Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Romanamente

9 Ottobre 2019

L’inizziale der sonetto

Sonetto comincia con la S

L’inizziale der sonetto

***

Sonetto senza “stop”, simmai se stesse

scrivenno su ‘sta scia, stesso sistema,

stessa sonorità, simbolo, schema,

seguenno strade scomode, sconnesse.

***

Si sarà stata saggia, storta, scema,

sta serie sibbilante su ste “S”,

saprà solo, se stileno scommesse,

Santissima Sua Signoria Suprema.

***

Se scherza, se sorfeggia, se scanzona,

se scrive seriamente, se stornella,

se sbaja, se spalleggia, se sanziona.

***

Se sogna sempre sveji,  se spennella,

se scanza senza “se” sveja si sona,

stanno sdrajati stesi su ‘sta stella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima

8 Ottobre 2019

Stavorta nun me passa

Stavorta nun me passa

***

Stavorta nun me passa, me dispiace,

‘sto senzo de disgusto che ciò addosso,

e me scurisce er còre giallorosso,

che nun ce riesce mica a dasse pace.

***

Succede da ‘na vita e a più nun posso,

mica me svejo adesso, chi lo tace,

ma er fatto de domenica un “qui giace”,

l’ha messo, senza manco scavà er fosso.

***

So’ stufo d’annà appresso a ‘sta menzogna,

de un carcio che, pe come ch’è aridotto,

cià solo connotati de vergogna.

***

Contro un marciume de chi cià corotto,

perzino anche er più fanciullesco sogno,

da oggi chiudo er conto e me ne fotto.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

6 Ottobre 2019

Roma – Cagliari

Roma – Cagliari: 1-1

***

Nun c’è da dì gnent’artro che “monnezza”,

pe ‘st’arbitraggi ciò solo ribbrezzo,

so’ stufo de ‘sto schifo co un olezzo,

che nun cià paragoni pe schifezza. 

***

Co decisioni de cui paghi er prezzo

e giudici che sò sempre a l’artezza,

de cambià tutto e mettece ‘na pezza,

quanno ch’er risurtato è mezzo mezzo.

***

Perciò nun la commento ‘sta partita,

che nun c’è stata mai, ma conta poco,

come la rabbia da smartì, infinita.

***

Che continuamo a fà a seguì ‘sto gioco,

più finto de ‘na farza mar riusciuta,

e manco chiudo er verzo … pressappoco.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: li servi inutili

Dar Vangelo der giorno: “li servi inutili”

***

L’Apostoli je chiesero: “Signore,

aumenta in noi la fede”, j’arispose:

“Co un po’ de Fede, a voi, tutte le cose,

ve obbedirebbero co gran fervore.

***

Potreste dì a ‘sto gelso:  – Tu e ‘ste rose,

vatte a piantà ner mare, fa’ er favore – 

lui lo farebbe senza fà rumore,

e co anticchie de Fede in quanto a dose.

***

Dovete èsse servi che er padrone

sa che pò commannà e che loro fanno,

senza pretenne grazzie ne l’azzione.

***

Anzi simmai voi dite de rimanno:

noi semo servi inutili … e a raggione,

ché aggischeno sortanto pe commanno”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani

5 Ottobre 2019

Er penziero – Trilussa

Er penziero

***

Qualunque sia penziero me viè in mente,

prima de dillo aspetto e grazzi’a Dio,

finché arimane ner cervello mio,

nun c’è nissuno che me pò dì gnente.

***

Ma s’opro bocca e je do fiato, addio.

L’idea nun se confinfera a la gente,

me pò fà nasce quarche inconvegnente,

e allora er responsabbile so’ io.

***

Pe questo, ner risponne a quarche amico,

che vorebbe sapé come la penzo,

peso e misuro tutto quer che dico.

***

E metto tra er penziero e la parola,

la guardia doganale der bon senzo,

che me sequestra er contrabbanno in gola.

***

Trilussa

________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Ottobre 2019

90 anni: bon compreanno Osvardo

90 anni: bon compreanno Osvardo

***

Quest’è pe te, er nostro caro Osvardo,

ner giorno esatto der tuo compreanno,

sippur co quarche acciacco e quarche affanno,

de certo der bigonzo er più gajardo.

***

Auguri che te famo de rimanno,

pe 90 anni oggi, ber traguardo,

ner còre un vessillo e ‘no stendardo,

cor simbolo de Roma e er suo commanno.

***

Er detto “la paura fa novanta”,

pe te nun vale mica e pò stà fresco,

chi cià da dì er contrario e nun ce ‘ncanta.

***

Ner giorno giusto ch’è de San Francesco,

noi candidamo, co ‘sta mano santa,

Osvardo patrimonio de l’Unesco.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

3 Ottobre 2019

Wolfsberger – Roma E.L.

Wolfsberger – Roma: 1-1

***

Se torna a casa co bottino un punto,

peccato perché s’era iti avanti,

‘na Roma da l’assenze assai pesanti,

che va in vantaggio eppoi ch’hanno raggiunto.

***

Ma si nun fai li passi più importanti,

vincenno co tre punti pe riassunto,

armeno tieni testa e sei congiunto,

er primo posto ner girone vanti.

***

Era comunque sempre ‘na trasferta,

e questi nun sò l’urtimi pe gioco,

tant’è che poi la sfida è stata aperta.

***

C’è da lottà e ancora manco poco,

pe passà er turno e ‘gni gara è sofferta,

ciài da affrontalla co legna p’er foco.

***

Stefano Agostino

***