Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “l’impuro viè dar dentro”

Dar Vangelo der giorno: “l’impuro viè dar dentro”

 ***

Vedenno li discepoli ch’er pasto

magnaveno a mano nun lavate,

li farisei je dissero: “Sappiate

che a fà così s’aggisce in modo guasto!”

***

Gesù rispose: “Ipocriti. Penzate

a li precetti umani, quanno er tasto

ch’è da toccà, pe ‘gni omo puro e casto,

 è fà le cose che Dio ha commannate!

***

Gnente de quer che sta de fòri a voi

pò renneve più er còre lercio e impuro,

ma è ciò ch’è interno a favve zozzi, eppoi …

***

… ‘gni cattiveria viè dar dentro oscuro,

e pe èsse santi veri e veri eroi,

s’ha da sconfigge lì, ora e in futuro.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Vedenno li discepoli ch’er pasto
    magnaveno a mano nun lavate,
    li farisei je dissero: “Sappiate
    che a fà così s’aggisce in modo guasto!” … (continua)

    Comment di Stefano — 30 Agosto 2015 @ 09:24
  2. Bongiorno Ste’, a te e chi passa pe sto blogghe.
    Me pare che sta parabbola ha preceduto, de ortre dumila anni, quanto fatto osservare, a li CIELLINI a loro FESTA, da ‘n membro der M5s.
    A parla’ chiaro, senza peli su’a lingua, nun s’ha d’ave’ paura.

    Comment di 'svardoASR'29 — 30 Agosto 2015 @ 11:06
  3. “ma è ciò ch’è interno a favve zozzi…” il male nasce dell’animo!
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 2 Settembre 2018 @ 12:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>