Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 dicembre 2018

6 dicembre: San Babbo Natale

6 dicembre: San Babbo Natale

***

Babbo Natale, basta la parola,

pe penzà ar sacco de rigali e strenne,

ar traino de la slitta co le renne

e a quel’attesa co un groppo a la gola.

 ***

La tradizzione vò fàllo discenne

dar Santo turco Mira, San Nicola,

(ma de verzione nun ce n’è una sola)

e er sei dicembre è er giorno suo solenne.

 ***

Fu ricco in vita, ma donò l’averi

a bimbi poverelli o a l’ospedale

e aiutò la gente co guai seri.

 ***

Er sei dicembre pe quarcuno vale

lo scambio de pacchetti e de penzieri,

come da noi la notte de Natale.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Babbo Natale, basta la parola,
    pe penzà ar sacco de rigali e strenne,
    ar traino de la slitta co le renne
    e a quel’attesa co un groppo a la gola. … (continua)

    Comment by Stefano — 6 dicembre 2016 @ 08:12
  2. S.Babbo Natale, alla fine, sarebbe S. Nicola, del quale non si sa molto, tranne che è stato un animo generoso e timorato di Dio!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 dicembre 2016 @ 12:21
  3. Ormai,a causa del consumismo più sfrenato, la maggior parte dei bimbi pensa solo ai regali e non al Bambino.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 dicembre 2018 @ 11:00
  4. San Babbo Natale. E’ bella l’immagine di un uomo ricco e generoso con i bambini poveri, incarna pienamente lo spirito natalizio ed evoca la gioia suscitata nei piccoli che intenerisce il cuore degli adulti.

    Comment by Silvio — 6 dicembre 2018 @ 11:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>