Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘La Roma in rima’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 Maggio 2019

30 maggio 1994

30 maggio 1994

**

Me pare ieri quanno ch’è successo,

quer trenta maggio che sei ito in cèlo,

mó che ce penzo, triste, me raggelo,

guasi come quer giorno fusse adesso.

***

Quanno che ar fiore j’hai torto lo stelo,

ché a sopravvive nun era l’istesso,

de piagne Roma intera nun ha smesso,

chiudennose anniscosta addietro a un velo.

***

Ma li ricordi m’apreno er cassetto

e nun li tocca mica quer destino,

infame, zozzo e ladro che t’ha detto.

***

Io in curva ch’ero solo un regazzino,

tu capitano de quelo scudetto,

noi tutti in coro a urlà: OH AGOSTINO.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima

28 Maggio 2019

L’urtima bandiera

L’urtima bandiera

***

Co Te s’ammaina l’urtima bandiera,

er carcio, ch’era er mejo sport ar monno,

tarmente ch’è cambiato in der profonno,

che tutto passa er tempo de ‘na sera.

***

Scarzato in un quarto de seconno,

da voja de fà sòrdi e cambià cera,

tanto che chi è così, vecchia magnera,

cià da finì a l’obblio peggio der sonno.

***

Così ce s’ariduce a èsse azzienda,

se penza solo e sempre a fà lo stadio,

nun ce sò più bandiere, né leggenda.

***

Ma solo marchio, sponsor, tv e radio,

e er sentimento ch’è cosa “delenda”,

va a l’urtimo cassetto de l’armadio.

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Stagione 2018-19

26 Maggio 2019

Roma – Parma

Roma – Parma: 2-1

***

La Roma batte er Parma, due a uno,

co go’ de Pellegrini e de Perotti,

er resto è lacrimoni ininterotti,

pe DDR che va via da ‘gnuno.

***

Perché è un pezzo de Roma a pagà scotti,

de scerte societarie da nessuno,

ché co stasera ce va via a ciascuno,

senza capì er motivo de ‘sti botti.

***

Grazzie de tutto, e mentre apri le vele,

ce lassi co le bocche unite in canto,

co un’amarezza che pare più fiele.

***

Si de ‘na cosa ciavemo rimpianto,

è nun avé tifato te, Daniele,

mai abbastanza, armeno tanto quanto.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

18 Maggio 2019

Sassuolo – Roma

Sassuolo – Roma: 0-0

***

Ammesso che se possa parlà solo

de ‘sta partita e no de ch’è successo,

(pe cui ciò già rimato e co permesso

so’  assai schifato e mica me conzolo) …

***

… la Roma butta un’artra vorta ar cesso

l’ennesimo obbiettivo e qui co dolo,

pareggia zero a zero cor Sassuolo,

e spera ne l’Europa League adesso.

***

Staggione senza un briciolo de gloria,

che smorza ‘gni pazzienza e ‘gni speranza,

da cancellà così da la memoria.

***

Pe nun penzà a che la mente scanza,

de DDR che lassa Trigoria,

e de Pallotta da mette a distanza.

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Poesie romaniste

14 Maggio 2019

James Pa(r)lotta

James Pa(r)lotta

***

Finora solo chiacchiere e promesse,

ma in bacheca nun ciài messo gnente,

ce dici “forza Roma” solamente,

ma pe vedette ce vò er GPS.

***

E dì che ce credevo, presidente,

ero convinto che potevi èsse,

un po’ tifoso, ma è solo interesse,

tant’è che tu arisurti sempre assente.

***

E tifi solo pe quer dio quatrino,

penzi a lo stadio, e quanto pò dà grano,

ma de la Roma schifi poi er destino.

***

Che ne sai tu, che te ne stai lontano,

cos’è tifà la Roma da bambino,

 dillo a DE ROSSI e dillo a chi è romano!

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Poesie romaniste

FLORENZI e ronaldo

FLORENZI e ronaldo

***

Te sei permesso de stà a fà er bulletto,

ché tanto ‘ndó stai tu tutt’è concesso,

co quela maja addosso ciài er permesso,

de fà quer che te pare, senza effetto.

***

Ché poi tu sei Ronaldo, boni adesso,

davanti a te ‘gni artro omo è ometto,

perciò t’atteggi e sei pure scoretto,

nessuno te viè a dì che sbaji e spesso.

***

Ma peffortuna cià penzato er campo

a fà giustizzia piena de consenzi,

arovescianno er monno e senza scampo …

***

… quanno che t’ha segnato lui, Florenzi,

t’ha arintorzato, in meno che de un lampo,

quele stronzate che j’hai detto e penzi.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 Maggio 2019

Roma – Juventus

Roma – Juventus: 2-0

***

Come che finirà ‘sto campionato,

conta de certo, ma pe adesso poco,

quello che importa, e manco pressappoco,

e avé battuto er gobbo patentato.

***

Ché vince contro questi anche ner gioco

è certo tutto tranne che scontato,

invece parla chiaro er risurtato,

due a zero … tutti a casa o in artro loco.

***

La Roma soffre un tempo, poi ar seconno

vié fòri e vince bene la partita

co ‘sto punteggio ch’è bello rotonno.

***

Florenzi e Dzeko a segnà le dita,

che pe ‘na sera fa stà in cima ar monno,

batte la juve dà gioia infinita.

***

Stefano Agostino

***