Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Settembre 2013

Concordia…li saluti

Concordia…li saluti

***

Adesso sì, che s’è fatta giustizzia,

pe la Concordia e er fatto de Schettino,

quer ch’è successo e tutto ‘sto casino,

 da quanno s’è saputa la notizzia.

***

Co la traggedia e ‘sto lavoro fino

de tirà su la nave e l’artro inizzia

de falla navigà e co gran mestizzia,

mannalla in porto a l’urtimo destino.

***

Ma la giustizzia ha cominciato er corzo,

co ‘na velocità ch’è sorprendente,

e un’esemplarità d’aprì un discorzo.

***

   Co ‘na condanna seria e mica gnente

e nun ammette manco più un ricorzo,

sospenneje a Schettino la patente.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Però, ammazza quant’è costato e ha da costa’ ‘n’inchino. Nun poteva fa’ ‘na riverenza?
    …….
    Mo’ co’ Roma Capitale e Metropoli, manco soggetta a la Reggione, ‘n’accrocco de podisti, chiamato come la Reggione, nun tie’ titolo de cittadinanza a Roma. E’ ‘n’apolide reggionale.

    Comment di 'svardoASR'29 — 20 Settembre 2013 @ 09:57
  2. La marineria italiana non ha fatto una bella figura, e pensare che abbiamo C.Colombo, A.Vespucci, ecc. ecc.

    Cmq vada, sempre e solo FORZA ROMA!

    Comment di letizia — 20 Settembre 2013 @ 11:06
  3. Letizia; Colombo, Vespucci, Andrea Doria e artri nun faceveno inchini o riverenze, controllaveno la navigazzione ‘nvece de gioca’ co le passeggere. Schettino se credeva de guida’ ‘n busse e manco quello, perché pure lì ce vòle attenzione.
    La brutta, pessima, figura l’ha fatta lui e no la nostra marineria.

    Comment di 'svardoASR'29 — 20 Settembre 2013 @ 14:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>