Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Maggio 2014

Dar Vangelo der giorno: “la Via, la Verità e la Vita”

Dar Vangelo der giorno: “la Via, la Verità e la Vita”

***

Gesù je disse allora: “Abbiate fede,

ner Padre e in Me, mó che sto p’annà via,

a la Casa der Padre, ch’è la Mia,

e che occhio de l’omo nun pò véde.

***

È tutto vero, nun è fantasia,

ché tanto, ce lo so, ve state a chiede:

– Signo’ ‘ndò vai? – ve dico, chi Me crede

avrà la Vita Eterna, e così sia”.

***

Tommaso replicò: “Ma noi che famo?”

“Io so’ la Via, la Verità e la Vita,

seguite Me – fece Gesù – ché v’amo”.

***

“Mostrace er Padre”, no ‘na granne uscita,

Filippo ce provò, e Gesù: “Annamo,

Lui è in Me, Io in Lui, falla finita”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Gesù je disse allora: “Abbiate fede,
    ner Padre e in Me, mó che sto p’annà via,
    a la Casa der Padre, ch’è la Mia,
    e che occhio de l’omo nun pò véde. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 Maggio 2014 @ 08:10
  2. Questo Gesù, che parla in dialetto romano, è magnifico e immediato!

    Comment by letizia — 18 Maggio 2014 @ 09:10
  3. Grazie Letizia. Ti voglio bene.

    Comment by Stefano — 18 Maggio 2014 @ 11:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>