Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Giugno 2012

Che nottataccia

Che nottataccia

***

Mica ciò sonno, ciò ‘na toppa in faccia,

stampata co la forma der cuscino,

‘no “zombie” che va in giro de matino,

no, dico, senti tu che nottataccia.

***

Co un antifurto ch’ha fatto un casino,

co ‘na zanzara a cui dové dà caccia,

l’umidità a schiumà pe la callaccia,

mo so’ ‘no straccio appeso a ‘no stendino.

***

A l’occhi ciò du’ borze ormai da viaggio,

me sento ancora più rincojonito,

de quanto nun ce so’ già pe appannaggio.

***

Ma ar primo che me guarda divertito,

anche de striscio o solo de passaggio,

je arzo er medio in faccia, … dico er dito!

***

Stefano Agostino

_________________________________

  1. … nottatacce che, purtroppo, si ripetono …

    Comment by Elio Malloni — 25 Giugno 2012 @ 09:11
  2. E si, ‘n città ce so’ l’antifurti ch’arompeno li co…sidetti. Le zanzàre stanno puro quà, ma se le conosci te difenni. Epperò er brutto ma propio brutto so’ le perzone che se metteno a cchiacchierà sotto le finestre. Hai voja a dije d’annà da ‘n’artra parte, magara giù pe li campi; aho nun ce senteno e se jelo dici ‘na secomma vòrta s’incassano puro.
    Ch’ho da fa? Ho da chiama li carrubba?

    Comment by 'svardo — 25 Giugno 2012 @ 10:04
  3. Penziero der giorno?
    Si, DDR è grande e mo tengo paura che dar City ariva quarche offerta astronomica a cui Bardini nun pò di de no. Magara 70mln e 10mln netti pe Daniele. Penzo che a certe cifre nun se pò resiste.

    Comment by RomamoR — 25 Giugno 2012 @ 10:09
  4. Purtroppo, quando fa tanto caldo, si dorme poco e male. Bel sonetto: è una fotografia!!!
    DDR, speriamo di tenerlo!

    Comment by letizia — 25 Giugno 2012 @ 11:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>