Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 agosto 2018

2 agosto: er perdono de Assisi

2 agosto: er perdono de Assisi

***

Così er Signore chiese a San Francesco:

“Te vojo fà un regalo, servo bono,

quer che me chiedi te lo faccio in dono”.

Francesco ce penzò … chissà si riesco …

***

… ma io ce provo … e disse: “Chino e prono,

io pe regalo vojo che ar Tuo desco,

quello ch’è pe li giusti, e no fiabbesco,

arivi chiunque ar monno cor perdono”.

***

Così er Signore pe ‘gni due de agosto,

dispose un’indurgenza granne e piena,

a tutti, co le condizzioni apposto …

***

E a Francesco je scattò un soriso

e disse: “Anima mia, pòi stà serena,

ché hai regalato a tutti er Paradiso!”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Così er Signore chiese a San Francesco:
    “Te vojo fà un regalo, servo bono,
    quer che me chiedi te lo faccio in dono”.
    Francesco ce penzò … chissà si riesco … (continua)

    Comment by Stefano — 2 agosto 2018 @ 07:31
  2. Grazie a S. Francesco, grande Santo, abbiamo avuto tutti il Perdono di Dio!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 2 agosto 2018 @ 11:09
  3. Eccolo il mio Santo Protettore. Sono nato il giorno della sua ricorrenza e, da sempre, a lui affido le mie preghiere.

    Comment by 'svardo — 2 agosto 2018 @ 12:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>