Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

27 Ottobre 2014

Lo vedi, ecco Marino

Lo vedi, ecco Marino

***

Er sinnaco Marino ‘gni matina,

s’arza co quarche nova fantasia,

dar centro vò passà in periferia,

a pedonalizzà ‘gni via e stradina.

***

Ma dico, si ciài quarche malatia,

co l’auto propia, er posto o la benzina,

che te fa crede Roma cittadina,

perché nun te la curi e così sia?

***

Ché passi er centro e pe li monumenti,

ma er cittadino cià d’annà a lavoro,

e nun ce pò annà a piedi, ma artrimenti.

***

Ché a seguità così in modo balordo,

un giorno te viè in testa, che so? … ignoro …

de pedonalizzà pure er Raccordo.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Er sinnaco Marino ‘gni matina,
    s’arza co quarche nova fantasia,
    dar centro vò passà in periferia,
    a pedonalizzà ‘gni via e stradina. … (continua)

    Comment by Stefano — 27 Ottobre 2014 @ 08:12
  2. Qui si vuole mortificare il caro vecchio Caligola.
    Va a finire che nominerà Assessore al traffico la sua bicicletta.

    Comment by Laio — 27 Ottobre 2014 @ 08:25
  3. Sto a proiva’ a mette ‘n commento decente, ma nun ce ariesco; me vengheno ‘pn mente solo ‘mpropèri e parolacce. Questo nun è er posto adatto. oproc n’ essaip eJ

    Comment by 'svardoASR'29 — 27 Ottobre 2014 @ 09:07
  4. ‘svardo, dillo pure a chiare lettere: je piasse ‘n corpo! Ma quando se ne va, dovrebbe avere la decenza di dimettersi. Io comincio a rimpiangere Alemanno: è proprio vero che il peggio non ha mai fine!

    Comment by letizia — 27 Ottobre 2014 @ 09:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>