Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Aprile 2018

Me so’ stancato

Me so’ stancato

***

Me so’ stancato d’essece pe tutti,

de dì de sì a chiunque a ‘gni occasione,

pe poi fà la figura der cojone,

quanno che serve a me, in momenti brutti.

***

Me so’ stufato de sta a fà er saccone,

appeso a le palestre, che se sfrutti

solo a pià cazzotti e poi se butti

quanno s’abbozza o sta a fine lezzione.

***

Me so’ strarotto de penzà a chiunque,

ma de riceve solo carci in faccia,

quanno che, strigni strigni, se va ar dunque.

***

Perciò da oggi che, piaccia o nun piaccia,

io ce sarò solo pe chi, comunque,

l’apprezzerà, de l’artri perdo traccia.

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Me so’ stancato d’essece pe tutti,
    de dì de sì a chiunque a ‘gni occasione,
    pe poi fà la figura der cojone,
    quanno che serve a me, in momenti brutti.

    Comment di Stefano — 3 Aprile 2018 @ 05:55
  2. Daje Ste’ che nun sei er solo, me sa che semo ‘n tanti a esse stanchi, stufi e strarotti de st’annazzo, de fa’ l’amico a chi amico nun è.

    Comment di 'svardo — 3 Aprile 2018 @ 09:39
  3. Come ci ripetiamo spesso in tema di reciprocità, “se vuoi che l’amicizia si mantenga, fa che una mano vada e l’altra venga”!

    Comment di Silvio — 3 Aprile 2018 @ 09:40
  4. “…Me so’ stufato de sta a fà er saccone, appeso a le palestre…”: carina questa similitudine! Io ne conosco uno che è così, ma a furia di essere usato, un po’ sta imparando a tirarsi indietro.
    Buon martedì!

    Comment di maria letizia — 3 Aprile 2018 @ 10:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>