Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Agosto 2019

Assunta

Assunta

***

De certo Lei, Perfetta e Immacolata,

senza peccato, manco origginale,

senza sospetti dar regno der male,

senza ‘na macchia che l’ha mai toccata …

***

… quanno ch’ha chiuso l’occhi ner finale,

de ‘sta vita terena ormai lassata,

da l’Angeli è stata sì elevata,

fin’a portalla ar Monno Celestiale.

***

E da quer giorno nun smette un momento

d’arigalacce Grazzie co l’Aiuto

de Chi a la Trinità è collegamento.

***

Assunta cor Suo Còre ch’è ‘na fiamma,

a cui ricore sempre ‘gni minuto,

co l’occhi che cià un fiò pe la sua Mamma.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Agosto 2019

Ciao Nadia

Ciao Nadia

***

Te ne sei ita senza fà rumore,

sparenno come un lampo a l’improviso,

pe eredità ce lassi er tuo soriso,

a fà da specchio a l’anima e ar còre.

***

Manco un saluto dato e hai reciso

quer gran cordone co ‘gni spettatore,

che hai saputo strigne cor calore,

de quer tuo sguardo già da Paradiso.

***

Così che ciarimane pe saluto,

de scrivete ‘na rima o fà un penziero,

pe trattenette ancora pe un minuto.

***

Ner mentre c’è ‘na Luce che te irradia,

pe fà brillà ‘gni punto, anch’er più nero,

bon viaggo a te fin’a Lassù … ciao Nadia.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Come stai?

Come stai?

***

Me chiedo e m’arisponno guasi apposta,

(nun so si pure a te capita mai)

quanno quarcuno chiede: “Come stai?”,

si poi je frega tanto la risposta.

***

Ce stanno quelli, e penzo ce lo sai,

che a chiedelo lo fanno pe proposta,

pe fasse poi arisponne: “E tu?” e te costa

de stà a sentì li loro impicci e guai.

***

C’è chi lo chiede solo pe pro-forma,

ma sta a penzà che cià le palle piene,

de te e de tutto quer che te conforma.

***

Quarcuno, da magnacce pranzi e cene,

lo chiede veramente e si se ‘nforma,

lo vò sapé perché te vole bene.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Agosto 2019

Er teatro de la vita

Er teatro de la vita

***

Nun ciài da èsse solo che un attore,

pe aspettà che s’apra quer sipario

e mette in scena er ruolo tuo primario:

te stesso, ar centro, sott’ar projettore.

***

Cambianno pàrco, pubbrico e scenario,

teatro, quinte, sfonno e rifrettore,

continui a recità, ventiquattr’ore,

la parte de te stesso, volontario.

***

De fronte a te c’è un pubbrico reale,

ma fà er pienone o un’affruenza scarza,

dipenne dar soggetto teatrale.

***

Sta a te de vive solo da comparza

o da protagonista principale

e fà ‘na vita vera e no ‘na farza.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: “li servi ar ritorno der padrone”

Dar Vangelo der giorno:

“li servi ar ritorno der padrone”

***

Gesù così je disse: “State accorti,

ché nun se pò sapé qual è quer giorno,

quanno che sarà er tempo der ritorno,

fateve trovà dritti, anziché storti.

***

Si nun volete coce indentr’ar forno,

appena dar seconno dopo morti,

nun fateve beccà libberi e sciorti,

come li servi, senza er capo attorno.

***

Ché si er padrone torna a l’infedeli

de certo nun je la fa passà liscia,

come farà quer dì er Re de li Cèli.

***

Così che p’evità er “verme” che striscia,

vedete d’applicalli ‘sti Vangeli,

pe nun finì a casa de la “biscia”.

***

Stefano Agostino

___________________________

I sonetti romani,Romanamente

10 Agosto 2019

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

È er dieci agosto, er dì de San Lorenzo,

quanno che annotta e er cèlo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto, nero notte, intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià er sangue a tutti a gocce, a gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Agosto 2019

La crisi der Governo gialloverde

La crisi der Governo gialloverde

***

Che scricchiolava, e pure de parecchio,

e no da mó, ma da svariati mesi,

co liti, battibbecchi e malintesi,

fra l’uno e l’artro a guardasse a specchio …

***

… è cosa nota che nun cià sorpresi,

ma che finisse oggi indentr’ar secchio,

armeno questo pare a prestà orecchio,

ce lassa tutti quanti ar centro appesi.

***

Sarvini, da ministro de l’interno,

ce dice che ce vonno l’elezzioni,

aprenno qua la crisi de governo …

***

… der cambiamento … armeno a intenzioni,

che cambia appunto già dar novo inverno,

ner mentre c’è er Paese in ginocchioni.

***

Stefano Agostino

__________________

***