Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Novembre 2017

Sognavo de sognà

Sognavo de sognà

***

Ho fatto un sogno ch’era sì profonno

che me sognavo de dormì ner sogno,

nun so spiegamme mejo e me vergogno,

se vede che ciavevo propio sonno.

***

Ner sogno, pe evità che qui me infogno,

sapevo de sognà er sogno seconno,

ma ero convinto de destamme ar monno,

svejannome ner primo pe bisogno.

***

Ma nun riuscivo mica a tornà desto,

ché poi voleva dì, fà un ber risvejo,

tornanno ar primo sogno manifesto.

***

La sveja poi è sonata e lì me svejo

me viè un penziero: si er reale è questo,

… me rimetto a dormì, me sa ch’è mejo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Ho fatto un sogno ch’era sì profonno
    che stavo a sognà de dormì ner sogno,
    nun so spiegamme mejo e me vergogno,
    se vede che ciavevo propio sonno. … (continua)

    Comment by Stefano — 24 Novembre 2017 @ 05:04
  2. Dormire è uno dei migliori piaceri della vita. E la sveglia è una vera crudeltà…

    Comment by Silvio — 24 Novembre 2017 @ 10:30
  3. Si ner sonno te ‘nsogni de sta dentro ‘n’artro sogno, vòrdi’che stai a dormi’ a la grande. Si, te scoccerà pure’a sveja, ma quanno t’arzerai, tre sentirai ben riposato.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 24 Novembre 2017 @ 11:01
  4. Ultimamente non sogno mai o forse non mi ricordo di sognare! Buon Pomeriggio!

    Comment by letizia — 24 Novembre 2017 @ 16:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>