Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Maggio 2017

Er lato ombra

Er lato ombra

***

A vorte, senza rennesene conto,

se famo male solo da noi stessi

e visto poi pe come stamo messi

se autoflaggellamo senza sconto.

***

Quanno che famo entrà in libberi accessi

penzieri negativi da tramonto,

de quelli co su scritto “io te smonto”,

che come virus varcano l’ingressi.

***

‘Na vorta che sò entrati fanno danni

e prima de trovà la medicina

pe contrastalli quanto te ce addanni.

***

Fin quanno nun te sveji ‘na matina,

e realizzi de quanto te ‘nganni,

quer tuo “IO” che dorme giù in cantina.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. A vorte, senza rennesene conto,
    se famo male solo da noi stessi
    e visto poi pe come stamo messi
    se autoflaggellamo senza sconto. … (continua)

    Comment by Stefano — 9 Maggio 2017 @ 05:26
  2. Ogni mattina, come fosse una medicina o un integratore alimentare, dovremmo assumere un bicchiere di positività a digiuno, diluito in acqua o nel caffè. E poi un sorso di ottimismo, un mozzico di buon umore con gioia in abbondanza spalmata sopra. Una volta lavati i denti è inoltre consigliabile un generoso sorriso guardandosi allo specchio!

    Comment by Silvio — 9 Maggio 2017 @ 08:40
  3. Bongiorno. Bel soneto che ce ‘nvita a facce ‘n’ntrospezione piscologgica, possibirmente ‘gni matina.
    Bella pure ‘a colazzione come descritta da Sirvio.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 9 Maggio 2017 @ 09:58
  4. Bello il sonetto e molto vero il commento di Silvio!
    Buona Giornata positiva e col sorriso!

    Comment by letizia — 9 Maggio 2017 @ 11:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>