Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Dicembre 2014

Notte de lampi, notte de tempesta

Notte de lampi, notte de tempesta

 ***

Notte de lampi, notte de tempesta,

che ha tenuto sveji li romani,

tra ieri e oggi nun ce sta domani,

la senzazzione che ce resta è questa.

***

Tra tuoni e scrosci, improvvisi e strani,

se sò contate l’ore e mó ce resta

un unico gigante mar de testa,

e un sonno che t’addormi ‘ndò rimani.

***

‘Na notte pe girà firm de l’orore,

tra furmini e boati a intermittenza,

chi più veloce, chi ar rallentatore.

***

E senza mai interompe la sequenza,

pe tutte le fatidiche ott’ore

che s’hanno da dormì. Ma è fantascènza.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Notte de lampi, notte de tempesta,
    che ha tenuto sveji li romani,
    tra ieri e oggi nun ce sta domani,
    la senzazzione che ce resta è questa. … (continua)

    Comment di Stefano — 2 Dicembre 2014 @ 08:20
  2. Tra furmini e boati a intermittenza… Ahò ‘na caciara co ‘sta pioggia, e che divertimento sulla moto!

    Comment di Silvio — 2 Dicembre 2014 @ 10:43
  3. Ma perché ci sono stati temporali, io, per fortuna, non ho sentito nulla!

    Comment di letizia — 2 Dicembre 2014 @ 16:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>