSKA – Roma: 1-2

***

Quer che c’era da fà lo s’è ben fatto,

la Roma vince a Mosca e qui fa er pieno

de punti pe arisprenne de sereno,

che de ‘sti tempi pare nun sia er tratto.

***

E nun ce ne pò già fregà de meno

pe com’è ita, un due a uno matto,

ché s’è arischiato de sartà ‘sto piatto,

co un pari che tirava forte er freno.

***

L’ha aperta Manolas co un go’ in rapina,

poi er pari loro, ar tempo seconno,

fin’a quer uno a due da cartolina …

***

… de Pellegrini che qui me ce fionno

a dì ch’è er mejo vino de cantina,

da tené stretto qui, fin’a ch’è nonno.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Li rompicojoni

Li rompicojoni

***

Er loro DNA cià er cromosoma

che li rènne così: co quest’accento,

un ber fardello nasce co l’intento

de rompe li maroni in de ‘gni idioma.

***

Un dono naturale ch’è un portento

che s’acuisce e cresce e nun se doma,

più che s’arza l’età e se diproma

tra scasso de le palle e gran tormento.

***

Ma normarmente chi cià ‘sto suo vizzio

nun se ne rènne manco bene conto

de quanto le fracassa guasi a sfizzio.

***

Qui la finisco co le citazzioni,

ché io so’ er primo a nun temé confronto

ne la gara a chi è più rompicojoni.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 novembre 2018

A Roma nun te serve annà in palestra

 

A Roma nun te serve annà in palestra*

**

A Roma nun te serve annà in palestra:

le gambe te le fai si vai a piedi,

speranze de arivà ce n’hai e lo vedi

si aspetti er bus, è come stà in finestra.

***

L’addominali, basta che lo chiedi

a un inzegnante che te ce ammaestra,

li fai ‘gni vorta che te passa a destra

un motorino e a lo spavento cedi.

***

Le braccia, co ‘sta pioggia fitta fitta,

le fai co du’ bracciate a dorzo o a rana,

ma co la testa fòri pe stà dritta.

***

Ce mancheno li glutei in fila indiana?

Direi proprio de no: ched’è aria fritta,

er culo che fa la gente romana?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 novembre 2018

Che t’è successo?

Che t’è successo?

***

Ma che vor dì quer grugno triste e spento?

Che t’è successo? Nun sei più lo stesso,

da che ridevi sempre a ‘sto cipresso,

che nun me pari te, a guardatte attento.

***

Si nun vòi ariccontà in modo espresso,

che è che t’ha ammosciato in un momento,

armeno dimme si pe ‘sto tormento

ce sta rimedio, te lo cerco adesso.

***

Te guardo e t’ariguardo e resti zitto

pe quanto posso avvicinà l’orecchio,

nun fiati, muto de favella e scritto.

***

Rimango co ‘sto dubbio pe parecchio,

fin quanno l’occhio tuo me guarda dritto

indentr’ar mio ner fonno de ‘sto specchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

4 novembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “er comannamento più granne”

Dar Vangelo der giorno:

“er comannamento più granne”

***

Li farisei je chiesero un ber giorno:

“Qual è de Dio er più gran comannamento?”

“D’amallo”, j’arispose in un momento:

“co còre, mente e anima, lì intorno”.

***

E d’un amore vero, un sentimento,

che nun se dà p’avé un quarche ritorno,

de quer ch’abbrucia callo, come un forno,

e nun se spegne co un soffio de vento.

***

Gesù poi continuò: “Ce n’è un seconno

ch’è pari ar primo e che è un suo riflesso,

e vale pe ‘gni tizzio de ‘sto monno.

***

È quello d’amà er prossimo ch’è appresso

preciso, uguale, chiaro e a tutto tónno,

a come ‘gnuno ama er suo io stesso”.

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

3 novembre 2018

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 1-1

***

Stavorta tocca a noi pià un pareggio

dop’èsse stati guasi sempre sotto,

in un campaccio, da cui esci rotto

più spesso assai de quanno ce fai un freggio.

***

Un pari che dà un punto nun è motto

pe arivà lassù, ma dà un ber seggio,

ner senzo che poteva annà ben peggio,

e caro se pagava qui lo scotto.

***

La Roma se l’è tutto meritato,

e pe ‘na vorta, quanno che perdeva,

se l’è giocata e va conziderato.

***

‘Sta cosa infatti già nun succedeva

dar tempo circa, guasi, approssimato,

solo un po’ prima de Adamo e Eva.

***

Stefano Agostino

***