Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Dicembre 2017

“Spelacchio”

“Spelacchio”

***

T’hanno chiamato co ‘sto nome a cacchio

pe via der fatto che nun sei perfetto,

pe èsse un abete fai un po’ de difetto

co rami messi larghi a fà sbatacchio.

***

T’hanno chiamato appunto pe ‘st’effetto

cor nome poco fino de “Spelacchio”

la base verde der color pistacchio,

er tronco tutto tranne che su retto.

***

Vabbè che ce pò stà come un appunto,

ché su li gusti tutti perzonali

nun se discute e er fatto è ormai raggiunto.

***

Ma quanno me se parla de puntali

e palle e luce e nastri, dico: “punto”,

a chi lo fa pe spinte elettorali.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. T’hanno chiamato co ‘sto nome a cacchio
    pe via der fatto che nun sei perfetto,
    pe èsse un abete fai un po’ de difetto
    co rami messi larghi a fà sbatacchio. … (continua)

    Comment by Stefano — 20 Dicembre 2017 @ 06:05
  2. Io non l’ho visto dal vero, ma se questa è la fotografia dell’albero di Natale situato davanti all’Altare della Patria, c’è da dire che è di uno squallore inenarrabile. Vergogna! questa è l’esatta immagine dell’Italia depredata da chi ci governa.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Dicembre 2017 @ 11:08
  3. Un brutto albero. Obiettivamente…

    Comment by Silvio — 20 Dicembre 2017 @ 11:55
  4. Come sempre a penza’ male ce se pò azzecca’. Me stupisce ‘a prontezza de decretà ‘a morte de st’abete, prima ancora che principiasse a deperi’. Forse, li detrattori, teneveno ‘e sfere divinatorie o sapeveno quarcosa da tene’ anniscosta? Comunque, so’ pieno de dubbì!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 20 Dicembre 2017 @ 12:52
  5. Alle vòrte, pe’ fa’ secca’ ‘na pianta, abbasta buttaje addosso acqua bollente o ‘na bella spruzzata de vapore a alta pressione.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 20 Dicembre 2017 @ 12:55
  6. Fra li borbottii de’ sta Roma invernale
    Ce stanno quelli sull’abbete de Natale:
    Non j’è piaciato a sta ggente senza core
    Er lukke de n’arbero che mmore
    Pe’ porta’ la festa e un soriso,
    Come Cristo pe’ dacce er Paradiso.

    Li probblemi ce stanno, tutti seri,
    Nun c’è lavoro né salute, tanti poveri,
    Bollette care, pochi servizzi comunali:
    … Quelli si che so’ li veri mali.

    Però a Natale armeno … soridete,
    Guardate li addobbi su l’abete,
    Ste’ luci a festa, … quanto so’ belle
    Come le vedo anch’io,
    Ne la notte che ce ricorda quella
    In cui andiede a Betelemme ‘na gran stella,
    Mossa da ‘mordeddio
    che move er sole e l’artre stelle .

    Comment by Eugenio Zoppis — 27 Dicembre 2017 @ 16:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>