Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Febbraio 2019

Nun t’abbatte

Nun t’abbatte

***

Nun te fà abbatte mai da la tristezza,

abbasta che te viè quer velo nero,

che spegne er grugno, giusto co un penziero,

che cià er potere e la dimestichezza …

***

… de pittà smorfie ar viso tutto intero,

li lati de la bocca già l’attrezza

in du’ tronconi a arco in cui li smezza,

a scegne verzo er basso ar punto zero.

***

Spenta la bocca, passa dopo a l’occhi,

se smorzeno ner lucido velato,

che lentamente sona li rintocchi …

***

… ar tempo che nun è mai delicato,

pe quanto te l’allunghi e lo tarocchi,

ne la tristezza è solo che buttato.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

 

  1. Nun te fà abbatte mai da la tristezza,
    abbasta che te viè quer velo nero,
    che spegne er grugno, giusto co un penziero,
    che cià er potere e la dimestichezza …

    Comment di Stefano — 18 Febbraio 2019 @ 05:34
  2. Ciao Stefano, sembra che il sonetto odierno l’hai dedicato a me! Cercherò di scacciare la tristezza, anche se non è facile.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 18 Febbraio 2019 @ 12:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>