Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Febbraio 2017

Dar Vangelo der giorno: “sale e luce de la Tera”

Dar Vangelo der giorno: “sale e luce de la Tera”

***

Gesù je disse a tutti: “Siate er sale,

ma quello che dà gusto e dà valore,

no l’artro che nun serve a dà un sapore

e invece de condì, fa solo male”.

***

Poi continuò er discorzo Suo, er Signore:

“Siate la luce de ‘sto monno a scale,

no messa sotto ar moggio o ar capezzale,

ma che cacci via er buio e dia calore.

***

Che sia ‘na Luce forte ch’arisplenne,

davanti a l’artri omini der monno,

che sia da esempio p’addrizzà le antenne..

***

E vive da cristiani a tutto tónno

co opere più bone e, quinni, rènne

la giusta Gloria a Dio, pe ‘gni seconno. 

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Sale e Luce, du cose indispensabbili pe la vita de l’omo (umanità) su sta Tera. Si t’ammanca er Sale de la Sapienza e la Luce ‘nde la Via, perdi l’orientamento p’ariva’ a la destinazzione, arichianno pure de ‘mbocca’ ‘a discesa, che pare più facile, p’anna’ ner peccato.

    Comment by 'svardoASR'29 — 9 Febbraio 2014 @ 13:06
  2. Gesù je disse a tutti: “Siate er sale,
    ma quello che dà gusto e dà valore,
    no l’artro che nun serve a dà un sapore
    e invece de condì, fa solo male”. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 Febbraio 2017 @ 08:51
  3. Il Signore ci chiede di vivere la nostra vita con semplicità: non c’è bisogno di fare azioni eclatanti a tutti i costi.
    Anche la vita di tutti i giorni può essere santa e piena di Dio.
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 5 Febbraio 2017 @ 12:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>