Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Ottobre 2012

Vestisse “a cipolla”

Vestisse “a cipolla”

***

Quann’er matino mette l’aria calla,

ma a l’arba e a sera er tempo un pò barcolla,

è er caso de vestisse già “a cipolla”,

ossia a strati, giusto pe spiegalla.

***

Co l’aria frizzantina ce se accolla

majetta, gorf e giacca pe affrontalla,

ma quanno lentamente s’ariscalla,

un pezzo, un po’ pe vorta, lo se molla.

***

E ce se incarta e scarta a caramella,

nimmanco er pupo indentro de ‘na culla,

cià tanta robba addosso e ‘ndò tenella.

***

E visto ch’è “a cipolla”, tocca dilla:

tra leva, metti, toji, indossa e frulla,

se piagne quanno er corpo se ‘mbacilla.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. alla ella illa olla ulla .. un bel voto per l’esercizio svolto…

    Comment di Elio Malloni — 3 Ottobre 2012 @ 08:58
  2. Simpaticissimo il sonetto di oggi….rispecchia il mio dilemma mattutino che inizia gia’ da dentro il letto e si riassume in ”CHE MI METTO OGGI?”
    cosi’ si cerca di carpire dal meteo quale sara’ l’epilogo delle temperature, siamo diventati tutti esperti di metereologia, ma non si sa com’è alla fine , quello de vestisse a cipolla, resta sempre l’antico rimedio piu’ efficace, anche se ti puoi trovare a meta’ giornata, con un top e ai piedi gli stivali!!!!!!
    buongiorno poeta 🙂

    Comment di stefania al mascherone — 3 Ottobre 2012 @ 09:02
  3. Sonetto: “Vestisse a cipolla”;
    e penziero der giorno:
    “Fiorito vòi sapé ‘na cosa bella?
    Mo “batman” vallo a fà dentro a ‘na cella!”;
    de piena attualità.
    Come sempre, tutto raccontato in rime scorrevoli.
    A proposito: Che ne penzate? La Roma s’ha da vesti’ a “scalogno”?

    Comment di 'svardo — 3 Ottobre 2012 @ 11:11
  4. Buongiorno a tutti. Questa mattina sembra faccia caldo, quindi vestirsi “a cipolla” èla cosa migliore.
    Per quanto riguarda la Roma, va di male in peggio, se unicredit lascia, rischia il fallimento. Facciamo gli scongiuri.

    Comment di letizia — 3 Ottobre 2012 @ 11:43
  5. Vestirsi a strati per tutte le evenienze, vecchio e sano rimedio sempre valido, ma prima di uscire di casa non scordarsi mai le… mutande de ferro, che questi so’ davvero tempacci amici miei, ahò qua ogni giorno dietro l’angolo c’è qualche “bella sorpresa”!!!

    Comment di Silvio — 3 Ottobre 2012 @ 11:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>