Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

9 Febbraio 2017

Tocca riaprì er caso Caino

Tocca riaprì er caso Caino

***

Tocca riaprì così er caso Caino,

ché nun è stato lui a uccide Abele,

pure er serpente, er fatto de le mele,

va arispurciato qua cor lanternino.

***

Co ‘na ricostruzzione più fedele,

de chi ha fatto er serpente e l’assassino,

sta’ a sortì fòra er nome genuino

de la donna de certo più crudele.

***

Virginia Raggi, sindaca de Roma,

e “mamma mia” direbbero li “Abba”,

è sempre lei, furfante cor diploma.

***

E nun è ancora uscita o è poco nota,

la storia ch’era lei er vero Barabba

 e che a l’anagrafe fa Iscariota.  

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Tocca riaprì così er caso Caino,
    ché nun è stato lui a uccide Abele,
    pure er serpente, er fatto de le mele,
    va arispurciato qua cor lanternino. … (continua)

    Comment di Stefano — 9 Febbraio 2017 @ 08:26
  2. La considerazione più amara di tutte è che mentre si consuma una guerra totale Roma è sempre più dimenticata! Sembra di assistere ai medici che litigano mentre il paziente sta agonizzando…

    Comment di Silvio — 9 Febbraio 2017 @ 09:28
  3. Bongiorno. Mbeh, si parla de “Iscariota” penzo a all’assessore all’urbanistica. Er vero ‘nfirtrato pe’ sfascia’ ‘a giunta.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 9 Febbraio 2017 @ 09:29
  4. Non so cosa pensare: chissà cosa c’è sotto sotto. Certo che solo a Roma succedono certe cose!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 9 Febbraio 2017 @ 11:23
  5. Ha ragione Berdini, la sindaca Raggi è ‘strutturalmente’ incapace a fare il sindaco. Vi ricordate quando disse che non era andata all’appuntamento col presidente del Coni a causa di impegni al ministero? E invece è stata fotografata al ristorante. Ingenua e bugiarda. Raggi non sapèeva che il suo Romeo le aveva intestato due polizze vita? “A chi la vuole raccontare?” si chiede Berdini. Lei ha cambiato lavoro e incarico al suo Romeo, triplicandogli lo stipendio, nonostante i funzionari del Comune l’avessero avvertita che non poteva farlo, si trattava di abuso d’ufficio. Inadeguata.
    Dilettanti allo sbaraglio, quante altre bugie ci racconteranno?

    Comment di Pablo BigHorn — 10 Febbraio 2017 @ 10:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>