Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Febbraio 2013

In attesa de du’ fiocchi

In attesa de du’ fiocchi

***

Tutta la notte l’occhio lì ar lampione,

a aspettà che venga giù la neve,

a guardà er cèlo ch’è come se deve

e la temperatura a glaciazzione.

***

Speranno de vedella scenne lieve,

p’arigalacce ancora l’emozzione

de Roma che se ‘mbianca a dà raggione

ar restà sveji, senza magnà e beve.

***

E faticà a tené aperti l’occhi,

la testa in sù, er naso addosso ar vetro,

cercanno de beccà si fà du’ fiocchi.

***

E fà sueggiù pe casa, avanti e indietro,

senza rennese conto ch’è da sciocchi

sognà la neve ar Colosseo e San Pietro.

***

Stefano Agostino

_____________________

  1. Purtroppo, pe chi aspetta la neve, sarà ‘na delusione.
    Stavòrta a Roma nun ce nevica. Sarà solo tanta acqua.

    Comment by 'svardoASR'29 — 11 Febbraio 2013 @ 08:56
  2. Comincio a pensare come Stefano sul lunedì: è veramente un giorno da cancellare, oltretutto anche il tempo oggi fa la sua parte. Meno male che i sonetti di Stefano rialzano il morale.

    Comment by letizia — 11 Febbraio 2013 @ 10:35
  3. Stamattina ho visto un simil-nevischio…

    Comment by Principessa — 11 Febbraio 2013 @ 20:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>