Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Gennaio 2021

Er vento

Er vento

***

Pò èsse un soffio o più un tinticarello,

o raffica de tramontana, “gianna”,

pò accarezzatte er viso co ’na spanna,

fàtte volà, inzieme, tu e l’ombrello.

***

D’estate, quanno sbuffa, è più ’na manna,

si l’afa attufa peggio ch’ar Burello,

ma quann’è inverno gira cor cortello,

sega la faccia e l’ossa te l’azzanna.

***

Che sia libbeccio, greco o ponentino,

scirocco càllo o freddo maestrale,

ner vento c’è un quarcosa de divino.

***

È Dio che scegne giù in mezz’ar mortale,

pe dije ancora che je sta vicino,

sia cor sereno che cor temporale.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Pò èsse un soffio o più un tinticarello,
    o raffica de tramontana, “gianna”,
    pò accarezzatte er viso co ’na spanna,
    fàtte volà, inzieme, tu e l’ombrello.

    Comment by Stefano — 28 Gennaio 2021 @ 04:56
  2. “…ma quann’è inverno gira cor cortello,
    sega la faccia e l’ossa te l’azzanna”
    Suggestiva l’immagine della tramontana invernale che taglia la faccia come una lama fredda. Naturalmente io preferisco il ponentino che si alza il primo pomeriggio sulla spiaggia, una carezza dolce a mitigare la calura estiva.

    Comment by Silvio — 28 Gennaio 2021 @ 10:23
  3. Da piccina quando fischiava la tramontana di notte non potevo dormire, perchè mi impauriva e questa paura neppure oggi, che sono passati tanti anni, mi è passata! Che strano, eppure non sono una fifona!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 28 Gennaio 2021 @ 11:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>