Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

2 Agosto 2013

Condannato

Condannato

***

Nun te va giù, ma t’hanno condannato,

co ‘na sentenza ch’è definitiva,

che nun ammette ancora impugnativa

e è passata quinni in giudicato.

***

Sortanto pe la pena interdittiva

ch’è un accessorio in caso de reato,

er fatto dovrà èsse riaffrontato,

ma la condanna nun cià arternativa.

***

Er resto der Paese se divide,

tra chi esurta assai pe ‘sta notizzia,

e chi difenne Sirvio e me fa ride…

***

… ma è solo pe nun piagne co mestizzia,

che nun se sa er Paese co ‘ste guide

che fine je fa fà a la “Giustizzia”. 

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Bonagiornata der “dò d’Agost”. Finarmente, ce l’aveveno fatte propio come …. oggi. Ammazza che faticata p’ariusci’ a mannallo pe ‘n pò de tempo ar fresco. Cmq sta sempre mejo lui che njantri. Mo, chissà, s’a maggistratura, che s’è levato da torno st’intoppo de 20 anni, se darà da fa’ a chiude tutte le cause ‘n pennenza? MPS e artre quisquje. Nun c’avrebbero artre scusanti.
    Certo che, come dice Stefano ne l’urtima terzina, ce semo aridotti male.

    Comment by 'svardoASR'29 — 2 Agosto 2013 @ 08:49
  2. Non ho parole: uno che viene condannato a quattro anni e non viene interdetto dai pubblici uffici! Solo in Italia succedono queste cose.

    Comment by letizia — 2 Agosto 2013 @ 11:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>