Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 settembre 2018

Furminato

Furminato

***

‘Na serie de rimbombi tipo guera

che mano a mano cresce e t’arintrona,

te sveja in piena notte e te sportrona

dar letto, mentre imbianca notte nera.

***

Li furmini e saette che lampiona

in successione senza pausa intera,

e trona a bomba e l’eco torna a schiera,

ché de dormì nun è la vorta bona.

***

‘No scroscio giù de pioggia a fà un quadretto

che manco Autunno riesce sì a pittallo,

e m’ariguardo triste e sfatto er letto.

***

Svejo da prima che se desti er gallo,

e co ‘na faccia stile gabbinetto,

ma er bello è che nun serve da spiegallo.

***

Stefano Agostino

___________________

***

  1. ‘Na serie de rimbombi tipo guera
    che mano a mano cresce e t’arintrona,
    te sveja in piena notte e te sportrona
    dar letto, mentre imbianca notte nera. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 settembre 2018 @ 05:50
  2. Eh sì, i temporali in questo periodo chiudono lentamente le porte dell’estate e aprono quelle autunnali.

    Comment by Silvio — 7 settembre 2018 @ 09:38
  3. Ecchice! Semo arivati a li botti finali de l’estate; se chiude ‘a festa! Notte da tregenda: lampi, furmini e tòni a nun fini’ e ‘ntra mezzo, acqua a catinelle. Meno ch’è Venerdì e, bene o male, ‘n’arzata ‘nticipata se sopporta, cor penziero der week-end, t’immagini si era d’a notte de domenica, ‘ntra er lunedì?

    Comment by 'svardo — 7 settembre 2018 @ 11:20
  4. Stanotte la mia gattina era spaventatissima dal temporale: tra fulmini e tuoni non sapeva più dove nascondersi! Comunque, non so da quanti anni non sentivo un temporale come quello di stanotte!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 settembre 2018 @ 12:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>