Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Marzo 2018

Le Pàrme

Le Pàrme

***

Le Pàrme: ’na domenica de festa,

serenità che carma e mette pace,

da quanno ch’è matina e tutto tace,

fino a ch’è sera e quer sentore resta.

 ***

Sarà pe ’sto motivo che me piace,

seguì la processione, Cristo in testa,

le pàrme addietro come a fà le gesta,

de quel’OSANNA trasformato in brace.

 ***

Ma poi me batte in testa ’sto penziero,

che quer ch’è stato allora accade adesso,

quanno esartamo e poi sparamo a zero.

 ***

Succede ar giorno d’oggi e pure spesso

de osannà un quarch’omo e accenne un cero,

ma dopo un “amen”, scaricallo ar cesso.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. Le Pàrme: ’na domenica de festa,
    un senzo de tranquillità e de pace,
    da quanno ch’è matina e tutto tace,
    fino a ch’è sera e quer sentore resta. … (continua)

    Comment by Stefano — 29 Marzo 2015 @ 06:38
  2. …che quer ch’è stato allora accade adesso,
    quanno esartamo e poi sparamo a zero…: sacrosanta verità, la storia si ripete e noi non impariamo mai!
    Buona Domenica delle PALME!

    Comment by maria letizia — 25 Marzo 2018 @ 12:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>