Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Maggio 2019

7 maggio, 4:35 – benvenuta Marta

7 maggio, 4:35 – benvenuta Marta

***

Le 4 e 35 … er 7 maggio,

er regalino che mejo se scarta,

mó fermi tutti, ch’è arivata Marta,

 a ‘mprezziosì ‘sta casa e ‘sto lignaggio.

***

Pe Simo e Giampo auguri co ‘sta carta,

fatta de rime, un po’ de mio appannaggio,

ma auguri a nonni e zii de tutto er raggio,

co li cuggini che ‘sta pupa esarta.

***

Ché er fìo, si è de un cuggino, qui a Roma

dà er titolo arifresso già de “zio”

come me sento oggi cor diproma.

***

Te vojo bene Marta … sì sò io …

sei benvenuta ar monno e in de ‘st’idioma,

ringrazzio papà e mamma e sempre Dio.

***

(zio) Stefano Agostino

______________________

***

 

  1. Le 4 e 35 … er 7 maggio,
    er regalino che mejo se scarta,
    mó fermi tutti, ch’è arivata Marta,
    a ‘mprezziosì ‘sta casa e ‘sto lignaggio. …

    Comment di Stefano — 7 Maggio 2019 @ 07:07
  2. Dall’amore è nata una nuova vita! Tanti affettuosi auguri alla piccola Marta, benvenuta!
    Buona Giornata di festa.

    Comment di letizia — 7 Maggio 2019 @ 11:06
  3. Auguri a Marta
    Auguri a Zio Stefano

    Comment di romano cb — 7 Maggio 2019 @ 14:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>