Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Dicembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “la fuga in Eggitto”

Dar Vangelo der giorno: “la fuga in Eggitto”

***

Co Erode re, er padre de l’Antipa,

Giuseppe la Famìa portò in Eggitto,

così che s’adempisse er Testo scritto,

che Dio chiamò su’ Fìo a l’artra ripa.

***

Poi morto Erode e quer suo nero editto,

Giuseppe nun tornò a la controripa

in Israele, ché un fumo de pipa

je disse ch’era da cambià traggitto.

***

E pe evità ‘gni rischio d’artro fiele,

a Nazareth annò, in Galilea,

come je disse in sogno Gabbriele …

***

… l’Angelo che je suggerì l’idea

d’annà a fà cresce là l’Emmanuele,

che fu poi “Nazzareno” pe nomea.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Anche oggi il Vangelo del Giorno è descritto in maniera eccellente.
    Buona domenica a tutti

    Comment di letizia — 29 Dicembre 2013 @ 11:29
  2. Co Erode re, er padre de l’Antipa,
    Giuseppe la Famìa portò in Eggitto,
    così che s’adempisse er Testo scritto,
    che Dio chiamò su’ Fìo a l’artra ripa. …

    Comment di Stefano — 29 Dicembre 2019 @ 07:47
  3. Gesù, tu che sei il Re del Cielo, sei costretto a fuggire nelle sembianze di un bambino. Ma la cosa peggiore è l’ingratitudine con cui sei trattato proprio dagli stessi che sei venuto a salvare!
    A tutti Buona serata.

    Comment di letizia — 29 Dicembre 2019 @ 19:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>