Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

4 Gennaio 2019

Amatriciana

Amatriciana

***

Nun vojo stà a parlà de la ricetta,

che pasta ciài da usà, pecora o grana,

quer che ce va in de un’amatriciana

si ar posto der guanciale, la pancetta.

***

La tradizzione certa, più romana,

sa già qual è l’unione più perfetta,

co quale sugo e come se ‘nforchetta,

‘sto primo de la storia più nostrana.

***

Quer che vojo rimà, co ‘sti du’ verzi,

è er nome propio de ‘sto granne piatto,

chiamato ne li modi più diverzi.

***

Sortanto uno è giusto, pe contratto,

è Amatriciana co la A, che scherzi?

Si è “matriciana”, la magnasse er ratto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Nun vojo stà a parlà de la ricetta,
    che pasta ciài da usà, pecora o grana,
    quer che ce va in de un’amatriciana,
    si ar posto der guanciale, la pancetta.

    Comment by Stefano — 4 Gennaio 2019 @ 08:32
  2. ……e Amatriciana sia!
    Grazie Stefano, Happy New Year!

    Comment by romanocanabahamese — 4 Gennaio 2019 @ 11:51
  3. Anche se l’amatriciana è favolosamente buona, dopo tutto quello che abbiamo ingurgitato fino ad ora, non mi sembra il caso di cucinarla oggi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 4 Gennaio 2019 @ 13:09
  4. Ode all’Amatriciana, nostro squisito piatto regionale famoso nel mondo!

    Comment by Silvio — 4 Gennaio 2019 @ 14:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>