Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

7 agosto 2012

Rottura de anticicloni

Rottura de anticicloni

***

Scipione er primo, poi ce fu Caronte,

seguì Minosse e dopo venne Ulisse,

poi mo Nerone pe l’apocalisse,

che viè a ‘ncendiacce Roma a l’orizzonte.

***

Estate da temperature fisse

su li quaranta gradi e sempre pronte

a fasse ancor più calle co ‘sta fonte

d’umidità che je concede er “bisse”.

***

Che pacchia pe le solite zanzare,

che te ponno succhià quer ch’io bevo

quann’ho deciso de scolamme un “bare”.

***

Sanno parlà tre lingue e nun le levo

nimmanco cor “bazzuca” militare.

Nun pungheno, deppiù, fanno un prelievo!

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. A le zànzare je fò er trattamento camera gas. ‘gni matina, prima de sortì pe fa la spesa, Tappo tutte le finestre, sprayo ‘n’ettolitro de ‘nsetticida, chiudo tutte le porte. Quanno aritorno me mett’a maschera antigas, spalanco tutto pe cambia’ aria e poi arichiudo. Climatizzatore a palla e …….. se campa. Guai, però, a opri’ er minimo spirajio, stanno in agguato le riserve.

    Comment by 'svardo — 7 agosto 2012 @ 10:52
  2. Quello che dice ‘Svardo è bellissimo, così ci possiamo salvare dalle zanzare, magari potessimo farlo co’monti e tutti gli altri!

    Comment by letizia — 7 agosto 2012 @ 14:14
  3. Scusateme; perché ce la pijamo co’ Monti? L’hanno fatto Premier d’occasione pe fasse leva’ dar foco le castagne abbrustolita, senza che quelli che l’anno fatte abbrucia se scottassero.
    Lui sta a fa quello che loro nun c’hanno avuto la faccia de fa’.
    Infatti lorro so insetticida resistenti,: nun se vònno ariduce er nummero de deputati e senatori, nun se vònno ariduce l’appannaggi, nun se vònno taja’ le penzioni, vònno mette limiti a la rielezzione. No a tutto, vònno seguita’ a campa’ da nababbi a le spalle de chi, a reddito fisso, ha da paga’ tutte le tasse.
    La fonte der mostruoso DEBBITO PUBBRICO so’ li magnaccia politici. Pe’ capillo nun ce vòle Grillo, abbasta raggiona’ cor cervello.

    Comment by 'svardo — 7 agosto 2012 @ 15:16
  4. Ariscusate l’erore……..”nun vònno mette limiti a la rielezzione”
    Cmq nun difenno gnisuno, so’ tutti da innaffia’ cor DDT.

    Comment by 'svardo — 7 agosto 2012 @ 15:20
  5. Ciao a tutti, ve scrivo dal freezer, l’unico posto fresco de Roma in questi giorni!
    Nun je la faccio più… Le zanzare poi chevvelodicaffà… Sò così grosse che seconno me vengheno da Fiumicino (l’aeroporto), ne ho ammazzata una che ciaveva la scatola nera!!!

    Comment by Luis — 7 agosto 2012 @ 15:58
  6. Le zanzare con la scatola nera è veramente troppo. Grande Luis. Ah ah ah.

    Comment by Stefano — 8 agosto 2012 @ 04:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>