Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Settembre 2014

Er mistero de la Croce

Er mistero de la Croce

***

“Come Mosè ar serpente ner deserto,

così er Fìo de l’Omo va innarzato,

perché chi mòre nun moja ammazzato,

ma viva in sempiterno. E questo è certo”.

***

Parola de Gesù, che cià indicato

qual è er passaggio, stretto, ch’Egli ha aperto

a l’omo pe la Vita, e si ha sofferto,

l’ha fatto pe sarvacce dar peccato.

***

Co ‘ste parole anticipa la Via

che è de Vita Eterna, ma ch’è atroce,

nun ce n’è un’artra. Punto. E così sia.

***

Perciò tocca ascortalla la Sua Voce,

e faje, tutti e ‘gnuno, compagnia,

ne l’èsse crocifisso su la Croce.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. “Come Mosè ar serpente ner deserto,
    così er Fìo de l’Omo va innarzato,
    perché chi mòre nun moja ammazzato,
    ma viva in sempiterno. E questo è certo”. … (continua)

    Comment di Stefano — 14 Settembre 2014 @ 09:47
  2. Grazie Ste’ d’arinnovacce ner penziero, che dovemo da esse’ umili, aiutannose l’uno co l’antro da bòni fratelli in Dio.

    Comment di 'svardoASR'29 — 14 Settembre 2014 @ 11:49
  3. E’ bellissimo! (ieri non ho potuto leggerlo, perché internet non andava).

    Comment di letizia — 15 Settembre 2014 @ 14:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>