Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Gennaio 2017

Come vedo er giovedì

Come vedo er giovedì

***

Er giovedì sei sempre in arto mare,

ma pure tra marosi e cavalloni,

nun navighi più ar bujo, né a tentoni,

come ne le giornate prima, amare.

***

Laggiù vedi la tera e t’emozzioni,

così quela striscetta in fonno pare,

te senti a casa, tra perzone care,

anche distante ancor du’ giorni boni.

***

E ‘sto dorce penziero t’accompagna,

ner mentre che la prua punta lontana

la tera ‘ndó nessuno mai se lagna.

***

E quela vista in fonno t’aripiana,

pure che l’acqua arta ancor te bagna,

stai pe attraccà ar “fine settimana”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Er giovedì sei sempre in arto mare,
    ma pure tra marosi e cavalloni,
    nun navighi più ar bujo, né a tentoni,
    come ne le giornate prima, amare. … (continua)

    Comment di Stefano — 26 Gennaio 2017 @ 08:04
  2. “…la prua punta lontana la tera ‘ndò nessuno mai se lagna”.
    E’ una bella metafora assimilare il fine settimana con la terra promessa che si scorge da lontano dal mare!
    Buon giovedì a tutti!

    Comment di Silvio — 26 Gennaio 2017 @ 09:44
  3. Bongiorno. Vedo che il nostro poeta sta attraversando un periodo di estrema vena poetica. Ha inanellato una serie di sonetti pregni di vera poesia. Questa inaspettata descrizione del “centro-settimana” ne è la conferma.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 26 Gennaio 2017 @ 10:36
  4. Magnifico paragone!!!Come al solito, Stefano ci stupisce!
    Buon Giovedì.

    Comment di letizia — 26 Gennaio 2017 @ 11:00
  5. Grazie di cuore a tutti. Come sempre troppo buoni con me. Vi voglio bene.

    Comment di Stefano — 26 Gennaio 2017 @ 12:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>