Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Gennaio 2018

Che delusione

Che delusione

***

Pe quanto me aripeto “chettefrega,

ché quanto conta poi ‘sto fatto? Gnente”,

nun riesco mica a fà l’indiferente,

quanno ce sta un affetto che me lega.

***

Ma er brutto, che fa male veramente,

è avé capito, chiusa ‘sta bottega,

che da ‘sta parte mia se chiede e prega

pe un’amicizzia che da l’artra è assente.

***

E nun s’aregge certo mica in piedi

dì che eravamo amici, ma mó basta,

“le cose sò cambiate, nun lo vedi?”

***

Perché la reartà parla scontata:

ché ‘sta nostra amicizzia pura e casta

da parte tua pe me nun c’è mai stata.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Pe quanto me aripeto “chettefrega,
    ché quanto conta poi ‘sto fatto? Gnente”,
    nun riesco mica a fà l’indiferente,
    quanno ce sta un affetto che me lega. … (continua)

    Comment di Stefano — 30 Gennaio 2018 @ 03:35
  2. Bongiorno. Me pare ch’a risoluzione, de l’urtima riga, sia lapalissiana!

    Comment di 'svardo — 30 Gennaio 2018 @ 08:44
  3. Quanto sono vere queste parole…..e come ci si rimane male!!!!

    Comment di Laura — 30 Gennaio 2018 @ 09:11
  4. Devo dire che nella mia vita è capitato due volte. Grande delusione, ma, alla fine…
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 30 Gennaio 2018 @ 09:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>