Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Novembre 2016

Aritorna er controllore

Aritorna er controllore

***

Così che mó aritorna er controllore

indentr’ar bus pe fà pagà er bijetto,

a chi solitamente fa er furbetto

e scrocca er mezzo sempre a tutte l’ore.

***

Me pare già quarcosa, ossia un passetto,

pe risanà l’azzienda che se mòre,

nun è risolutivo, sissgnore,

ma de legalità porta ar rispetto.

***

Da quarche parte s’ha da daje inizzio

pe riportà le cose ar verzo giusto

e ‘sta città ridotta ar precipizzio …

***

… da chi l’ha governata da disgusto,

ben venghi er controllore e sia propizzio

pe toje un METRO a tutto ‘sto TRAM-BUS-to.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Così che mó aritorna er controllore
    indentr’ar bus pe fà pagà er bijetto,
    a chi solitamente fa er furbetto
    e scrocca er mezzo sempre a tutte l’ore. … (continua)

    Comment di Stefano — 17 Novembre 2016 @ 08:34
  2. Bongiorno. Era ora che rimettessero ‘n funzione, a pieno regìme, la figura del controllore. Però gli’incaricati di questa funzione devono avere copertura con la nomina a “pubblico ufficiale” e per chi si azzarda a toccarli ci deve essere pena certa. Meglio farli scortare da un paio di militari. I controlli devono stare pure agli ingressi della Metro, per fermare i saltatori e quelli che si accodano a chi entra con la vidimazione del biglietto.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 17 Novembre 2016 @ 09:21
  3. C’hanno messo un bel po’ di tempo, ma finalmente hanno capito che l’onestà non è di questo mondo!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 17 Novembre 2016 @ 09:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>