Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Poesie romanesche

18 Maggio 2019

Trilussa – Doppo l’elezzioni

Doppo l’elezzioni

***

Nun c’era un muro senza un manifesto,

Roma s’era vestita d’Arlecchino,

a ‘gni passo trovavi un attacchino,

ch’appiccicava un candidato onesto,

cor programma politico a colori,

pe sbarbajà la vista a l’elettori.

***

Promesse in verde, affermazzioni in rosso,

convincimenti in giallo e in de ‘gni idea,

ce se vedeva un pezzo de livrea,

ch’er candidato s’era messa addosso,

co la speranza de servì er Paese …

(Viaggi pagati e mille lire ar mese).

***

Ma ringrazziamo Iddio! ‘Sta vorta puro

la commedia è finita e in settimana

farà giustizzia la Nettezza Urbana,

che lesto e presto raschierà dar muro

l’ideali attaccati co la colla,

che sò serviti a ingarbujà la folla.

***

De tanta carta resterà, se mai,

schiaffato su per aria, Dio sa come,

quarche avviso sbiadito co un nome,

de un candidato che cià speso assai …

Ma eletto o no, finché l’avviso dura,

sarà er ricordo d’una fregatura.

***

Trilussa

________________

***

  1. Nun c’era un muro senza un manifesto,
    Roma s’era vestita d’Arlecchino,
    a ‘gni passo trovavi un attacchino,
    ch’appiccicava un candidato onesto,
    cor programma politico a colori,
    pe sbarbajà la vista a l’elettori. …

    Comment di Stefano — 18 Maggio 2019 @ 07:53
  2. Questo sonetto è semplicemente ECCELSO!
    Buon Sabato.
    (e, nonostante tutto, sempre FORZA ROMA)

    Comment di letizia — 18 Maggio 2019 @ 11:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>