Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2014

Er 17 giugno

Er 17 giugno

***

Er 17 giugno che ber giorno,

der quale nun dimentico un seconno,

de quelli in cui bisogna fermà er monno,

pe stoppà er tempo e quer che gira attorno.

***

In verità, a annà scavanno a fonno,

guardannote ariflesso indentro e intorno,

lo sai che un dì così nun fa ritorno,

ma è un penziero che nun turba er sonno.

***

Quela giornata io, che l’ho vissuta,

fin quanno ch’annerò a fà da sarma,

ringrazzio Dio d’avella conosciuta.

***

Tant’è che a ripenzà a quer Roma – Parma,

de Totti, de Montella e Batistuta,

godo e nun riesco a mantené la carma.

***

Stefano Agostino

***

  1. Er 17 giugno che ber giorno,
    der quale nun dimentico un seconno,
    de quelli in cui bisogna fermà er monno,
    pe stoppà er tempo e quer che gira attorno. … (continua)

    Comment di Stefano — 17 Giugno 2014 @ 06:39
  2. Mo li nomi nun me vengheno pèiù tanto facirmente ‘n mente, ma posso di’ d’avelli vissuti tutt’e tre li scudetti romanisti. Annanno addietro ner tempo dico che, si, so’ state solo tre soddisfazzioni e apposta pe questo so’ state inimmagginabbili. Artri n’hanno vinti tanti d’avecce fatto er callo e perzo entusiasmo.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 17 Giugno 2014 @ 08:05
  3. Er 17 giugno der 2001

    Che bella tutta Roma imbannierata:
    se respira un zocché de contentezza.
    Nojantri co la bocca inzuccherata,
    e invece l’antri drento la monnezza.

    È stato un anno senza più tristezza,
    fàmose ’na bevuta e ’na magnata.
    Semo li più forti co ’sta ricchezza.
    ché l’artra squadra è propio buggiarata,

    Ma nun dovemo d’avé compassione:
    ’sti burini sò propio tarpanoni,
    ché er mejo loro è peggio de un cafone.

    L’artr’anno ciànno rotto li cojoni,
    nun era che: “ ’na bolla de sapone”,
    mó dimo: “regna l’Asso de bastoni”.

    Roma, li 17 giugno 2001

    Elio, detto: Manico d’ombrello

    Comment di Elio Malloni — 17 Giugno 2014 @ 08:35
  4. Giornata indimenticabile, anche oggi, a ripensarci, mi viene un nodo in gola, per la gioia! Sempre forza MAGICA ROMA!

    Comment di letizia — 17 Giugno 2014 @ 10:04
  5. Scolpita nella memoria del cuore quella data, indimenticabili le lacrime di gioia tra il vibrare di bandiere festanti, inenarrabile la dolce emozione provata: i nostri sacri colori quel giorno hanno conosciuto il loro momento più alto!

    Comment di Silvio — 17 Giugno 2014 @ 10:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>