Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

Frammenti di Roma,I sonetti romani

11 agosto 2018

Er milite ignoto

milite ignoto

Er milite ignoto

***

Lo so che stai a penzà tu da là dentro,

de tutto quer via-vai che ciài de sotto,

da che se va in costume ar cappotto,

è sempre ‘na fiumana in pieno centro.

***

Te ‘mmaggino a parlà cor polizziotto,

da quell’artare a dije: “E io che c’entro?

Sò decisioni vostre, nun m’addentro,

ma cacchio ho fatto, pe pagà ‘sto scotto?

***

Pure mazziato, ortre che cornuto,

m’hanno chiamato, e già, er milite ignoto,

so’ morto e mai più fui riconosciuto.

***

E tutto er giorno tra machine e moto,

e ‘sta Piazza Venezzia ch’è un imbuto,

riposo in pace solo ne le foto”.

*

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 agosto 2018

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

È er dieci agosto, er dì de San Lorenzo,

quanno che annotta e er cèlo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto, nero notte, intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià er sangue a tutti a gocce, a gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

9 agosto 2018

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

si me dài retta, prova la scoperta,

de fatte un giro in centro in pieno agosto.

 ***

’Gni strada, piazza o via da te prescerta,

a l’occhi tua te pare un artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lassa fisso a bocca aperta.

 ***

Io, spèce quann’è sera, me ce attardo,

pe riaffacciamme ar Tevere là in fonno

e me ce sperdo fisso in quelo sguardo.

 ***

M’ariempio de un orgojo in quer seconno,

mentre aringrazzio Dio der Suo riguardo,

p’avemme dato er mejo che c’è ar monno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 agosto 2018

Attori e attrici de Roma

attori e artisti de roma

Attori e attrici de Roma

***

Quanti l’attori e attrici de ‘sta Roma:

Vittorio Gassman co Arberto Sordi,

quanti li firm e quanti li ricordi

tra Ardo Fabbrizzi e ancora Mammaroma.

***

Pellicole che certo nun te scordi:

Paolo Panelli e er fìo che pìa er diploma,

Nino Manfredi, cor suo cromosoma,

der tanto pe cantà, pe fà du’ accordi.

***

Gigi Projetti, Enrico Montesano,

li perzonaggi de Carlo Verdone,

der comico Giuliani o de Brignano.

***

Gente che onora e lustra ‘sta nazzione,

inorgojisce er popolo romano

e che er monno ce invidia e co raggione.

******

Stefano Agostino

_____________________ 

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 agosto 2018

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

4 agosto 2018

Ciài da tené a l’amichi

 Ciài da tené a l’amichi

***

Ciài da tené a l’amichi, amico caro,

perché potresti aritrovatte solo,

‘sta vita mica sempre segue er volo

ch’hai scerto tu, pe mettete ar riparo.

***

L’amico vero, no uno preso a nolo,

che sappia quanno ride o èsse amaro,

che te comprenna e che nun faccia er baro,

puranche quann’è er tempo der conzolo.

***

Lo so ch’è tosta aritrovà un amico,

ma si ne scovi uno tiello stretto,

nun te lo fa scappà, te l’aridico …

***

… Ché a perde un’amicizzia cià un effetto

de fasse male che nessun nemico

ce riesce uguale manco co un proggetto.

***

Stefano Agostino

____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

3 agosto 2018

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

***

È granne guasi quanto er Colosseo,

ma a Roma nun c’è un artro monumento,

che ha cambiato faccia a gradimento,

finenno come adesso a fà er museo.

 ***

Cosi che quanno ch’è girato er vento,

da ch’era inizziarmente un mausoleo,

fu carcere, poi loco mediceo,

reggia papale in der Rinascimento.

 ***

Ha preso er nome propio der Castello,

pe l’Angelo che osò sguainà la spada,

sarvanno Roma da un triste flaggello.

 ***

Si sali in cima, casomai t’aggrada,

fa’ in modo de aringrazziallo a quello,

prima de scenne e aritornà pe strada.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***