Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Marzo 2018

T

T

***

T’hanno inchiodato sopra a quela Croce,

sospeso lì a metà, tra tera e Cèlo,

nun j’è sfiorato manco pelo pelo,

de tojete un supplizzio così atroce.

 ***

S’è fatto bujo notte e poi quer velo

der Tempio s’è squarciato e er monno a coce,

“Tutto è compiuto”, a chiude la Tua voce,

ma no l’urtima riga der Vangelo.

 ***

“Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”

L’ennecasillabbo che più sconvorge,

pe fatte omo più de ’gni artro stato.

 ***

Appeso a quela Croce a capovorge

’gni umana concezzione der Creato,

tre giorni soli, prima de risorge.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. T’hanno inchiodato sopra a quela Croce,
    sospeso lì a metà, tra tera e Cèlo,
    nun j’è sfiorato manco pelo pelo,
    de tojete un supplizzio così atroce. … (continua)

    Comment di Stefano — 18 Aprile 2014 @ 06:58
  2. Il mistero della Croce. Mi chiedo continuamente se l’umanità si è meritata questo sacrificio… Oggi venerdì Santo è l’unico giorno dell’anno nel quale non si celebrano messe in nessuna chiesa del mondo.

    Comment di Silvio — 30 Marzo 2018 @ 09:04
  3. Oggi è una giornata dedicata al silenzio, alla preghiera e alla meditazione.
    Buon Venerdì Santo.

    Comment di maria letizia — 30 Marzo 2018 @ 11:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>