Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Marzo 2019

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

16 Marzo 2019

Spal – Roma

Spal – Roma: 2-1

***

Se perde co la Spal pure ar ritorno,

partita senza un briciolo de còre,

decisa pe un ber carcio de rigore,

che nun ce stava mai … rigore un corno.

***

Ma nun ce sta da piagne pe l’erore,

ché tanto er VAR pe noi vale pe storno,

ma più perché nun te se fa mai giorno

in ‘sta staggione senza mai un clamore.

***

Così che ce se magna l’occasione,

pe prenne punti e pe un quarto posto,

che pare più lontano de Plutone.

***

C’è da inzeguillo a qualunque costo,

ma si te fanno go’, basta un’azzione,

artro che Champions, tutto se fa tosto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Trilussa – Er marito filosofo

Er marito filosofo

***

Se pò sapé che diavolo j’ho fatto?

Fra mi’ moje, mi’ socera e mi’ fija,

ciò contro tutta quanta la famija,

fórze ce l’ha co me perfino er gatto.

***

Si a cena, Dio ne guardi, faccio l’atto

de protestà, succede un parapija,

come me movo, vola ‘na bottija,

appena ch’apro bocca, vola un piatto.

***

Poi, tutt’e tre d’accordo vanno via,

allora resto solo e piano piano,

scópo li cocci e faccio pulizzia.

***

Finché arivato a l’urtimo pezzetto,

m’accènno mezzo sigaro toscano,

strillo: Viva l’Italia … e vado a letto.

***

Trilussa

__________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

15 Marzo 2019

Idi de Marzo

Idi de Marzo

***

Er quinnici de marzo è stato er giorno,

quanno che Giulio Cesare ar Senato,

ventitré vorte venne accortellato,

da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno.

 ***

E lui che a Bruto l’aveva adottato,

nun s’aspettava certo quer ritorno,

je disse: “Pure tu, der mio dintorno,

me vieni a pugnalà, co ’st’attentato?”

 ***

“TU QUOQUE, BRUTE, FILI MI…” in latino

quanno che je s’è fatta a un tratto notte,

Bruto cor cortellaccio d’aguzzino.

 ***

Ma le parole sue se sò interotte,

e Cesare morì, ma a l’assassino

je stava a dì: BRUTE, FILI MI…GNOTTÆ !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Marzo 2019

Er gaggio

er gaggio

Er gaggio

 *********

‘Gni giorno indossa un abbito diverzo,

sempre preciso, in tiro e sta acchittato,

giacca, cravatta e bavero riarzato,

nun cià un capello che va pe traverzo.

***

 Ar pantalone l’orlo arisvortato

 e l’orologgio sopra ar porzo inverzo,

er pedalino in tinta, addentro perzo,

a scarpe de un perfetto lucidato.

***

Er dopobarba pe lassà la scia,

misto ar profumo de un campo de maggio,

che pare uscito da ‘na tintoria.

***

“Si nun m’acchitto” – dice – “sto a disaggio”

ma è ‘na scusa, pe nun dì bucia,

ché ce lo sanno tutti quant’è gaggio.

******

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Marzo 2019

13 marzo: daje Papa Francesco

13 marzo: daje Papa Francesco

***

Tredici marzo, ancora m’aricordo,

l’attesa, er fumo bianco e le campane:

“Ciavemo er Papa novo” … e ‘ndó arimane?

“Lui viè da l’Argentina … er monno è un bordo.

***

Poi dar Loggione a le genti romane

e a tutti l’artri ommini, nun scordo,

je disse “Bonasera”, già un’accordo

der Suo Pontificato pane ar pane.

***

Quanti li giorni e quante catechesi,

da quer momento e granni inzegnamenti,

co l’occhi e còre a poveri e indifesi.

***

Pe la Parola che se fa rinfresco,

in quer Banchetto ch’apre li battenti:

Dio benedica Te, Papa Francesco.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

11 Marzo 2019

Roma – Empoli

Roma – Empoli: 2-1

***

Pe come s’è affrontata ‘sta partita,

tra li squalificati e l’acciaccati,

portà a casa ‘sti punti arimediati,

è cosa bona e quanto mai gradita.

***

De certo l’avverzario cià aiutati,

ma nun è stato mica a fà ‘na gita,

se l’è giocata e, quanno ch’è finita,

sò in tanti a sollevà sospiri e fiati.

***

Er primo è de El Shaarawy cannoniere,

poi er pari su autogol, dopo assai poco,

prima der go’ de Schick ch’è de mestiere.

***

Poi su la fine er VAR che ferma er gioco

annulla er go’ a loro … e fa er dovere

nessun regalo … manco pressappoco.

***

Stefano Agostino

***