Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

4 Aprile 2021

Dar Vangelo der giorno: “Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

Dar Vangelo der giorno:

“Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

***

Maria de Magdala, de bon mattino,

ita ar Seporcro, se diede l’aresto,

quanno vide la pietra, ar bujo pesto,

ch’era de lato, ar tumulo, vicino. 

***

Corze da Pietro e da Giovanni: “Presto,

venite ch’han portato via er Divino”,

Giovanni più de fretta, giunze fino

a l’uscio de la tomba, ancora mesto.

***

E Pietro ch’arivò, ma poco dopo,

pe primo ner Seporcro vide er Telo,

che era ripiegato, nun a l’uopo.

***

Giovanni entrò e ebbe la misura,

de fronte a quela scena e ar gran Velo,

d’avé compreso, allora, la Scrittura.

  ***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

3 Aprile 2021

Sassuolo – Roma

Sassuolo – Roma: 2-2

***

Un pari che nun serve guasi a gnente,

nun certo più ormai p’er quarto posto,

c’era da vince qua, semmai piuttosto,

pe conzervà speranza ch’ar presente …

***

… praticamente è nulla, qui è tosto,

anche un piazzamento ben decente,

pe un posto in Europa uguarmente,

dal lato ch’è minore e più nascosto.

***

C’è ancora modo, e manco da poco,

pe tené in piedi arta l’attenzione

e nun mollà de certo adesso er gioco.

***

C’è er quarto de finale, l’occasione,

pe mette dentro tuto e accenne er foco,

vietata ‘gni artra mezza distrazzione.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Sabbato Santo

Sabbato Santo

***

È un giorno de silenzio e de preghiera

e in generale de raccojimento,

pe fà rifrette, pe quarche momento,

su ch’è successo fin’a ieri sera.

 ***

Pure ’gni campanile resta spento,

in segno de rispetto e de sincera

voja de pace, dorce e più leggera,

e stà tutti in attesa de l’evento.

 ***

È er giorno, credo l’unico sortanto,

ch’è come profumato de l’aroma,

che nun se pò spiegà, ma lo fa Santo.

***

Se chiude co la Veja che prodroma,

a la gran Festa dar più mejo canto:

er coro de campane in tutta Roma.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

2 Aprile 2021

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

***

“Perdonali, nun sanno quer che fanno”,

Gesù rivorze ar Padre ’sta preghiera,

Lui crocifisso, pe sarvà l’intera

umanità cecata da l’inganno.

***

“Giovanni”, disse a immortalà la schiera

de l’ommini der monno de rimanno,

“Ecco tu’ Madre”, a tutti rigalanno

Maria, ch’è Madre de tutta la Tera.

***

“Dio Mio, Dio Mio perché M’hai abbandonato?”,

ner mentre che vedeva ormai la morte,

poche parole, un sarmo, ha pronunciato.

***

Tra Celo buio e Tera che tremò,

“Tutto è compiuto”, poi quer grido forte,

ché l’eco ariva ancora, Lui spirò.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

1 Aprile 2021

Passione de Gesù Cristo: “er Carvario”

Passione de Gesù Cristo: “er Carvario”

***

Così che dopo avello fraggellato,

in testa ’na corona a tutte spine,

l’hanno portato ar Gòrgota, quer crine,

’ndove poi l’avrebbero ’nchiodato.

***

P’er peso de la croce l’aguzzine

guardie romane hanno poi obbrigato,

Simone de Cirene a daje fiato,

pe nun anticipaje lì la fine.

***

Gesù cascò tre vorte e in sofferenza,

tre vorte s’è riarzato fino a quanno,

nun è arivato in cima a la pennenza.

***

Lì, co ’na targa su cui c’era affisso

l’acronimo più giusto pe rimanno,

spojatolo poi l’hanno crocifisso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

31 Marzo 2021

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

***

I

Gesù fu conzegnato a Pilato.

che lo interogò: “Ma Tu chi sei?”

“È vero che sei Re de li Giudei?”,

– “So’ io, sì” – Gesù j’ha repricato.

***

“Da quale Regno venghi, quali dèi?”,

Pilato domannò preoccupato,

ma Lui nun j’arispose più un fiato,

pur accusato più de cento rei.

***

Pilato lo incarzava, ma Lui gnente

restava zitto mentre, piano piano,

c’era er palazzo già pieno de gente …

***

… pe chiede a Pilato, er pretoriano,

de crocifigge quer sangue innocente,

ché lo poteva fà solo un romano.

***

II

Pilato nun sapeva che decide,

in Lui nun ce trovava ‘na condanna:

… perché ammazzallo? … eppoi perché s’addanna

‘sta folla intera che lo vò uccide?

***

E si la mente ancora nun me ‘nganna,

(così penzò ner mentre che lo vide),

è regola de libberà, e nun stride,

un condannato a Pasqua, come manna.

**

Così rimise ar popolo la scerta,

tra chi fà vive e condannà n croce,

“Gesù … Barabba?  Dite a la sverta!”

***

La folla sobbillata, a gran voce:

“Sarva Barabba e fa’ sia cosa certa,

morì Gesù, ner modo più atroce”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

30 Marzo 2021

Passione de Gesù Cristo: “Pietro”

Passione de Gesù Cristo: “Pietro”

***

Appena che Gesù venne arestato,

de fòra dar Sinedrio der processo,

Pietro, lui, zitto zitto s’era messo,

inzieme co li servi in mezz’a un prato.

***

Quanno ‘na donna: “Io t’ho visto spesso” –

je disse – “eri co Lui e t’ho tanato”,

Pietro rispose: “No” … uno de lato:

“Sì, cià raggione lei, penzo lo stesso”.

***

E Pietro: “No” … un gallo s’arintese,

quanno che intanto c’era l’artra gente

a dije: “Sì, tu sei der Suo paese”.

***

Ar terzo “No” er gallo, immantinente,

cantò de novo e Pietro lì comprese

Chi rinnegò … e pianze amaramente.

***

Stefano Agostino

______________________________

***