Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Febbraio 2015

Ciao Fabbrizzio

Ciao Fabbrizzio

***

Nun so nemmeno io da ‘ndove inizzio,

tarmente ciò ‘na fitta ‘ndentr’ar còre,

che me trivella er petto e dà dolore,

che sei volato via Lassù, Fabbrizzio.

***

Co ‘na montagna de ricordi a score

ner firm a scene sparze co quer vizzio

de spigne ‘ngiù le lacrime e er supplizzio

che toje ‘gni soriso e ‘gni rumore.

***

Vojo tornà a parlà de Roma e Lazzio

ch’è l’argomento che più cià diviso,

ma ch’oggi un po’ me stempera ‘sto strazzio …

***

… de nun vedé più er dorce tuo soriso,

che, ce lo so, già avrà trovato spazzio

in Curva Nord, quella der Paradiso.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Nun so nemmeno io da ‘ndove inizzio,
    tarmente ciò ‘na fitta ‘ndentr’ar còre,
    che me trivella er petto e dà dolore,
    che sei volato via Lassù, Fabbrizzio. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 Febbraio 2015 @ 21:13
  2. Riposa in Pace.

    Comment by letizia — 19 Febbraio 2015 @ 09:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>