Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

31 Marzo 2010

Papà, cos’è la Roma?

papà, cos'è la romaPapà, cos’è la Roma?

 

***

La Roma,  fijo mio, è più ‘na fede,

nun vojo toje gnente qui ar Signore,

ner quale, unico Dio, continuo a crede,

ma questa è un’artra storia, è un artro amore.

***

La Roma è quarche cosa che ciài dentro,

ce nasci e mòri co quela passione,

come ‘na freccia ch’ha corpito er centro

de quer bersajo tra còre e raggione.

***

La Roma è ‘na sorella, è amante, è madre,

è amica, ché ‘gni tanto te conzola,

si in de ‘sta vita cose zozze e ladre,

t’affosseno er morale e la parola.

***

La Roma è ‘stà città che scenne in campo,

è er Colosseo ch’abbraccia er Cuppolone,

come pè dije ar monno: nun c’è scampo,

è Caput Mundi, embè?!?, de ‘gni nazzione.

***

La Roma è er senzo in più d’appartenenza,

a ‘na bandiera a bande e a du’ colori,

è quarche cosa che nun pòi stà senza,

è tutto un misto de gioje e dolori.

***

La Roma è amore, è pura fratellanza,

è un coro de un mijone de perzone,

che ciànno tutte la bona creanza,

d’avecce in fonno a l’occhi ‘st’emozzione.

***

La Roma è quela maja colorata,

co li colori der foro romano,

tinta cor sangue e d’oro s’è bordata

d’un giallo-ocra e un rosso-pompeiano.

***

La Roma è Roma e resta tale e quale,

si vince, perde, patta o s’ ariposa,

er tifo è uno solo, viscerale,

e nun se guarda ar chi, ar come o ar cosa.

***

La Roma è fija amata e prediletta,

de’ ‘na città d’origgine imperiale,

e se distingue da l’altra cadetta,

che serve solo a fà tifà er lazziale.

***

La Roma è voja e sete de giustizzia,

pe un monno infame, marcio e marchettaro,

ché a èsse onesti poco ce se sfizzia,

va avanti solo a furti e inciuci er baro.

***

La Roma è er sole, è er sale, è er connimento,

che rènne più gustose le pietanze,

è rabbia, è forza e onore, è un gran fomento,

è er filo che riaccorcia le distanze.

***

La Roma è vanto, è orgojo, è aspettativa,

che fa speranza de ‘na vita intera,

la quintessenza pura e recidiva,

de vive un sogno fino a che s’avvera.

***

La Roma è tutto questo e tanto ancora,

che nun se pò spiegà co du’ quartine,

te sei er mi’ fijo e t’auguro da ora

de cresce co st’amoR senza confine.

***

Stefano Agostino

***

  1. E’ semplicemente stupenda. Ogni volta che la leggo e come la prima volta, il risultato BRIVIDI e OCCHI LUCIDI. L’amore per la Roma nn si può spiegare è troppo grande, tu ci riesci magicamente.
    Fede

    Comment di Federica_Perla — 31 Marzo 2010 @ 09:13
  2. Sontuoso, strepitoso Stefano! La Roma è anima nostra, amore viscerale, la Roma è testa e cuore. Di padre in figlio…

    Comment di Silvio — 31 Marzo 2010 @ 10:06
  3. ALLE STAMPE!!! ALLE STAMPE!!! ALLE STAMPE!!! PE’ DISTRIBUILLO A TUTTI LI GIOCATORI, GIOVANILI COMPRESE, CHE ‘NDOSSENO LA MAJA CO LI COLORI DE L’A.S.ROMA. Stefano, ‘sta vorta hai composto ‘n’ODE degna d’esse’ affissa pe’ tutta Roma. De norma sei ‘n grande, ma ‘sta vorta te sei sublimato.

    Comment di 'svardo — 31 Marzo 2010 @ 13:26
  4. AMMAZZA AOH CHE PIENA

    Comment di 'svardo — 31 Marzo 2010 @ 13:27
  5. E’ vero!’Svardo ha ragione, la ROMA è anche più di quello che magnificamente hai scritto, la ROMA è qualcosa di sublime, di inenarrabile e solo chi è romanista lo può capire. Grande Stefano, mi è venuto un groppo in gola!

    Comment di letizia — 31 Marzo 2010 @ 13:35
  6. Tutte le corde del cuore m’hai toccato, Stefano! Dice: ma il cuore non cia’ le corde… ma allora… com’e’ che so cosi’ legato alla ROMA MIA? CIAO, Semplicemente GRAN-DIO-SO!

    Comment di luis60 — 31 Marzo 2010 @ 14:03
  7. Federica, Silvio, ‘Svardo, Letizia, Luis, So che dicendo così mi ripeto, ma è l’unica parola che mi sgorga dal cuore: GRAZIE. Stefano

    Comment di Stefano — 31 Marzo 2010 @ 16:06
  8. Complimenti e’ bellissima.

    Comment di Massimo — 15 Novembre 2012 @ 13:16
  9. Grazie Massimo.

    Comment di Stefano — 15 Novembre 2012 @ 14:18
  10. La Roma, fijo mio, è più ‘na fede,
    nun vojo toje gnente qui ar Signore,
    ner quale, unico Dio, continuo a crede,
    ma questa è un’artra storia, è un artro amore. … (continua)

    Comment di Stefano — 19 Marzo 2016 @ 07:05
  11. Bellissimaaaaaa! Bravo Stefano

    Comment di laura — 19 Marzo 2016 @ 07:41
  12. Superlativa dedica …

    Comment di Elio Malloni — 19 Marzo 2016 @ 09:21
  13. Standing ovation!!!!!

    Auguri a tutti i Papà.

    Comment di letizia — 19 Marzo 2016 @ 10:05
  14. Bongiorno ne auguri a tutti li papà, specie a quelli co’ li fiji aromanisti. Ber sonetto che m’ha rifatto commòve, pure si, da quanno Stefano l’ha scritto ‘a prima vòrta, so’ ito artre vòrte a leggello. SI, ‘a Roma è ‘na fede e so’ contento df’avecce fatto cresce li fiji mia.

    Comment di RomamoR AsR '929 — 19 Marzo 2016 @ 12:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>