Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

La Roma in rima,Stagione 2020/21

22 Ottobre 2020

Young Boys – Roma E.L.

Young Boys – Roma: 1-2

***

Chi ben comincia … come dice er detto,

de certo pò valé pe ‘sto girone,

d’Europa League che apre la staggione,

la Roma vince … e questo è già perfetto.

***

Lo fa in rimonta, dopo quer magone

de un primo tempo e co un artro assetto,

via le seconne linee … e l’effetto

è stato mette dentro quer pallone.

***

De Bruno Peres er primo e er seconno

der sor Kumbulla gran ber carciatore,

che già se sa in quanti che lo vonno.

***

Tre punti de bottino e un sentore

che pòi puntà a spigne fino in fonno,

si giochi co la Roma più mijore.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Papa Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II

***

Nun me ne voja mai l’omo de chiesa,

si quanno penzo ar Papa de ’sto monno,

penzo a Giovanni Paolo Seconno,

perdoname Francesco, senza offesa.

 ***

Er fatto è che ’sta goccia giù giù in fonno,

a tocchi a tocchi, lentamente è scesa,

m’è entrata dentro, fin’ a famme presa,

sfiorannome ner centro der profonno.

 ***

E nun me scordo certo quer soriso,

tra acciacchi, guai, penzieri, danni e pene,

pe sempre acceso a illuminaje er viso.

 ***

Più de Natali e più d’Urtime Cene,

pe me ’na frase vale er Paradiso:

“SEMO ROMANI, VOLEMOSE BENE!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Ottobre 2020

Er buciardo

er buciardo 

Er buciardo

***

Ma che ce proverai a dì bucie?

Che bella professione e ber mestiere,

quello de chi vò incartà pe vere,

le più fandonie tra le fantasie.

***

Te puzza riccontà cose sincere,

senza artifici e spece de maggie,

pe trasformalle in millanterie

che manni in giro, pure cor coriere?

***

A vòrte dì ‘na balla è opportuno,

ma artra cosa è l’èsse un cantante,

buciardo pure ne l’uno più uno.

***

Ariva er giorno, che nun è distante,

che nun te crederà mai più nisuno,

pure ch’hai detto verità lampante.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Ottobre 2020

Er novo ordine mondiale

Er novo ordine mondiale

***

Nun ce sò solo li negazzionisti,

ce stanno quelli co minor fortuna,

che l’omo nun c’è ito su la Luna,

e ce sò sempre li terapiattisti.

***

Ma ora stanno a sorge a una a una

tante artre idiozzie da complottisti,

che dicheno ch’er monno è in mano a tristi

e strani perzonaggi che nisuna …

***

… potenza è lor più forte e più speciale,

che vonno commannà tutta la tera

pe un novo loro ordine globbale.

***

Che serva a compenzà ‘sta nova schiera

er loro ber disordine mentale,

che nun conosce fine, né bandiera ?!?

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

18 Ottobre 2020

Roma – Benevento

Roma – Benevento: 5-2

***

La Roma ne fa cinque ar Benevento,

ma nun è stata senza sofferenza,

sotto de un go’, poi pari e a intermittenza

vantaggio Roma e pari disattento.

***

Er tre a due che cambia la sentenza,

poi er quattro a levà ‘gni turbamento,

cor cinque go’ de tigna e de portento,

a chiude la partita più che intenza.

***

Er primo go è de Pedro a fà pareggio

er due è de Dzeko, go’ a l’angolino

er tre de Veretout a levà er peggio.

***

Er quattro è de Dzeko, ber bottino,

er cinque, ch’è er più bello a fà punteggio,

de Carles Perez, dar talento fino.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “a Cesare quer ch’è de Cesare

Dar Vangelo der giorno:

“a Cesare quer ch’è de Cesare”

***

Li farisei cercaveno un quar modo

pe fà cascà Gesù in de un tranello,

facennoje chi un quarche indovinello,

chi ‘na domanna pe mettelo ar chiodo.

***

Annorno sì da Lui e tra un questo e un quello,

parole pe ingrazziallo e allungà er brodo,

je chiesero: “Maestro, scioji er nodo,

è giusto pagà a Cesare er gabbello?

***

Gesù che l’ha sgamati in un seconno,

je disse: “Nun ce casco certo, Io,

co ‘sti giochetti strani fino in fonno.

***

‘Sto conio ch’è de Cesare e no er Mio,

rennetejelo a Cesare e a ‘sto monno,

date però a Dio, quer ch’è de Dio.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

17 Ottobre 2020

A Roma mia

A Roma mia

***

Adoro ’sta città de campanili,

de tetti, case, cupole e mattoni,

de strade strette, vicoli e portoni,

de monumenti, vie, piazze e cortili.

 ***

Adoro ’sta città de chiese e sòni,

negozzi enormi e fiere mercantili,

de ville, ponti, argini e pontili,

de trattorie, de sogni e de canzoni.

 ***

Adoro ’sta città, immenza, eterna,

centro der monno da li tempi antichi,

de vita sempre attiva, ’na cisterna.

 ***

Adoro ’sta città de tutti amichi,

de gente alegra, pure che je ’nverna:

“noi semo noi, ahó, no pizza e fichi”.

***

Stefano Agostino

______________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: A Roma mia

***

******